X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La mostra su Marilyn Monroe: oggetti che ricreano un'epoca

01/06/2017 08:00
La mostra su Marilyn Monroe oggetti che ricreano un'epoca

"Marilyn imperdibile: Donna, Mito, Manager" è la mostra che si tiene a Roma fino al 31 luglio.

La mostra su Marilyn Monroe che si tiene a Roma al Palazzo degli Esami a Roma ricrea non solo la figura di una delle star più raccontate negli anni, ma sopratutto i modi di vivere di un’epoca.

“Marilyn imperdibile: Donna, Mito, Manager” in trecento oggetti propone gli usi e gli oggetti di lavoro di un’attrice che - cresciuta in orfanotrofio - seppe divenire anche manager, fondando a 28 anni una casa di produzione con sede a New York, la Marilyn Monroe Production. La società era gestita assieme al fotografo Milton H. Greene, e con essa furono prodotti “Il principe e la ballerina” (“The Prince and the Showgirl”, 1957) e “Fermata d’autobus" (“Bus Stop”, 1958) di Joshua Logan.

La mostra è stata realizzata grazie all’apporto di Ted Stampfer - e a Da Vinci Grandi Eventi - collezionista d’arte tedesco che dall’età di dodici anni raccoglie oggetti dell’attrice scomparsa nel 1962. Stampfer possiede la più grande collezione privata al mondo di questo genere: dai primi anni Novanta si è concentrato sulla dimensione privata della Monroe, sul mito e sul soggiorno a New York.

Vediamo così la tazzina in cui mangiava da piccola, i maglioni di mohair color crema, uno dei quali usato nel 1950 nel film “Una notte sui tetti”.

Non mancano oggetti usati per l’aspetto estetico: le creme di Ernő László, dermatologo ungherese scomparso nel 1970. Le matite per gli occhi di Elizabeth Arden, imprenditrice canadese che ottenne anche la Legione d’Onore. I bigodini usati per dormire, la sciarpa di chiffon nero usata per anni.

Questo è l’aspetto più quotidiano che rivela anche il costume di un’epoca, in cui era facile sperare nel futuro. Per l’aspetto professionale sono proposte tutti le sceneggiature su cui studiò i ruoli dei film. Ad osservare il copione di “A qualcuno piace caldo” (“Some Like It Hot”, 1959) di Billy Wilder, con le annotazioni dell’attrice, si riflette su come l’attrice fosse inconsapevole che quel film di cui era protagonista sarebbe stato considerato la migliore commedia della storia del cinema.

C’è un ventilatore: è quello del film “Quando la moglie è in vacanza” (“The Seven Year Itch”, 1955), in cui Marilyn Monroe accaldata si posiziona davanti all’oggetto, suscitando lo scalpore di Richard Sherman (Tom Ewell), fedele dirigente editoriale di mezza età che si ritrova in casa una vicina esuberante. Di questo film è presente anche l'abito disegno da William Travilla: quando Marilyn passa sopra una grata, il vestito si solleva a causa dell’aria sposata dalla metropolitana.

Marilyn fu anche una delle prime attrici che da sola gestiva i contratti con importanti case di produzione. C’è il primo contratto firmato con al 20th Century Fox per “Gli uomini preferisco le bionde“ (“Gentlemen Prefer Blondes”, 1953), che mostra come fosse emancipata, prevedendo anche delle clausole. Il suo agente era Norman Brokaw, che lavorò alla William Morris Agency e che rappresentava anche Donna Summer, Bill Cosby, Mark Spitz, Warren Beatty e Clint Eastwood.

Nel 1955 la Monroe e la Fox raggiunsero un accordo su un contratto di sette anni, durante i quali realizzare quattro vari film. Lo studio avrebbe pagato 100.000 dollari per ogni film alla Marilyn Monroe Production, con il diritto di scegliere i progetti e registi e cineasti.

La mostra manca di aspetti inerenti la vita di Los Angeles, così come veloce è la sua presenza con il drammaturgo Arthur Miller, che sposò nel 1956 e che vinse il Premio Pulitzer per la pièce “ Morte di un commesso viaggiatore” (1949). Uno degli oggetti conservato sono campioni di tessuto fatti venire dall'Italia per far rivestire delle seggiole.

Le sue doti di attrice sono poi rappresentate dai numerosi premi, vinti nonostante la giovane età: a 31 anni vinse il David di Donatello e il César per il film “Il principe e la ballerina”, a 33 il Golden Globe come migliore attrice per “A qualcuno piace caldo”.

E la sua fama era ormai al culmine, tanto che alla mostra è esposto un piatto e una tazza usata al Cafè de Paris, dove la 20th Century Fox organizzò un banchetto in onore di Nikita Kruscev, primo segretario del Partito Comunista, durante la sua visita agli studi. Il cameriere rubò la tazza e la conservò per decenni.

Infine la stella della Walk of Fame, posata l’8 febbraio del 1960, due anni prima della sua morte.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Marilyn Monroe
Film correlati
A qualcuno piace caldo

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Marilyn Monroe, un raro poster dell'attrice a 54 anni dalla morte

A 54 anni dalla morte di Marilyn Monroe proponiamo un raro poster dell'attrice realizzato per la distribuzione del film "Niagara" del 1953 in Polonia. L'immagine mostra solo ti occhi spalancati di una donna su sfondo bianco, indicando spavento e stupore (vedi la foto). Il poster è notevolmente diverso da quello usato negli Stati Uniti, che ...

 

A qualcuno piace caldo, il film con Marilyn Monroe di Billy Wilder che doveva essere girato a colori

A qualcuno piace caldo (“Some Like It Hot”) è il film di Billy Wilder che usciva nelle sale statunitensi il 29 marzo 1959, sancendo una evoluzione nel concetto di commedia e sketch comedy. Nel cast ci sono Marilyn Monroe, Tony Curtis e Jack Lemmon, per una sceneggiatura scritta dallo stesso Billy Wilder con l’amico I.A.L. ...

 

Blonde, il nuovo film su Marilyn Monroe con Jessica Chastain

Blonde è un film in fase di realizzazione su Marilyn Monroe progettato nel 2010, scritto e diretto da Andrew Dominik e interpretato da Jessica Chastain. L’opera è tratta dal romanzo omonimo di Joyce Carol Oates ed è prodotta dalla Worldview Entertainment e da Plan B, compagnia fondata da Brad Pitt. “Blonde” ar...

 

Virna Lisi in Come uccidere vostra moglie, con Jack Lemmon

Virna Lisi e Hollywood. Virna Lisi diventò famosa per il suo storico “no” a Hollywood, dove era stata chiamata a metà degli anni ’60 per recitare a fianco di attori del calibro di Jack Lemmon e Frank Sinatra. L’intento della Paramount, però, era di trasformarla in una nuova ed esotica Marilyn Monroe: una...

 

Pepe Jeans London autunno/inverno 2014: donna Pepe metropolitana

Pepe Jeans London 2014. La donna Pepe Jeans London autunno/inverno 2014-2015 può scegliere tra le tendenze più trendy della stagione fredda. Abiti a fiori, maglia di pelliccia ecologica, maglioni dalle tinte super colorate, tanti accessori maculati da abbinare: sciarpe, borse, boots. Non solo, anche il cappotto in pelliccia lungo ed e...

 

Moda per principianti 2014: indossare gli abiti giusti è semplice

Moda per principianti 2014. Non è il tuo corpo, è il vestito ad essere sbagliato. Una volta interpretate le proprie caratteristiche non bisogna fare altro che assecondarle. I nostri consigli vi aiuteranno a scegliere i capi e le linee più adatti al vostro fisico: donna piramide, donna ovale, donna H, o donna a clessidra. Donna...

 

Bette Davis Eyes, 25 anni senza l'inconfondibile sguardo della regina cattiva di Hollywood

Bette Davis Eyes. Lo sguardo di Lauren Bacall, quello ceruleo di Paul Newman, quello con riflessi viola di Elizabeth Taylor.. e potremmo andare ancora avanti nel gioco degli occhi più famosi della Hollywood degli anni d’oro, ma non c’è storia: la gara la vince a mani basse un paio grandi e molto sporgenti, appartenenti a u...

 

Marilyn Monroe e la musica: le numerose canzoni dedicate alla vera icona della cultura pop

Marilyn Monroe, il 5 agosto del 1962 scompariva l'attrice, cantante, modella e produtrice cinematografica statunitense, divenuta un simbolo intramontabile. Qualche anno dopo si parlava di lei come vera icona della cultura pop.  Marilyn Monroe cantante, inserita dall'American Film Institute al sesto posto della lista delle più grandi st...

 

Marilyn Monroe, un simbolo fuori da ogni tempo: 52 anni dalla sua morte in un libro di Nuccio Lodato

Nella notte tra il 4 e il 5 agosto del 1962, moriva a Brentwood, Los Angeles, Norma Jeane Mortenson, in arte Marilyn Monroe, all’età di 36 anni, consegnando all’eternità un mito. Domani, il cinquantaduesimo anniversario della sua morte. Sulla morte di Marilyn Monroe sono state fatte innumerevoli congetture, scritte infinit...

 

Morte di Marylin Monroe: mistero irrisolto.

Morte di Marilyn Monroe. Il caso della morte di Marilyn Monroe è talmente avvolto nel mistero che risulta molto difficile indagarlo senza cadere nella trappola delle versioni ufficiali o di quelle ufficiose o, ancora, di quelle versioni totalmente non riconosciute ma che sembrano essere le più plausibili. L'aura della diva si è...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin