X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Brian De Palma, il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

16/08/2017 08:00
Brian De Palma il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

Nikolaj Coster-Waldau, attore de "Il Trono di spade" sarà protagonista del nuovo film di Brian De Palma.

Brian De Palma per il nuovo film “Domino” sceglie un argomento europeo, quello degli attacchi terroristici.

Ma ciò che si nota soprattutto è la scelta di un cast divenuto famoso per le serie televisive. “Domino” è infatti una pellicola che ha come protagonista Nikolaj Coster-Waldau, che nella saga “Il Trono di Spade” ha il ruolo di Jaime Lannister, ovvero il primogenito della famiglia che domina i giacimenti auriferi di Lannisport.

Anche l’attrice della serie “Il Trono di Spade” Emilia Clarke lavorerà in “Above Suspicion” (leggi l’articolo), tratto da un romanzo del giornalista Joe Sharkey; così come Natalie Dormer in “The Professor and the Madman”, anch’esso tratto da un romanzo di Simon Winchester con i diritti acquistati da Mel Gibson (leggi l’articolo).

De Palma - che non ha mai diretto episodi di serie televisive - si adegua quindi alle tendenza di scegliere attori che il pubblico giovane ha ben noti grazie anche alla lunga serialità, resa più pervadente grazie ai sistemi di video on demand.

Il regista per “Domino” non opta però per una storia tratta da un romanzo come nel precedente film “Black Dahlia” (2006) in cui adattava l’opera di James Ellroy; oppure in “Passion" (2012) in cui si ispirava al film francese “Crime d’amour" (2010). Lo stesso “Carlito's Way” (1993) era tratto dal romanzo di Edwin Torres, “Il falò delle vanità” (1990) da Tom Wolfe, “Mission: Impossible” (1996) dalla serie televisiva di Bruce Geller, “Fury" (1978) da John Farris, “Carrie - Lo sguardo di Satana” (1976) da Stephen King.

Stavolta sceglie una sceneggiatura di cui non è neanche soggettista, quella di Petter Skavland. Il clima è comunque nordico, perché Skavland ha scritto ”Kon-Tiki” (2012) e “Il mondo di Sophie” (1999), dal romanzo di Jostein Gaarder .

Gli attacchi terroristici sono il tema del film “Domino”, quelli avvenuti in Europa. Nikolaj Coster-Waldau è un poliziotto danese che deve seguire un uomo sospettato di avere ucciso il collega a Copenhagen. Con un compagno di polizia, Christina Hendricks percorre un tutta l’Europa, e i due scoprono che il loro sospettato è insediato in una cellula ISIS, e che lavora per un operatore della CIA.
Le tematiche action sono quindi sempre presenti come De Palma ha sempre preferito, da “Mission Impossible” a “Scarface”, da “Gli intoccabili” a “Vittime di guerra”.

Il film inoltre segna anche una modalità di produzione nuova, perché vede l’unione di produttori statunitensi e danesi: Michel Schønnemann della Schønne Film ha ribadito che aspira aa creare un thriller di suspense rielaborato sulla linea dei classici come "French Connection”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Brian De Palma, Nikolaj Coster-Waldau
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Mostra del Cinema di Venezia, oggi 7 settembre in concorso la sottomissione di Passion

La Mostra Internazionale del Cinema di Venezia chiude oggi il concorso con due film. Un giorno speciale di Francesca Comencini (Italia) con Filippo Scicchitano e Giulia Valentini racconta di Gina e Marco, alla ricerca delle loro occasioni. Lei ha un appuntamento con un politico che aiutarla a entrare nel mondo dello spettacolo, lui è l&rsquo...

 

Il Festival di Venezia 2012 propone un programma traboccante da Selena Gomez a Marco Bellocchio

È un programma traboccante quello della 69a Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, presentato stamattina all’hotel Excelsior di Roma dal direttore Alberto Barbera e dal presidente della Biennale Paolo Baratta. Gli Stati Uniti sono presenti solo con tre film ma di grande appeal: il progetto segreto di Terrence M...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni