X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Recensione del film 500 Years, la distruzione dell'attuale civiltà Maya

03/08/2017 08:00
Recensione del film 500 Years la distruzione dell'attuale civiltà Maya

"500 Years" è il film documentario sul genocidio della civiltà Maya attuale, acclamato dalla critica. Mauxa l'ha visto in anteprima.

500 Years è il film di Pamela Yates presentato a New York nei giorni scorsi, e che ha già partecipato al Sundance Film Festival ottenendo il consenso della critica. È distribuito dalla Paladin Film.

Le donne Maya che partecipano ad un processo sono un’immagine eloquente delle lotte secolari che imperversano sul territorio messicano. Le loro vesti colorare, pitturate di sfumature  arancioni male si adattano a sermoni legali, ma il genocidio compiuto sulla loro popolazione esige un senso di giustizia che le porta a dover lottare contro un governo sordo.

Nel mese di gennaio 2013 una lunga fila di Maya indigeni si dirige nell'Alta Corte Costituzionale, istituzione storicamente dominata dagli interessi di una piccola minoranza bianca elitaria. La giornalista e antropologa Irma Alicia Velásquez Nimatuj afferma che questa popolazione “si alza dalle ceneri del genocidio, e che ancora vive nella paura”. Infatti tre decenni prima l'élite dirigente, sostenuta dagli Stati Uniti con un colpo di stato rovesciò un governo democraticamente eletto, entrando in un tunnel di repressione e massacri che mieterono 200.000 morti indigeni. I medesimi artisti urbani, intellettuali e gli attivisti sono scomparsi.

Dopo tredici anni di perseveranza i sopravvissuti Maya portarono uno dei principali artefici del genocidio, l’ex dittatore Efraín Ríos Montt a processo: lui è dichiarato colpevole ma dopo dieci giorni - sotto una pressione politica - la Corte Costituzionale annulla il verdetto per un problema di tecnicità.

Al processo una testimone coperta con un velo piange raccontando il massacro subito dalla sua famiglia. Poi emerge la voce della difesa: “Io dubito dell’attendibilità di alcuni testimoni”.

Il documentario di Pamela Yates pur se indugia nei momenti del processo, non prende posizione su queste opinioni. Forse conscia che l’ideologia del potere dominante non potrà garantire la giustizia ai Maya: enormi progetti internazionali come miniere aperte, dighe idroelettriche, aziende agricole sproporzionate sono istallate nei territori Maya, che continuano ad essere distrutti. Secondo l’antropologa Irma Alicia, "se il governo concede tutte le licenze che le aziende hanno richiesto, ci sarà una miniera ogni 60 miglia quadrate”.

Se il processo per molti è stato deludente, per altri è inteso come una minima e improbabile vittoria della popolazione indigena.
Il merito è stato quello di smuovere le coscienze, con la classe media urbana che è uscita per protestare, unendosi a migliaia di persone Maya. Si sono unite alla resistenza superando il divario razziale. Si è fondato un collettivo mediatico con giovani che fanno veicolare le notizie sul web.

L’Hollywood Reporter ha apprezzato proprio la capacità del documentario di mostrare l’”oltraggio”, mentre il The New York Times conferma che il lavoro porta a sostenere i suoi soggetti persino nell'omissione dei dettagli da parte della regista.

Emerge alla fine un’amara constatazione, che una civiltà già massacrata nel 1500 dagli occidentali debba ancora sedersi dietro gli scranni di un tribunale per proclamare la propria dignità.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Come le star trascorrono i weekend di festa

Il “Labor Day”, paragonabile alla nostra Festa dei lavoratori, si celebra negli Stati Uniti il primo lunedì di settembre, e sancisce definitivamente la conclusione dell’estate. Questo weekend di festa diventa così l’occasione ideale per sfoggiare per l’ultima volta un look da spiaggia e godersi il bel tem...

 

Il domani tra di noi, nuove immagini del film con Kate Winslet

Una nuova clip del film “Il domani tra di noi” (“The Mountain Between Us”) è stata diffusa. Nelle immagini Ben Bass (Idris Elba) litiga con Alex Martin (Kate Winslet) sulla decisione da prendere per procedere nel mezzo delle montagne innevate. La trama è incentrata su un incidente aereo, dopo il quale due sco...

 

Addio Christopher Robin, il film sull'autore di Winnie-the-Pooh

Addio Christopher Robin (“Goodbye Christopher Robin”) è il film che uscirà nelle sale statunitensi il 13 ottobre. La storia racconta il rapporto tra l'autore dei libri per bambini amato A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston). Il suo personaggio ha ispirato il mondo di Winnie-the-Pooh. ...

 

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni