X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film You Disappear

09/11/2017 08:00
Recensione del film You Disappear

“You Disappear” è il film candidato all’Oscar. mauxa l’ha visto in anteprima.

You Disappear (“Du forsvinder”) è il film di Peter Schønau Fog scelto dalla Danimarca per essere candidato agli Oscar 2018.

“Lui potrebbe agire in base a degli impulsi” dice il dottore, sancendo così l’allontanamento della moglie Mia (Trine Dyrholm) che non riconosce più il marito Frederik (Nikolaj Lie Kaas), dopo che gli è stato diagnosticato un rumore al cervello.

Mia piange di nascosto da lui, non sapendo più come agire. Nella scuola in cui Frederik insegna si dubita dei suoi comportamenti, e lui comincia ad agire in maniera irruente tanto da commettere un reato per cui vengono chiesti tre anni di carcere. Ma questi gesti - come prendere a schiaffi una persona con cui sta discutendo - sono causati dalla sua malattia che altererebbe il comportamento, oppure dl suo carattere? In questo secondo caso, lui sarebbe un colpevole come tutti.

La voce fuori campo di Mia spesso risulta invadente, quasi a spiegare delle percezioni che con le immagini è difficile rendere. Se siamo
semplicemente sistemi biologici con cervelli inattendibili, la vita risulta un caotico sfiorarsi di frammenti e nessuno ci conosce per come siamo: pare questa la tesi del film.

A tale idea si lega la difficoltà di racconta una complessità simile con gli strumenti tradizionali della narrazione, sopratutto cinematografica. Lo stesso rapporto tra causa ed effetto non parrebbe avere senso.

Così il regista Schønau Fog in “You Disappear” utilizza scene disgiunte di fiction, fatti, memorie e flash d’immaginazione, che conducono lo spettatore alla curiosità. Il momento all’operazione chirurgica cui si sottopone Frederik, e in cui si elimina il meningioma è alternato a quello dove Mia assiste il marito operato, per poi tornare all'operazione. È difficile capire se prima sia avvenuto l’intervento oppure l’assistenza al capezzale del marito: ma ciò non è importante, perché ogni spettatore nelle scene proposte può ritrovare momenti privati, senza l’esigenza di un rigore temporale da seguire.

E anche il processo sommario cui Frederik è sottoposto è reale? Non si comprende neanche quale accusa gli si muova. “È inabile Frederik a continuare il suo ruolo a scuola?”, è la domande che si pone di fonte ai membri della giuria.

Trine Dyrholm, già protagonista di “Love Is All You Need” dipinge i vari stati d’animo, tra paura e felicità, come scaglie che s’insinuano nella sua vita. “Stavi abbastanza bene per resistere agli impulsi egoistici”, dice il medico a Frederik riguardo ai gesti compiuti a scuola, secondo cui il reato compiuto non è da causare al meningioma che ha alterato i suoi comportamenti, bensì al suo carattere. E quindi premeditato.

Così si passa dal passato al presente, in cui il protagonista è davanti al giudice donna che dovrà decidere se punirlo o meno. Il difensore ribadisce che gli atti compiuti in uno stato di disordine mentale non sono punibili. Tanto che Frederik si sente condannato anche dalla moglie, per un motivo che sarà svelato alla fine.

Il film forse è uno dei pochi proponibili oggi, in cui a fronte delle lineari narrazioni decise dal marketing si oppone una storia che riversa la realtà in immagini, con spudoratezza. Come la violenza di cui Trine è capace, con le sue confessioni. E il patchwork di dubbi che semina.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film ‘Detroit’

Detroit è il film di Kathryn Bigelow con Will Poulter, Hannah Murray, Jack Reyno. Il 23 luglio 1967, la polizia di Detroit inscena un raid in un club senza licenza durante una celebrazione per il ritorno di veterani neri. Mentre i sospettati vengono arrestati, una folla inizia a lanciare sassi contro gli ufficiali prima di saccheggiare i ne...

 

Film più visti della settimana, ‘Justice League’ e ‘Wonder’ sono le novità

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 novembre 2017 segna l’entrata conferma al primo posto di “Justice League” (93.842.239, leggi la recensione e l’intervista a l’attrice): la storia è quella di Batman che si allea con Wonder Woman, Aquaman, Flash e Cyborg per sconfigg...

 

Johnny Depp, è un investigatore di Los Angeles nel nuovo film ‘LAbyrinth’

Johnny Depp è attualmente nel sale statunitense con Il film “Assassinio sull'Orient Express”, che in Italia uscirà il 20 novembre e tratto dal romanzo di Agatha Christie del 1934. Per il nuovo film opta sempre per una sceneggiatura tratta da un libro, “LAbyrinth” incentrato su un pervicace detective. Il film &...

 

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni