X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017, il film 'M' sulla conoscenza senza parole

05/09/2017 08:00
Festival di Venezia 2017 il film 'M' sulla conoscenza senza parole

"M" è il film di Sara Forestier presentato alla Mostra del cinema di Venezia

Come nella tradizione del cinema francese, è dai gesti semplici che nasce una storia: quella di Lila e Mo, che si incontrano ad una fermata dell'autobus e da lì cominciano una relazione. Lei ha un problema che le impedisce di parlare, lui è stravagante e si mantiene con le corse clandestine.

In “M” di Sara Forestier la protagonista Lila studia per sostenere gli esami, e nel rapporto con Mo getta una verve che non credeva di possedere. Il film tra questo mutismo solo esteriore di Lila e quello interiore di Mo crea una dimensione oscura e invalicabile, quasi che i due abbiano più segreti di quelli che non vogliono confessare.

Su questo passaggio lieve – pur nella semplicità della trama – si innesta una progressiva conoscenza, una corrispondenza reciproca che lo spettatore è portato ad accettare, pur dall’iniziale perplessità.
La regista Sara Forestier ha vinto il premio César nel 2004 come attrice emergente per l’interpretazione di Lydia nel film “La schivata” e nel 2011 per “Le Nom des gens”: sa quindi come far veicolare i dilemmi agli attori, da Redouanne Harjane che interpreta Mo, a sé stessa nel ruolo di Lila. Il film pecca di una prolissità proprie di alcune opere prime, che emerge soprattutto nella gestualità dei due protagonisti. Ma lo sguardo della protagonista mentre cerca di non cedere alle parole di Mo, per poi esserne vittima è emblematico di un tipo di cinema che ritiene che l’attore sia essenziale nel veicolare il valore del film, tramite le lacrime che emergono dia primi piani o movimenti di guance.

È La stessa tenacia attoriale che emerge in film come “Prima dell’alba” (2005) con Ethan Hawke e Julie Delpy, “Landline” con Jenny Slate e Edie Falco, “Bokeh” con Maika Monroe e Matt O'Leary. O di un recente successo francese, “Ce qui nous lie” di Cédric Klapisch con Pio Marmai e Ana Girardot. Più basso è il budget di produzione, migliore è l’impegno degli attori, che cercano di far veicolare con le proprie performance un’empatia maggiore di quanto ci si possa aspettare dalla sceneggiatura. Quella dedizione rossa che Ernest Hemingway citava per la scrittura, per cui non occorre fare altro che “sedersi alla macchina da scrivere e sanguinare”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1