Raoul Bova - Scheda personaggio famoso

Cerca Personaggio:
 
 
Raoul Bova

Raoul Bova

Data di nascita: 14 Agosto 1971
Nazione: Italia

 

Figlio di un dipendente dell'Alitalia, diplomato all'istituto magistrale, si iscrive all'ISEF e comincia la carriera sportiva come nuotatore. Frequente la scuola di recitazione di Beatrice Bracco, e partecipa come valletto a varie trasmissioni Rai. Quando eravamo repressi di Pino Quartullo è il suo primo film, cui segue Mutande pazze di Roberto D'Agostino.

Da lì, grazie alla sua fisicità poi avvalorata da una applicazione nelle performance d’attore, seguono circa trenta film, tra cui Piccolo grande amore (1993) di Carlo Vanzina, il potente Palermo Milano solo andata (1995) di Claudio Fragasso, lo scaltro La lupa (1996) di Gabriele Lavia, I cavalieri che fecero l'impresa (2001) di Pupi Avati, Sotto il sole della Toscana (Under the Tuscan Sun, 2003), di Audrey Wells con Diane Lane. È con Ozpetek che Bova assume un ruolo più maturo, come in La finestra di fronte (2003). Lavora anche all’estero, Alien vs Predator (2004) di Paul W.S. Anderson, per poi scendere a commedia popolari come Scusa ma ti chiamo amore (2008) di Federico Moccia, Ti stramo (2008) di Pino Insegno, un cammeo in Baarìa (2009) di Giuseppe Tornatore, Ti presento un amico (2010) di Carlo Vanzina.

La sua carriera cinematografica è quindi indecisa tra l’esibizione di una fisicità che gli permetterebbe di affrontare ruoli seri, ed un cinema italiano che non sa valorizzare le sue capacità recitative, comunque migliorate negli anni. Per assurdo, solo la televisione risce in questa impresa, quasi veicolando al vasto pubblico il suo coté più introspettivo: Ultimo (1998) di Stefano Reali, Il testimone (20019 di Michele Soavi, addirittura Francesco (2002) sempre di Soavi, Karol - Un uomo diventato Papa (2005) di Giacomo Battiato,  fino a Nassiriya - Per non dimenticare (2006) dello stesso Soavi e Come un delfino (2011) sempre di Reali.

Bova è molto attivo nell’ambito del sociale, con la Fondazione Capitano Ultimo Onlus in favore del Parco della Mistica, contrastando l'attività della criminalità organizzata e la promozione della legalità. Ha una società di produzione, la Sanmarco film Production.

leggi tutto
 
Galleria fotografica
mostra altre foto
 
Articoli correlati

Recensione film Nessuno mi puň giudicare: una trama per una viveur troppo veloce

Massimiliano Bruno non si è accorto che sceneggiando un film come Nessuno mi può giudicare che trattava di prostituzione in maniera comica, si andava a scontrare con i colossi della cinematografia che raccontano di questo mestiere femminile. Irma la dolce (1963) di Billy Wilder, dove Irma ironizza sui suoi clienti, mostrando loro ogn...

 

Viva l'Italia, rappresentata nella tragi-commedia

Viva l'Italia è uscito lo scorso 25 ottobre nelle sale: protagonista l'Onorevole Spagnolo (Michele Placido) dell'omonimo partito Viva l'Italia che in seguito a una notte allegra con la soubrette di turno è colpito da demenza "frontoparietale". Insomma, abituato a mentire si ritrova a palesare tutto ciò che gli passa per la ment...

 

Ultimo 4 - L'occhio del falco: stasera ultimo appuntamento su canale 5

Dopo ben 14 anni dal debutto in tv di Ultimo, è tornato ieri sera e stasera su canale 5 il quarto capitolo di Ultimo-L'occhio del falco con Raul Bova nei panni del capitano dei ROS promosso nel frattempo a colonnello. Diretto dalla regia di Michele Soavi, la serie prende spunto dalle reali vicende che hanno coinvolto Ultimo (nella...

 

Fiction Ultimo - L’occhio del falco, un complesso trasferimento

Ultimo - L'occhio del falco, fiction ora in onda su Canale 5 ci conduce nella vicenda del colonnello interpretato da Raoul Bova.Il colonnello Ultimo è trasferito al nucleo ecologico dei Carabinieri: il clima  lavorativo è difficile, il personale è scarso così come i mezzi. È appoggiato dal suo amico Fulvio, c...

 

Ultimo 4 - L'occhio del falco: ieri otto gennaio l'ultima puntata con Gianluca Gobbi

Ieri sera otto gennaio si è conclusa con successo la miniserie tv di canale Cinque Ultimo - L'occhio del falco portandosi a casa dei grandi dati di audience: la puntata di lunedì sette gennaio ha interessato quasi sette milioni di telespettatori con uno share pari al 22%. Un risultato ragguardevole considerando l'agguerrita concorren...

 

Raul Bova, il compositore Ennio Morricone cura le musiche di Come un delfino 2

Come un Delfino 2 con Raul Bova in onda il 15 maggio su Canale 5 troviamo l’insegnate Alessandro Dominici e i Ragazzi del Sole a Roma, mentre si allenano alla Taurus, piscina di prestigio gestita dal suo manager Ugo (Paolo Conticini). Ma qui i ragazzi vivono momenti difficili poiché gli atleti della Taurus considerano con spregio i gio...

 

Fiction Come un delfino 2, Raoul Bova č Alessandro Dominici contro la mafia

Come un delfino 2 è la fiction ora in onda su Canale 5, interpretata da Raoul Bova.Dopo l’oro ai Campionati Assoluti, i giovani di Don Luca realizzano il sogno di riuscire ad allenarsi in una piscina tutta loro. È il campione Alessandro Dominici (Raoul Bova) ad averla realizzata,  dopo aver portato alla vittoria i raga...

 

Amici 2013: giudice della semifinale Raoul Bova, in tv con Come un delfino 2

E anche la 12esima edizione del talent show Amici condotto da Maria De Filippi si avvia alla conclusione. Stasera infatti va in onda in prima serata su canale 5 la tanto attesa semifinale: dopo una stagione di grandi successi di audience (con uno share medio del 23,62%), uno dei programma più seguito e longevo della tv italiana premier&agra...

 

Raoul Bova: vola a Los Angeles per dare vita a Gardel e si riprende dalla convalescenza

Raoul Bova, ex nuotatore italiano che a 15 anni vinse il campionato nei 100 metri dorso maschili, sarebbe stato ricoverato d'urgenza a causa di un malore. Il suo manager ha confermato che l'attore "la scorsa settimana ha avuto la febbre alta per alcuni giorni nel corso delle riprese del film 'Indovina chi viene a Natale? Diretto da Fausto Brizz...

 

Raoul Bova: l'italiano voluto da Madonna, si allontana da Chiara Giordano

Raoul Bova si separa da Chiara Giordano. Lo ha rivelato in un'intervista rilasciata a 'Vanity Fair', 'nella quale ha precisato 'abbiamo deciso di comune accordo, con grandissimo dolore e con grandissima civiltà, di prendere strade diverse. Lo abbiamo fatto perché crediamo troppo al valore della famiglia per tenerla in piedi a qua...

 
 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni