X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Festival di Venezia 2017, 'Hannah': incontro con Andrea Pallaoro e Charlotte Rampling

08/09/2017 18:45
Festival di Venezia 2017 'Hannah' incontro con Andrea Pallaoro Charlotte Rampling

Il film è in concorso alla 74° Mostra internazionale di arte cinematografica

Charlotte Rampling è “Hannah”, una donna alle prese con una realtà che non riesce più a riconoscere come sua. Chiamata ad affrontare le conseguenze di un evento che sconvolge la sua vita, la donna comincia a sgretolarsi, a dissolversi.

Andrea Pallaoro, al suo secondo film dopo l’apprezzato “Medeas” (che aveva debuttato proprio a Venezia nella sezione Orizzonti), sceglie la via dell’indagine esistenziale, realizzando un’opera interamente dedicata alla psiche della sua protagonista.

“Il mio obiettivo è sempre stato quello di addentrarmi nel mondo interiore di Hannah”, ha spiegato il regista, “un personaggio intrappolato dalle sue incertezze, paralizzato dalle sue dipendenze. Sono molto attratto dai personaggi emarginati, incompresi dalla società. Ho cercato di favorire un approccio sensoriale ed emotivo, senza distrazioni narrative spesso superflue.”

Già in “Medeas” Pallaoro svolgeva una riflessione sul rapporto tra identità personale e identità sociale; nel caso di “Hannah”, questa analisi si allarga al rapporto di coppia. “Una delle cose che mi interessa di più è esplorare i confini individuali all’interno di una coppia. La domanda alla base è, cosa succede nella psicologia di una persona quando, dopo quarant’anni di vita insieme a qualcuno, si scopre qualcosa di inaspettato? Che rapporto si ha con la propria identità?”

Raccontando la genesi del progetto, e le ragioni che l’hanno spinta ad accettare il ruolo, Charlotte Rampling si è espressa così: “È difficile conoscere davvero le persone, anche, o forse soprattutto, quelle che ci stanno vicine. La telecamera, invece, ti permette di entrare davvero nella mente di qualcuno. Ho accettato perché Andrea sapeva come riuscire in un’impresa simile, e perché questo film parla di solitudine, e di come sopravvivere.”

Pallaoro ha svelato che la sceneggiatura è stata scritta appositamente per l’attrice: “Vidi Charlotte per la prima volta sul grande schermo ne ‘La caduta degli dèi’ di Luchino Visconti, e da quel momento me ne innamorai. Iniziai a seguirla in tutti i suoi ruoli, sognando di poter lavorare con lei, un giorno. Le mandai la sceneggiatura e una copia del mio primo film, e dopo qualche giorno lei rispose che era disponibile ad incontrarmi. Quell’incontro segnò l’inizio di un’amicizia e di una collaborazione artistica. Creare questo personaggio insieme a lei mi ha insegnato tantissimo.”

“Dopo il nostro primo incontro, ho capito che eravamo sulla stessa lunghezza d’onda,” gli ha fatto eco Rampling. “La produzione non è partita subito come pensavamo, così abbiamo avuto tre anni per diventare amici. Non parlavamo solo del film, ma anche della vita in generale. Mi ha aiutato a capire a fondo questo personaggio, e non capita spesso di avere tutto questo tempo per conoscere la sceneggiatura e il regista. Un attore ha bisogno di sentirsi al sicuro nelle mani del regista, perché solo così può dare il massimo.”

Pallaoro ha anche spiegato come, insieme al direttore della fotografi, abbia elaborato un linguaggio cinematografico per mettere in scena il senso di disorientamento e di confusione provato da Hannah, per esplorare il confine fisico e psicologico tra interno ed esterno.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Il domani tra di noi, nuove immagini del film con Kate Winslet

Una nuova clip del film “Il domani tra di noi” (“The Mountain Between Us”) è stata diffusa. Nelle immagini Ben Bass (Idris Elba) litiga con Alex Martin (Kate Winslet) sulla decisione da prendere per procedere nel mezzo delle montagne innevate. La trama è incentrata su un incidente aereo, dopo il quale due sco...

 

Addio Christopher Robin, il film sull'autore di Winnie-the-Pooh

Addio Christopher Robin (“Goodbye Christopher Robin”) è il film che uscirà nelle sale statunitensi il 13 ottobre. La storia racconta il rapporto tra l'autore dei libri per bambini amato A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston). Il suo personaggio ha ispirato il mondo di Winnie-the-Pooh. ...

 

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni