X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

DiRT 4, recensione videogame per PS4 e Xbox One

13/06/2017 14:00
DiRT 4 recensione videogame per PS4 Xbox One

DiRT 4 è la quarta incarnazione del titolo di guida sviluppato da Codemasters, che unisce discipline Rally a Dune Buggy e Truck, per un'esperienza stratificata in termini di gameplay

DiRT 4 è il videogioco rallistico sviluppato da Codemasters, regina dei titoli automobilistici arcade, storica creatrice della saga di Toca Race Driver e del successore spirituale Grid, oltre al recente Dirt Rally, uscito lo scorso anno su PS4 e Xbox One. Se nella precedente generazione i Dirt hanno rappresentato uno spettacolare connubio tra rally e discipline affini, come le Buggy e modalità da Destruction Derby, l’ultimo nato nella software house inglese aveva totalmente cambiato tipologia di offerta, con un gioco di guida simulativo e dedicato agli hardcore gamer. Questo nuovo quarto capitolo unisce le filosofie alla base dei due episodi, con un’impostazione che può essere liberamente scelta appena avviato il gioco, con uno stile di guida semplificato o uno indirizzato alla simulazione pura, opzione che cambia radicalmente approccio e tipologia di gameplay.

DiRT 4 propone quattro differenti discipline all’interno della centrale modalità Carriera, in cui ampliare le proprie strutture e potenziare macchine e staff. Gli eventi sono divisi in: Rally, Landrush, Rallycross e Rally storico, e ognuno di essi ha al suo interno particolari tornei ed epoche, per una differenziazione che abbraccia diverse tipologie di veicoli. La crescita della nostra esperienza permette di sbloccare licenze e accumulare denaro, utile ad acquistare nuove macchine, siano esse nuove oppure usate. La progressione all’interno di una disciplina ci conduce sino al campionato finale, un evento che rappresenta il livello massimo di licenza possibile, ed è contraddistinto dall’insieme di tutto quello vissuto nei precedenti tornei. Accanto alla curata modalità per giocatore singolo, che comprende anche l’Academy, dove affinare le proprie abilità di guida ed impararne di nuove, troviamo la componente multiplayer, che vede jam session e sfide giornaliere, oltre alle gare divise per disciplina.



Il gameplay di DiRT 4, come anticipato in apertura, permette al giocatore di decidere quale approccio utilizzare, una scelta che influenza profondamente la giocabilità e l’indole del titolo. Al primo avvio, poi possibile da modificare sotto le opzioni di gioco, compare l’avviso tra una guida arcade, immediata e divertente, e una simulativa, la stessa apprezzata in Dirt Rally. Propendere per uno stile realistico comporta un’estrema attenzione ad ogni componente, dal setting pre-gara, al dosare freno e accelerazione, con una fisica che riproduce dossi e avvallamenti, rendendo le tappe di rally un vero e proprio pericolo costante, con il rischio di finire anzitempo la gara. Il sistema di danni, infatti, non concede grandi errori, con parti meccaniche e di carrozzeria esposte al costante rischio di alberi ed elementi a bordo pista. Scegliendo la vena simulativa avremo, quindi, una giocabilità praticamente identica a quanto già visto in Dirt Rally, uno dei titoli di guida più difficili nell’ultimo decennio. All’opposto, lo stile arcade permette un approccio più immediato e spensierato, mantenendo comunque alcune caratteristiche di realismo ma unite ad un sistema maggiormente permissivo, di danni, derapate e aiuti in termini di stabilità e aderenza al terreno. Il gameplay diventa più avvicinabile ai vecchi Dirt, permettendoci di scendere in pista con meno tensione e una difficoltà scalabile, vero e proprio punto di forza del nuovo titolo Codemasters. Dirt 4 abbraccia, infatti, l’intera utenza dei giochi di guida, con una gamma di personalizzazione che collega il novizio con l’hardcore gamer, grazie ad un sistema di aiuti e stili che permette davvero qualsiasi approccio si prediliga.



La grafica di DiRT 4 è molto simile a quanto visto in Dirt Rally, con alcune migliore e aggiunte che riguardano le discipline Landrush e le condizioni ambientali, migliorate grazie anche a dei particellari estremamente curati. Il colpo d’occhio visivo rimane, comunque, abbastanza deludente, con una resa generale lontanissima dalle meraviglie tecniche della scorsa generazione, dove l’Ego Engine rappresentava quanto di migliore potesse offrire il mercato videoludico. Le macchine sono modellate con pochi dettagli, non molto definite e afflitte da una sensazione perno nelle visuali esterne. Il sistema di illuminazione resta piatto e anonimo, con gare di rally contraddistinte da pochi elementi a bordo pista, con foglie, alberi ed erba dalla resa mediocre. Ma non tutto è da buttare, partendo da una fluidità alta ed impeccabile, un sonoro curato sia nelle musiche che, soprattuto, in quello dei motori e negli effetti ambientali, apprezzabili soprattutto nelle visuali ravvicinate. Le gare di Landrush, invece, tra buggy e truck hanno una resa sensibilmente superiore, con veicoli più dettagliati e un convincente sistema di effetti visivi, con polvere, schizzi di fango e sporcizia che si attaccano, gradualmente, sulla carrozzeria. Gli stessi eventi meteorologici, tra pioggia battente, nebbia e piccole tempesta di sabbia, modificano l’esperienza dal punto di vista non solo visivo, ma anche di giocabilità, influendo sensibilmente sulla nostra guida.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Killer Instinct, il nuovo fumetto tratto dal videogioco di Nintendo

Dynamite Entertainment trasforma il videogioco picchiaduro della Nintendo in un fumetto. Killer Instinct ha debuttato lo scorso mese, mentre si attende l'uscita del terzo numero per metà novembre.La serie è affidata all'acclamato autore di bestseller del New York Times Ian Edington e all'artista Cam Adams. Lo scenario del videogame p...

 

The Evil Within 2, recensione videogame per PS4 e Xbox One

The Evil Within 2 è il videogioco horror di Bethesda Softworks, il seguito di un apprezzato primo capitolo che ha saputo ridare nuova linfa agli action a sfondo horror, con una Campagna convincente e un ritmo azzeccato. Il lavoro del team di sviluppo Tango Gameworks, guidato da Shinji Mikami, lo storico creatore della saga di Resident Evil, ...

 

Avengers: Infinity War, i Vendicatori aggiornano il look

Con le prime foto dal set di Avengers: Infinity War, i fan scoprono diversi cambiamenti relativi ai costumi dei protagonisti. L'ex Captain America (Chris Evans), ora Steve Rogers, abbandonerà la tuta a stelle a strisce in favore di un umore dark, mentre Thor (Chris Hemsworth) e Vedova Nera (Scarlett Johansson)si equipaggiano di un look decis...

 

Dynamite Entertainment, Atari Force: esce il volume ispirato ai videogiochi degli Anni Ottanta

Dynamite Entertainment pubblica le miniserie comics ispirate ai videogiochi della console domestica Atari 2600 raccolte in unico volume. I due fumetti uscirono nella metà degli Anni Ottanta per DC Comics ed erano ispirati al mondo di Atari, Inc. la società, fondata nei primi Anni Settanta, capace di lanciare il mercato dei videogames....

 

Forza Motorsport 7, recensione videogame per Xbox One e PC

Forza Motorsport 7 è il videogioco sviluppato da Turn 10 in esclusiva per piattaforme Microsoft, con l’attuale versione per Xbox One e PC e il futuro aggiornamento per Xbox One X il prossimo 7 novembre. La serie automobilistica americana si è ritagliata con il passare degli anni uno spazio importante all’interno delle simu...

 

Green River Killer A True Detective Story il fumetto della Dark Horse Comics

“Green River Killer A True Detective Story” è il fumetto della casa editrice Dark Horse Comics pubblicato in paperback nel 2015 in America. Dopo molto tempo dalla sua uscita, questo intrigante fumetto diventerà un film e le redini del progetto sono state assegnate a Michael Sheen. Il team creativo del fumetto invece &egrav...

 

Recensione Dov'è la casa dell'aquila? La nuova graphic novel di Orecchio Acerbo

Dov'è la casa dell'aquila? è la nuova graphic novel per bambini della casa editrice Orecchio Acerbo. Lo scorso 12 ottobre questo albo è uscito in tutte le fumetterie italiane. L'albo illustrato è composto da 28 pagine ed è adatto a tutti i bambini dai 4 anni in su. L'intera graphic novel è stata realizzata ...

 

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra, recensione videogame per PS4 e Xbox One

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è il videogioco sviluppato da Warner Bros Interactive Entertainment, l’incarnazione videoludica che utilizza luoghi ed immaginario de Il Signore degli Anelli di J.R.R Tolkien, con una struttura narrativa personale e incentrata sul personaggio dalla doppia anima di Talion e Celebrimbor. L’Om...

 

Justice League, Wonder Woman leader indiscussa

Il nuovo trailer “Heroes” di Justice League rivela scene spettacolari promettendo siparietti comici. Nella sequenza iniziale compare anche Henry Cavill nei panni di Superman, ma è una scena immaginata da Lois Lane (Amy Adams), l'adorata collega ora in lutto. Tra i fan, oltreoceano, c'è chi comincia a dubitare dell'effetti...

 

La filosofia di Marie Kondo in una spassosa graphic novel

Marie Kondo è la beniamina di milioni di donne che, grazie a lei, si possono avvalere del suo metodo, ribattezzato dalla stessa autrice KonMari, per tenere in ordine casa. “Il magico potere del riordino” debutta in Giappone nel 2011, mentre in Italia arrriva tre anni dopo grazie alla casa editrice Vallardi. Negli Stati Uniti, il ...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin