X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

22/06/2017 08:00
Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

Transformers - L'ultimo cavaliere è il film di Michael Bay tratto dai giochi.

">"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock.

In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transformers. Si tratta di una lotta interna, che come nei film votati agli effetti speciali semplifica le contrapposizione. Qui una moralità ulteriore rispetto alla primaria si distacca e paventa un potere autonomo.

Così Cade Yeager (Mark Wahlberg) si allea con un astronomo, Sir Edmond Burton (Anthony Hopkins) e una professoressa dell’Oxford University, Viviane Wembley (Laura Haddock). L’obbiettivo è comprendere il motivo per cui i Transformers continuano a tornare sulla Terra, nonché portare la pace tra i Transformers e gli umani.

Il film si giova di un cast di primo livello, che sa passare da film impegnati (Wahlberg ha citato di recente in “Boston - caccia all’uomo” sull’attentato alla maratone di Boston del 2012) a trame assopite che tutto deve alla maestosità delle immagini.

Lo stesso sa fare Michael Bay, che dopo “13 Hours” torna per la quinta volta a raccontare il percorso dei robot creato dalla Hasbro nel 1984. Nel 2007 diresse “Transformers”, e inizialmente rifiutò l’ingaggio offertogli da Spielberg perché considerava i personaggi dei semplici giocattoli. Lo stesso Spielberg con la sua Dreamworks ha prodotto la serie da allora.

Così il giocattolo da 80 milioni dollari - tanto è costato il film - prende forma, con tanto di un team di sceneggiatori che potrebbero sviluppare spin-off, sequel e prequel.

Ed è questo il limite del film, ovvero proporre solo idee di collaborazione a livello generale, quasi di diplomazia bellica piuttosto che sviscerare nei dettagli: ciò avrebbe reso il film anche un ritratto del potere e delle sue sfaccettature. Michael Bay riesce comunque a esprimere la propria idea di nazione anche in un film come questo: se in quello del 2007 era presente John Kennedy, qui appare Churchill. Nel 2007 In “Transformers” torniamo nel 1961, quando un veicolo spaziale trasporta un’invenzione in grado di porre fine alla guerra tra i Autobots e i Decepticons: il veicolo si schianta sul lato oscuro della Luna, e il presidente John F. Kennedy (Brett Stimely) autorizza una missione per portare un uomo sulla luna come copertura per indagare sulla vicenda.

Michael Bay tenta quindi di raccontare attraverso un mondo distante problematiche reali, che si addicono alla sua recente filosofia emersa anche da “Pain & Gain - Muscoli e denaro” (2013). Se gli tutti gli Autobot propugnano la pace, il rispetto per ogni forma di vita, i Decepticon sono violenti, si ribellano al leader del momento: ma stavolta collaborano, per lottare contro i Transformers Reaction Force.  Come nella società reale, in cui le differenze possono essere superate dalla collaborazione. Anche in “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi” si racconta un assalto, quello reale subito da truppe statunitensi nel 2012 a Benghazi.

Ma nulla può Michael Bay contro l’IMAX, ovvero il sistema di proiezione che può mostrare immagini e video con una grandezza e una risoluzione superiore ai normali sistemi. Se la storia da raccontare esige di essere vista solo al cinema perché permette un’immedesimazione che uno smartphone ignora, è grazie a questa tecnologia che è possibile rendere verosimile scene di lotta, di inseguimenti, esplosioni per cui sarebbe difficile credere che un essere d’alluminio come un Transformers possa interagire in maniera così reale con i personaggi.

Il film, come “Power Rangers”, “Resident Evil" tenta di innovare il tema del conflitto tra umano e fantastico in maniera innovativa, ma sono soprattutto gli effetti speciali a migliorare con gli anni e a interessare lo spettatore. Cosicché nel 2019 con il nuovo “Transformers” l’evoluzione visiva potrebbe essere anche virtuale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1