X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017, 'Suburbicon': recensione del film

03/09/2017 11:45
Festival di Venezia 2017 'Suburbicon' recensione del film

Il film "Suburbicon" è in concorso alla 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, in programma al Lido di Venezia dal 30 agosto al 9 settembre 2017.

Abbiamo guardato il nuovo film diretto da George Clooney e intitolato "Suburbicon", in concorso alla 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. 

La trama affronta tematiche sociali con nitido stile e le colloca all'interno di un thriller irrisolto. Il racconto si svolge nella città di Suburbicon, presentata nei primi minuti del film come modello apparentemente esemplare di civiltà e progresso.

Gardner Lodge (Matt Damon) sembra un padre premuoroso e affidabile ma questi tratti vengono rapidamente smentiti quando si ritrova in una situazione di grande difficoltà legata all'elemento criminale del film. L'uomo è sposato con Rose (Julianne Morre), la coppia ha un figlio, Nicky (Noah Jupe). 

“Il film inizia con una serie di certezze sul mio personaggio” - spiega Matt Damon - “Certezze che iniziano a incrinarsi quando lo vediamo tentare ripetutamente di tenere la situazione sotto controllo e fallire”. La condizione del personaggio di Gardner e quella dei suoi familiari precipita quando i due criminali Ira (Glenn Fleshler) e Louis (Alex Hassell) entrano nella loro casa di notte e li prendono in ostaggio. L'evento si evolve in un modo estremamente negativo, i malviventi utilizzano il cloroformio per addormentare la moglie di Gardner ma l'eccesso della dose uccide la donna. 

Il protagonista e la cognata Margaret (anch'essa interpretata da Julianne Mooree) divengono interpreti di una situazione ambigua e pericolosa che rivela i loro perversi intenti. "All’inizio del film, Margaret tra le due è più dolce, più semplice” - ha spiegato Julianne Moore - “Invidia segretamente la vita della sorella e questo crea una serie di tensioni e influenza le decisioni che prende”. 

I criminali Ira e Louis proseguono nel tormentare Gardner fino a minacciarlo mentre Margaret è chiamata a confrontarsi con l'abile assicuratore Bud Cooper (Oscar Isaac), il quale nutre forti dubbi su quanto dichiarato dai protagonisti riguardo la tragica notte in cui è morta Rose. "Cooper capisce subito che Gardner e Margaret non sono molto intelligenti” - ha commenato Oscar Isaac - “Inizia a sospettare che ci sia qualcosa che non va e a quel punto ha campo libero”.

Il piccolo Nicky subisce tristemente gli eventi e il suo rapporto con il padre Gardner rievoca mancanze comunicative diffuse negli anni Cinquanta, periodo di ambientazione del film. “Il tipo di comunicazione frequente e aperta che genitori e figli hanno oggi non era comune in quegli anni” - ha spiegato Matt Damon - “Quando succedono questi tragici avvenimenti nella sua vita, il bambino non ha nessuno che lo aiuti ad affrontarli”. L'unico personaggio favorevole al destino di Nicky è suo zio Mitch (Gary Basaraba), il quale ha un ruolo determinante per l'esito della storia. 

Sullo sfondo del thriller, il film tende all'estremizzazione del tema dell'odio razziale. La coppia dei Meyers si trasferisce a Suburbicon e diviene bersaglio dell'intera comunità. Con atteggiamenti discriminatori e violenti, gli altri abitanti sono intenzionati a cacciare la famiglia di colore dalla città. Le vicende narrate aprono la strada anche all'elemento del capro espiatorio, un aspetto che evoca con forza attuali problematiche sociali e culturali. L'espressione dell'atteggiamento di controtendenza alla discriminazione passa attraverso il legame di amicizia che nasce tra Nicky e il figlio dei Meyers, protagonisti della scena conclusiva del film che si fa portatrice di un profondo e significativo messaggio. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1