X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Maria per Roma

07/06/2017 08:00
Recensione del film Maria per Roma

Karen Di Porto è regista e interprete di "Maria per Roma", film sugli aneddoti nella capitale.

Maria per Roma è un film di Karen Di Porto con Andrea Planamente, Bruno Pavoncello, Mia Benedetta.

Il racconto esordisce con una donna a letto con un cagnolino, momenti quotidiani che fanno emergere la genuinità della trama.

Con il suo cane Maria (Karen Di Porto) va in Vespa, procede in una città che di morettiano non ha più nulla, in bilico tra quartieri opulenti e povertà dirompente: un amico per vivere si veste da Gesù, ci si arrabatta affittando appartamenti a settimana.

Un contrasto che Karen Di Porto sa sintetizzare: “Se siete stati bene ti richiamerà”, dice Maria al telefono ad un’amica. “Del provino non mi hanno fatto sapere niente ancora”, conclude mostrando così anche le possibilità che la città offre ma che comprime.

Maria e Bea - così si chiama il cane - incontrano personaggi eterogenei, dai quattro amici cui lei affitta un appartamento a Campo de’ Fiori e che poi sono insoddisfatti, alla compagnia teatrale con cui collabora.

Una giornata comune, resa particolare dal luogo in cui si svolge: etnie, turisti, lavori che alternano creatività a piccolo business: “‘sti nobili so’ strani. Deve anna’ tutto liscio”, implora l’agente che si occupa dell’affitto degli appartamenti. Poi Maria incontra la madre, che vorrebbe si trovasse una sistemazione con un uomo. Il tutto mentre il cane è visitato da veterinario che ordina che non deve subire “stress”.

Durante il colloquio con un amico regista che vorrebbe girare una scena con lei, Maria riceve una telefonata per cui deve accompagnare dei turisti al nuovo appartamento. Il caos mentale della protagonista è lo stesso di chiunque debba arrabattarsi tra vari lavori, impegni e obbiettivi che poi inevitabilmente si annientano a vicenda.

“Maria per Roma” gode di una semplicità della messa in scena, un film tutto girato con macchina da presa a spalla, senza scenografie se non quelle di Roma. Diventa così anche l’emblema di una difficoltà di destreggiarsi in una giungla, che non solo è quella lavorativa, ma anche quella delle piccole sopportazioni cui si è costretti. Queste intemperanze portano poi ad agire in maniera sconclusionata, tanto che poi le persone possono dire di Maria: “è pazza”.

Il film nel finale risulta ripetitivo, forse perché non riesce a gestire una trama narrativa che esuli da quella documentaristica: si sfocia infatti nella semplificata critica al sistema dello spettacolo, tra falsi provini e figure losche. Così rischia di divenire un racconto ripetitivo di aneddoti. Ma l’ispirazione del film è vera e anche graffiante.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Norwegian International Film Festival: il cinema tra i fiordi, intervista al direttore

Il Norwegian International Film Festival è il maggior evento cinematografico della Norvegia, che si è sempre contraddistinto per saper alternare opere popolari con film indipendenti. Si svolge dal 20 al 26 agosto: Mauxa ha intervistato il direttore, Tonje Hardersen. D. Una sezione del Norvegian Film Festival è il nordic focus....

 

The Nun, nel 2018 lo spin off di The Conjuring Il caso Enfield

Si sono ufficialmente concluse le riprese di “The Nun”, spin-off di “The Conjuring – Il Caso Enfield”; a confermarlo è stato lo stesso regista, Corin Hardy. Quando il primo “The Conjuring - L’evocazione” è arrivato al cinema – era l’estate 2013 – nessuno si aspettava l...

 

Icarus, il film sullo scandalo sportivo del doping

Icarus è il documentario di Bryan Fogel disponibile on-demand, che racconta uno degli grandi scandali sportivi più recenti. Bryan Fogel per scoprire come gli atleti possano continuare a camuffare l’assunzione di sostanze dopanti, ha usato alcune sostanze e poi si è sottoposto ai alcuni test. Fogel è un cicli...

 

Il fantasma di mezzanotte, il film horror sulla diffidenza

Il fantasma di mezzanotte (“The ci and The Cannavaro”) è il film del 1939 diretto da Elliott Nugen, che usciva in questi giorni in Italia. Dieci anni dopo la morte del milionario Cyrus Norman, il suo avvocato Crosby e i suoi sei parenti giungono al suo castello gotico nel sobborgo vicino a New Orleans. Devono ascoltare la lettur...

 

Festival di Venezia 2017, première del film di Jean Rouch ambientato in città

Al Festival di Venezia 2017 sarà proiettato “Cousin, cousine” (“Cugino, cugina”, 1985-1987), cortometraggio dell’etnografo Jean Rouch girato nella città veneta. Il cortometraggio (lungo 34 minuti) vede Mariama e Damouré, due cugini che giungono a Venezia per cercare una reliquia persa molto tempo ...

 

Beautiful The Carole King Musical diventa un film prodotto da Tom Hanks

La Sony si occuperà dell’adattamento cinematografico di “Beautiful: The Carole King Musical”. Douglas McGrath, autore del libretto originale, scriverà la sceneggiatura; Tom Hanks e Gary Goetzma, tramite la loro Playton, produrranno la pellicola insieme a Paul Blake, già produttore della versione teatrale. La ...

 

Dwayne Johnson e lo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos in un film su Genghis Khan

Evan Spiliotopoulos, sceneggiatore del film “La bella e la bestia" (leggi l’intervista) e “Il cacciatore e la regina di ghiaccio” (leggi l’intervista) lavorerà ad un film su Genghis Khan. La Universal Pictures ha infatti acquistato uno script di avventura scritto dal stesso Evan Spiliotopoulos, che ha come...

 

Brian De Palma, il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

Brian De Palma per il nuovo film “Domino” sceglie un argomento europeo, quello degli attacchi terroristici. Ma ciò che si nota soprattutto è la scelta di un cast divenuto famoso per le serie televisive. “Domino” è infatti una pellicola che ha come protagonista Nikolaj Coster-Waldau, che nella saga &ldqu...

 

Leonardo DiCaprio interpreterà in un film il pittore Leonardo Da Vinci

Leonardo DiCaprio interpreterà Leonardo Da Vinci in un biopic. La Paramount sarà produttrice del film, che è tratto dal libro del biografo Walter Isaacson, il quale ha già lavorato alle biografie di Steve Jobs e Albert Einstein. L’idea del film è dello stesso DiCaprio, che risale a dei racconti paterni. In...

 

Film più visti della settimana, 'Annabelle: Creation' è al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dall’11 al 13 agosto 2017 vede al primo posto l’horror “Annabelle: Creation” (35.040.000 dollari): Samuel Mullins, fabbricante di bambole con la moglie ospita delle ragazze a casa sua, che saranno loro il bersaglio della creatura posseduta dalla bambola Annabelle. Al...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni