X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Le 7 cose che ci mancheranno di Sense8

15/06/2017 18:00
Le 7 cose che ci mancheranno di Sense8

"Sense8" non ha superato la prova degli ascolti e Netflix l'ha cancellata dopo due stagioni: la serie tv di Lana e Lilly Wachowski è stata caratterizzata da atmosfere meno cupe di "Matrix", con un certo ottimismo di fondo che permeava le vicende di un gruppo di ragazzi uniti da legami telepatici.

"Sense8", la serie di Lana e Lilly Wachowski, è stata cancellata dopo sole due stagioni nonostante le proteste dei numerosi fan. Decisivi gli ascolti troppo bassi in rapporto ai costi di produzione decisamente elevati che hanno spinto Netflix a far cadere la mannaia, proprio come accade nei network tradizionali. Peccato perché questa serie tv aveva una trama davvero accattivante: otto ragazzi sparsi per il mondo che improvvisamente scoprono di possedere dei legami telepatici e vengono contattati da un certo Jonas che li protegge dal cinico Whispers, intenzionato a impossessarsi di loro per sfruttarli.

Sono molte le cose che ci mancheranno di "Sense8", a dispetto della breve esistenza. Innanzitutto una colonna sonora enfatica e studiata per sottolineare l'universalità delle vite dei protagonisti, come quando i ragazzi cantano "What's up" e "Feeling Good" con un montaggio che ricorda quello dei videoclip anni novanta. Uno dei marchi di fabbrica della serie sono i monologhi come quello di Lito durante la Parade Pride di San Paolo, un inno all'amore e alla tolleranza, così come le storie d'amore facili e senza intoppi sono state una costante utile a far funzionare l'arco narrativo: Lito e Hernando con Daniela, Wolfgang con Kala, Nomi e Amanita. Non c'è da stupirsi che la serie sia stata pubblicamente lodata dall'organizzazione LGBTQ-positive GLAAD.

Lo show si è fatto notare anche per delle scene di sesso decisamente esplicito, che nel 2017 non costituisce più un motivo di scandalo ma che comunque non passa del tutto inosservato. Ma in "Sense8" non c'è solo amore: memorabili le scene di combattimenti nei quali si è distinta soprattutto Sun aiutando Capheus e picchiando i bulli in prigione, tanto che in alcuni frangenti sembrava di essere tornati ai tempi di Matrix. Le star del cast si sono fatte notare anche fuori dall'orario di riprese, postando contenuti esilaranti e interessanti sui propri account dei social-media. Forse il tratto distintivo di "Sense8" è stato un certo ottimismo di fondo percepibile anche nei momenti più bui e problematici, come la fuga di Will e la cattura di Wolfgang.

Lana e Lilly Wachowski, cresciute con le fiabe fantasy di Tolkien, hanno abituato il proprio pubblico ad atmosfere decisamente più cupe di quelle di "Sense8": dalle perversioni di "Bound - torbido inganno" alla trilogia cyber punk di "Matrix" fino alla fantascienza sognante di "Cloud Atlas", non si era visto molto dell'ottimismo anni ottanta della loro serie tv. Dopo la chiusura anticipata di "Sense8", le sorelle Wachowski non hanno annunciato altri progetti in cantiere ed è probabile che si prenderanno una pausa di riflessione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Good Omens, la serie tv: Michael Sheen e David Tennant guidano il cast

Amazon ha annunciato che gli attori Michael Sheen (“Masters of Sex) e David Tennant (“Broadchurch") interpreteranno i protagonisti della miniserie televisiva “Good Omens" (Titolo italiano: “Buona apocalisse a tutti”) che debutterà sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video nel 2019.  Connotata da un'im...

 

Il Trono di Spade 7, Nikolaj Coster-Waldau strizza l'occhio ai fan e difende l'ambiente

"ll Trono di Spade 7" è in pieno svolgimento e i fan sono in subbuglio: si preparano grandi avvenimenti nel continente di Westeros e la battaglia finale fra umani e non-morti sta per avere inizio. Mentre infuria la lotta per il controllo dei Sette Regni, in molti stanno cercando di tener dietro agli intrecci della trama e alle parentele che,...

 

Purché finisca bene, episodio 'La tempesta': un'improvvisa esigenza di maturità

Rai 1 ripropone l'episodio “La tempesta" (trasmesso per la prima volta il 28 aprile 2014) della serie "Purché finisca bene".  Il racconto prende avvio dalla scomparsa di Aldo Del Serio, il quale si trovava in vacanza ai tropici insieme alla moglie. A seguito di uno tsunami nessuno riesce a mettersi in contatto con lui e ciò...

 

Liar, tradimenti e inganni nella nuova serie tv

La serie televisiva “Liar” debutterà il 27 settembre negli Stati Uniti sul canale SundanceTV. Si tratta di un thriller psicologico articolato in sei puntate, creato e scritto dai produttori e sceneggiatori Harry e Jack Williams di Two Brothers Pictures ("The Missing", “Fleabag”). La trama si svolge attorno alle ...

 

L'ambasciata, rischi e tentativi nella terza puntata della serie spagnola

La terza puntata della serie televisiva spagnola “L’ambasciata” (Titolo originale: “La embajada”) va in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.25. La trama pone al centro il personaggio di Luis Salinas (Abel Folk), il nuovo ambasciatore spagnolo in Thailandia che si trasferisce insieme alla sua famiglia a Bangko...

 

The Walking Dead, la tragica morte di uno stuntman non influirà sulla trama

"The Walking Dead", la nuova stagione della più popolare serie tv sul mondo degli zombie, ha subito un evento tragico nel mese di luglio: lo stuntman John Bernecker è morto durante le riprese del programma dopo una caduta da alcuni metri. Nonostante la pluriennale esperienza l'uomo, che aveva avuto piccole parti in "Logan" e "Piccoli ...

 

Preacher, seconda stagione: intervista all'attrice Julie Ann Emery

Abbiamo intervistato in esclusiva l'attrice statunitense Julie Ann Emery, interprete del personaggio di Lara Featherstone nella serie televisiva "Preacher".  Leggi la trama D: La seconda stagione di "Preacher" ha debuttato negli Stati Uniti il 25 giugno 2017, il giorno successivo è stata resa disponibile su Amazon Prime Video. Le...

 

Atypical, la serie tv che racconta l'autismo debutta su Netflix

La serie televisiva intitolata “Atypical" debutta domani sulla piattaforma streaming Netflix. Creata da Robia Rashid (“The Goldbergs", “Will & Grace”), concede allo spettatore un racconto di formazione che vede protagonista Sam, un diciottenne autistico che ricerca amore e indipendenza. Il ragazzo intraprende un percor...

 

Velvet, l'ultima puntata della quarta stagione tra ritorno e vendetta

La quarta stagione della serie televisiva intitolata “Velvet” è stata trasmessa dall’emittente spagnola Antena 3 dal 5 ottobre al 21 dicembre 2016. In Italia va in onda su Rai1 dal 6 luglio 2017. La trama si concentra sulle vicende della sarta sarta Anna Ribera, interpretata dall'attrice Paula Echevarrìa. Nel p...

 

Recensione della serie tv 'I'm Sorry'

"I'm Sorry" è una commedia frizzante e godibile che affronta le vicende di vita quotidiana di una comica quarantenne californiana, moglie e madre di una bimba. La storia ricalca molto la vita della protagonista Andrea Savage che nella serie tv ha inserito vari elementi autobiografici, comunque riconducibili a una vasta porzione della middle ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni