X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017, 'Il contagio': intervista ai registi del film

01/09/2017 20:00
Festival di Venezia 2017 'Il contagio' intervista ai registi del film

Il film "Il contagio" è stato presentato alla 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito della sezione Giornate degli Autori.

Abbiamo intervistato Matteo Botrugno e Daniele Coluccini, registi del film "Il contagio" tratto dall'omonimo romanzo di Walter Siti e presentato alla 74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, nell'ambito della sezione Giornate degli Autori. 

D: Entrambi avete definito "Il Contagio" di Walter Siti come un "romanzo perfetto da trasporre su grande schermo". Quali sono le principali ragione di questa vostra considerazione?

Matteo Botrugno: Leggendolo nel suo stile volutamente frammentario suggerisce delle immagini che sembrano proprio adatte a porsi questa domanda: "perchè non è stato mai fatto un film su Il contagio ancora dopo quasi dieci anni?", e la domanda successiva è "come si fa un film su questo libro?" perchè è veramente complicato, ha una struttura narrativa complessa fatta di storie che si accavallano, che entrano e riescono. Noi abbiamo dovuto legare un po' insieme queste storie e metterci del nostro, cercare di creare delle linee orizzontali e comporre un affresco, di fare in modo almeno di restituire l'impressione che ti da il libro, cioè di partire da tanti piccoli elementi e costruire qualcosa di molto più grande, dare un'idea, un punto di vista su un'umanità e in particolare su un degrado umano. Noi abbiamo tenuto la struttura bipartita del romanzo, di conseguenza la prima parte è ambientata in periferia e la seconda parte al centro, sono dua facce della stessa medaglia, ci piaceva tenere questa apparente contraddzione tra i due mondi che invece alla fine forse non possono stare l'uno senza l'altro.

D: Quanta importanza rivestono i luoghi di ambientazione?

Daniele Coluccini: Noi cercavamo un posto che rispecchiasse un po' l'idea di Walter Siti, il libro si apre proprio, sulla terza pagina, con il disegno di una facciata di un condomoinio con scritto tutti gli abitanti di ogni appartamento, noi abbiamo voluto omaggiare questa scelta che ha fatto Walter Siti all'inizio del suo libro presentando questo grande set, questo piccolo Colosseo in periferia. La scelta del luogo è ovviamente una scelta molto importante, per noi rappresenta un personaggio aggiunto, è quello che fa da collante a tutte le storie, tutti i personaggi si muovono attorno a questa palazzina e creano una storia ambientata in un piccolo posto che però può essere riadattata per un posto più grande.

Matteo Botrugno: In realtà non è neanche un posto così chiuso come potrebbe sembrare apparentemente, è un mondo che in realtà coglie chi viene dall'esterno cioè questo professore, questo intelletuale borghese viene accolto e traghettato dal suo Marcello in questa periferia, esattamente come poi Mauro salta dall'altra parte ed entra nel mondo del potere, quindi sono mondi apparentemente chiusi ma in realtà comunicanti in cui c'è una parte sottile in mezzo in cui avviene il contagio.

D: Le vicende raccontate nel film evidenziano maggiormente gli aspetti negativi o gli aspetti positivi dell'esistenza?

R: Daniele Coluccini: Credo che le due anime che fanno parte della vita di ognuno di noi, aspetti positivi e negativi, siano sostanzialmente una cosa sola, l'uno non può esistere senza l'altro. Quello che facciamo noi è mostrare un'umanità per far porre allo spettatore delle domande, fargli osservare una realtà e poi lasciare che sia lui alla fine del film a dare le risposte agli interrogativi che abbiamo lanciato durante il film. 

Matteo Botrugno: Noi raccontiamo anche un degrado molto forte umano, sociale, però allo stesso tempo cerchiamo anche di restituire quello sprazzo di gioia e felicità, in primis quello di un amore sincero, anche se a pagamento e anche filtrato dalla droga, tra il professore e Marcello, la sincerità dell'ambizione sociale che poi alla fine diventa una schiavitù più che una realizzazione, alla fine noi crediamo che esistano anche degli aspetti positivi. A volte questi obiettivi si mancano perchè la nostra storia è più drammatica ma allo stesso tempo esistono e si contagiano anche aspetti negativi e positivi, perchè non crediamo nel buono e nel cattivo, nel giusto e nello sbagliato a presciendere. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1