X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

06/07/2017 14:00
Crash Bandicoot N.Sane Trilogy recensione per PS4 il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy segna lo storico ritorno di una delle serie più amate della prima PlayStation, in una veste grafica totalmente rinnovata

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare su PS4 una saga che ha rappresentato un marchio indissolubile da quello Sony. Il ritorno della storica mascotte di Crash è quindi il moderno bentornato di un platform in tre dimensioni, vecchio stile, semplicissimo nelle meccaniche e ancora oggi estremamente immediato e divertente. La trilogia contiene tutti i primi tre episodi come li conosciamo, con un recupero filologico, rispettoso delle origini, di Crash Bandicoot, Crash Bandicoot 2: Cortex Strikes Back e Crash Bandicoot: Warped.

Ma da dove arriva il marsupiale dalle fattezze umane? La trama di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy introduce l’iconico personaggio nel primo episodio, unendolo ai tentativi del folle DR. Neo Cortex di conquistare il mondo. La costruzione di un personale esercito parte dalle coste australiane, dove il laboratorio dello scienziato è adibito alla trasformazione della fauna locale in forme antropomorfe, attraverso l’uso del raggio Evolvo Ray. I mutanti, fedeli alleati, vengono poi istruiti grazie al Vortice Cortex. Ma un malfunzionamento della macchina, all’atto di creare il loro generale e comandante, trasforma il marsupiale Crash Bandicoot nel principale rivale, la nemesi buona del perfido DR. Neo Cortex.



Il gameplay di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy figura tra i capisaldi della prima generazione di PlayStation, un platform 3D tanto basilare quanto affascinante. Seppure le meccaniche e la precisione dei salti non erano quanto di meglio potesse offrire il panorama ludico dell’epoca, con una maggiore libertà nei prodotti Nintendo, Crash mantiene ancora oggi inalterato il feeling immediato e scalabile dell’esperienza, che consta fondamentalmente di una veloce corsa verso il completamento dei livelli, sempre brevi e densi di pericoli da evitare. La lunghezza di pochi minuti dei lunghi “tunnel” del primo capitolo trovano un corrispettivo dall’elevata difficoltà nelle fasi finali, con sezioni da trail & error, che richiedono una precisa memorizzazione di trappole, nemici ed ostacoli. La raccolta dei frutti Wumpa, la distruzione di casse e nemici con l’iconica giravolta, le zone segrete da esplorare e gli scontri con i boss, insieme alle sfide a tempo, rappresentano l’immaginario classico dei platform game di una volta, l’essenza pura e primordiale del videogioco.



La grafica di Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è il pezzo forte dell’intera produzione, con un look visto totalmente riscritto e potenziato. Se la struttura alla base è rimasta identica, con grande attenzione degli sviluppatori a non snaturare le meccaniche base, il discorso è totalmente inverso dal punto di vista tecnico. La Trilogy ha una cosmesi moderna, cartoon, dai contorni e dalle linee morbide, che addolciscono gli spigolosi contorni dei capitoli originali. L’acqua diventa trasparente, le nuvole soffici e leggere, i modelli di Crash e di sua sorella Coco, ora giocabile in ogni livello, sono puliti e dettagliati, un incredibile passo in avanti rispetto alla fine degli anni Novanta. La divisione in capitoli e livelli permette una variazione per quanto riguarda ambientazioni e scenari, che in questa collezione racchiudono praticamente l’intero immaginario di Crash. Il lavoro è quindi perfetto, e rappresenta il maggior pregio dalla produzione targata Activision, capace di render nuovamente lucidi i ricordi e lo stupore delle avventure vissute nella nostra infanzia.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Recensione film Spider-Man: Homecoming

Spider-Man: Homecoming costituisce un nuovo e promettente inizio per l’eroe Marvel Comics. Un avvio che propone alcune interessanti novità rispetto ai film del passato. Dopo gli Avengers, Ant-Man e la serie "Guardiani della Galassia", la Marvel, con questo nuovo lungometraggio, continua a proporre avventure accattivanti che uniscono un...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni