X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Vittoria e Abdul, intervista all'autrice del libro Shrabani Basu

30/10/2017 08:00
Vittoria Abdul intervista all'autrice del libro Shrabani Basu

Mauxa ha intervistato in esclusiva Shrabani Basu, autrice del libro "Vittoria e Abdul" di Edizioni Piemme da cui è tratto il film di Stephen Frears con Jude Dench.

Vittoria e Abdul è il libro di Shrabani Basu, pubblicato da Edizioni Piemme che racconta la vicenda realmente accaduta di Abdul Karim, ventiquattrenne di Agra che si sposta in Inghilterra come servo della Regina Vittoria. È il giugno del 1887: Abdul diviene prima segretario della Regina, poi attendente personale e insegnante di lingua urdu. Abdul - da consigliere e confidente per le faccende dell’India - è presente anche nei viaggi ufficiali della regina, tanto da essere scambiato per un principe. Ma la famiglia reale non approva questa intromissione.

Mauxa ha intervista la scrittrice Shrabani Basu. Dal libro è tratto il film "Vittoria e Abdul” diretto da Stephen Frears e intestato da Judi Dench e Ali Fazal (leggi la recensione).

D. Nel 2010 hai scritto il romanzo “Vittoria e Abdul”. Come sei venuta a conoscenza del rapporto d’amicizia istaurato dalla Regina Vittoria con il segretario indiano Abdul Karim?
Shrabani Basu. Sapevo che da un libro precedente sul curry che la regina Vittoria amava questo cibo e che aveva alcuni servi indiani. Sono andata in visita a Osborne House, la casa per le vacanze della regina Vittoria sull'Isola di Wight: qui ho visto un ritratto di Abdul Karim nel corridoio indiano. Era dipinto con colori ricchi, vestiti di rosso, oro e crema e lui teneva sulle mani un libro. Mi ha colpito che non fosse stato dipinto come un servo. Questo fatto ha suscitato la mia curiosità. Nello spogliatoio della regina Vittoria c'era una fotografia di lui collocata appena sotto quello di John Brown (amante della regina, n.d.r.). Ciò mi ha convinto che era una persona speciale e volevo saperne di più.

D. Qual è stato il suo primo pensiero nell’apporrciartis a questa vicenda?
Shrabani Basu. Ci sono voluti quattro anni per la ricerca della storia. Ho letto i diari di regina Vittoria nel Castello di Windsor, ho letto i Hindustani Journals (sono le lezioni che lei ha preso in Urdu da Abdul Karim) e tutto il rapporto lentamente è iniziato a coprire davanti ai miei occhi. Ho tracciato la linea dei discendenti di Abdul Karim e ha trovato il suo diario perduto a Karachi, in Pakistan. Così ho potuto mettere tutta la storia insieme.
Non è un romanzo. È un lavoro di non-fiction. Ogni dettaglio è accuratamente analizzato nella provenienza della fonte. La storia vera era così affascinante, che non ha avuto bisogno di essere trattata con finzione.

D. Ha incontrato particolari difficoltà nel caratterizzare i personaggi?
Shrabani Basu. Ho avuto accesso a diari e alle lettere non solo della famiglia reale, ma anche a quelli di altri membri. Nonché le lettere scritte dal viceré dell'India. Ho letto i giornali di tutto quel periodo. Ogni fonte mi ha aiutato per la ricerca e per costruire la storia. Si tratta di una storia drammatica, e ho imparato a conoscere i personaggi. Così ho scoperto un lato diverso della regina Vittoria, difforme dalla percezione popolare che la connota come poco sorridente o incline al divertimento. Invece ho scoperto che la regina era appassionata, vivace, e non aveva paura di esprimere la sua opinione. Era in piedi come una roccia in difesa di Abdul Karim, accusando anche la sua famiglia di razzismo, di snobismo. In un certo senso è stata un’anticipatrice dei tempi.

D. Infatti dopo la morte della regina Vittoria, Abdul fu odiato e discriminato dalla famiglia reale e rimandato in India. Pensi che questa forma di discriminazione esista ancora oggi?

Shrabani Basu. Sì, esiste. Non solo in Gran Bretagna ma in tutto il mondo. Il razzismo esiste ovunque.

D. Il film di Stephen Frears segue il libro?
Shrabani Basu. Il film segue il libro molto da vicino, e tutti i momenti drammatici del libro sono inclusi. Alcuni eventi sono stati cambiati un po’, perché in un film si ha sempre una licenza creativa. Ma nel complesso aderisce alla struttura del libro.

D. Tu sei stata felice della scelta di Judi Dench nel ruolo della Regina Victoria?Shrabani Basu. Mi ha fatto piacere quando Judi Dench ha accettato in interpretare la regina Vittoria. Lei è un'attrice brillante e ha messo in evidenza tutti gli strati di Vittoria, in un modo che solo lei poteva condurre. A volte lei è una ragazza di sedici anni, che beve champagne e balla, e qualche volta è una vecchia regina solitaria. Lei fa emergere anche il lato festoso della regina Vittoria.

D. Hai conosciuto l’attrice e il regista?
Shrabani Basu. Sì, ho avuto modo di conoscerli durante il film e il tour di promozione che abbiamo realizzato. Abbiamo viaggiato insieme a Venezia, Toronto e New York. È stata una buona squadra. Ognuno ha senso dell'umorismo e abbiamo riso molto.

D. Tu sei una giornalista, e da Calcutta ti sei spostata a Londra. Cosa ti manca del'India?
Shrabani Basu. Ho vissuto a Delhi prima di trasferirmi a Londra. Torno molto spesso, quindi non mi sento mai troppo tagliata fuori. Mi manca il cibo di strada a Delhi e lo shopping. La vita è più rilassata in India. Ho amici e parenti lì, mi mancano troppo. Mia madre ha ottanta anni ed è abbastanza fragile, così mi preoccupo per lei. Per fortuna, siamo in grado di parlare con regolarità ed è solo un volo di nove ore da Londra, quindi non troppo male.

D. Qual è il tuo prossimo progetto?
Shrabani Basu. Ho un libro in mente. Mi occorre sempre qualche anno per effettuare le ricerche, quindi spero di avere qualcosa in un anno o due.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Judi Dench
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Recensione film Skyfall, Daniel Craig in una prova di fedeltà

Skyfall è solo l'ultimo episodio della fortunata saga che ha per protagonista l'agente segreto James Bond. Nome in codice 007, nato dalla penna e dall'immaginazione dello scrittore inglese Ian Fleming che ha mutuato il personaggio dalla sua esperienza personale vissuta durante gli anni di servizio in guerra. James Bond (Daniel Craig) si tro...

 

Il fascino di Marilyn Monroe attraverso l'interpretazione di Michelle Williams

"Ho letto, visto, consultato tutto: interviste, discorsi, canzoni. Ho indossato i suoi vestiti, provato il suo rossetto e le sue parrucche platino. Volevo cogliere l'anima, non essere un clone." Questo è quanto ha dichiarato l'attrice statunitense Michelle Williams premiata col Golden Globe e candidata come attrice protagonista agli Oscar 20...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni