X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

22/06/2017 08:00
Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

Transformers - L'ultimo cavaliere è il film di Michael Bay tratto dai giochi.

">"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock.

In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transformers. Si tratta di una lotta interna, che come nei film votati agli effetti speciali semplifica le contrapposizione. Qui una moralità ulteriore rispetto alla primaria si distacca e paventa un potere autonomo.

Così Cade Yeager (Mark Wahlberg) si allea con un astronomo, Sir Edmond Burton (Anthony Hopkins) e una professoressa dell’Oxford University, Viviane Wembley (Laura Haddock). L’obbiettivo è comprendere il motivo per cui i Transformers continuano a tornare sulla Terra, nonché portare la pace tra i Transformers e gli umani.

Il film si giova di un cast di primo livello, che sa passare da film impegnati (Wahlberg ha citato di recente in “Boston - caccia all’uomo” sull’attentato alla maratone di Boston del 2012) a trame assopite che tutto deve alla maestosità delle immagini.

Lo stesso sa fare Michael Bay, che dopo “13 Hours” torna per la quinta volta a raccontare il percorso dei robot creato dalla Hasbro nel 1984. Nel 2007 diresse “Transformers”, e inizialmente rifiutò l’ingaggio offertogli da Spielberg perché considerava i personaggi dei semplici giocattoli. Lo stesso Spielberg con la sua Dreamworks ha prodotto la serie da allora.

Così il giocattolo da 80 milioni dollari - tanto è costato il film - prende forma, con tanto di un team di sceneggiatori che potrebbero sviluppare spin-off, sequel e prequel.

Ed è questo il limite del film, ovvero proporre solo idee di collaborazione a livello generale, quasi di diplomazia bellica piuttosto che sviscerare nei dettagli: ciò avrebbe reso il film anche un ritratto del potere e delle sue sfaccettature. Michael Bay riesce comunque a esprimere la propria idea di nazione anche in un film come questo: se in quello del 2007 era presente John Kennedy, qui appare Churchill. Nel 2007 In “Transformers” torniamo nel 1961, quando un veicolo spaziale trasporta un’invenzione in grado di porre fine alla guerra tra i Autobots e i Decepticons: il veicolo si schianta sul lato oscuro della Luna, e il presidente John F. Kennedy (Brett Stimely) autorizza una missione per portare un uomo sulla luna come copertura per indagare sulla vicenda.

Michael Bay tenta quindi di raccontare attraverso un mondo distante problematiche reali, che si addicono alla sua recente filosofia emersa anche da “Pain & Gain - Muscoli e denaro” (2013). Se gli tutti gli Autobot propugnano la pace, il rispetto per ogni forma di vita, i Decepticon sono violenti, si ribellano al leader del momento: ma stavolta collaborano, per lottare contro i Transformers Reaction Force.  Come nella società reale, in cui le differenze possono essere superate dalla collaborazione. Anche in “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi” si racconta un assalto, quello reale subito da truppe statunitensi nel 2012 a Benghazi.

Ma nulla può Michael Bay contro l’IMAX, ovvero il sistema di proiezione che può mostrare immagini e video con una grandezza e una risoluzione superiore ai normali sistemi. Se la storia da raccontare esige di essere vista solo al cinema perché permette un’immedesimazione che uno smartphone ignora, è grazie a questa tecnologia che è possibile rendere verosimile scene di lotta, di inseguimenti, esplosioni per cui sarebbe difficile credere che un essere d’alluminio come un Transformers possa interagire in maniera così reale con i personaggi.

Il film, come “Power Rangers”, “Resident Evil" tenta di innovare il tema del conflitto tra umano e fantastico in maniera innovativa, ma sono soprattutto gli effetti speciali a migliorare con gli anni e a interessare lo spettatore. Cosicché nel 2019 con il nuovo “Transformers” l’evoluzione visiva potrebbe essere anche virtuale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Michelle Rodriguez, è una vedova rapinatrice nel nuovo film 'Widows'

Michelle Rodriguez sarà una vedova esperta in rapine nel nuovo film “Widows”, tratta dall’omonima serie andata in onda nel 1983 e 1985. L’attrice è apparsa da poco in “Fast & Furious 8” e nei quattro film precedenti, nel ruolo di Letty Ortiz, moglie fedele di Dominic Toretto. Ha lavorato in &ld...

 

Film più visti della settimana, 'Dunkirk' svetta al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 luglio 2017 vede svettare al primo posto la novità “Dunkirk” (50.500.000 dollari, leggi l’intervista): la storia è quella dell’operazione Dynamo, con cui nel 1940 si effettuò l’evacuazione delle truppe inglesi e franco-belghe da...

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 

Glass, M. Night Shyamalan svela il sequel di Unbreakable e Split

Con l’annuncio del suo prossimo film, “Glass”, M. Night Shyamalan è riuscito ancora una volta a spiazzare tutti; un colpo di scena degno delle migliori pellicole del regista di origini indiane, annunciato da quest'ultimo lo scorso aprile con una serie di messaggi su Twitter, e che dà finalmente una risposta a tutti i...

 

Il regista Steven Soderbergh dirige un film girato con l'iPhone

Steven Soderbergh ha realizzato un film con l’iPhone. La protagonista è Emmy Claire Foy, che ha recitato nella serie "The Crown" e Juno Temple. Il titolo del lavoro è “Unsane", e la distribuzione del film dovrebbe avvenire in digitale. Al momento non sono resi noti il dettagli sulla trama. Già il regista Sean Bake...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni