X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Simonetta Spiri: 'è un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età'

24/05/2017 09:00
Intervista Simonetta Spiri 'è un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età'

Mauxa intervista la cantante Simonetta Spiri. Il suo nuovo singolo "Il tempo di reagire" sarà in rotazione radiofonica dal 26 maggio.

Simonetta Spiri inaugura il suo nuovo percorso artistico con "Il tempo di reagire", canzone scritta insieme con Mario Cianchi ed Emilio Munda. 

La cantante ha guadagnato notorietà grazie alla partecipazione alla settima edizione del talent show "Amici". Nel corso della sua carriera ha pubblicato gli album "Il mio momento" (2009) e "Quella che non vorrei" (2013) e il singolo "L’amore merita" (2016), certificato disco d'oro da FIMI.

D: Come può essere descritto il tuo nuovo singolo?

R: Come una vera e propria ribellione in difesa della libertà dell’essere che vive nella totale spontaneità di emozioni, un'esortazione al coraggio di saper restare soli concedendosi l’opportunità di riconoscere e difendere in questa solitudine i propri valori tra i quali si distingue l’identità di ogni individuo che vive in maniera istintiva e di petto, senza analizzare troppo le conseguenze ma solo ascoltando il proprio cuore, giusto o sbagliato che sia, perché il percorso di ogni vita è anche questo ‘’sapersi ascoltare’’ sopratutto quando il mondo intorno a te è contrario o assente.

D: A chi si rivolge la canzone?

R: A tutti coloro che hanno voglia di credere ancora nella loro vita, nei loro sogni, nelle loro vere preferenze spirituali e non in quelle che vanno di moda, in quegli impulsi che esistono aldilà della carne che di conseguenza generano amore per il prossimo, indistintamente dal fatto che possa meritarlo o meno, non siamo tenuti a giudicarlo noi.

D: Quanto c’è di autobiografico nel testo?

R: E’ totalmente autobiografico, è raro che io possa interpretare qualcosa che non appartenga alla mia vita.
Gran parte di tutte le mie canzoni sono autobiografiche, però mi piace regalare a tutti coloro che ascoltano, la possibilità di ritrovarsi nelle mie parole e di ricomporre come un puzzle ogni pezzo delle loro vite in una sola canzone.

D: Hai dichiarato che “non sono gli anni che passano a far spegnere la fiamma di una passione che brucia dentro di noi”, cosa può portare a questa conseguenza?

R: Ho detto questo perché gli anni che passano ci rendono sempre più consapevoli nel saper riconoscere le difficoltà che rendono certi sogni quasi impossibili, e nel saper apprezzare la semplicità delle piccole cose di ogni vita quotidiana. Così spesso ci accontentiamo di quello che abbiamo, che da un lato può rappresentare un atteggiamento umile e positivo, dall’altro trasmette un empatia di arrendevolezza. Mi è capitato di ritrovarmi immersa tra i discorsi di persone abbastanza adulte ma non anziane, e anche di condividerli erroneamente in alcuni momenti di debolezza, essi utilizzavano la parola ‘’ormai’’ che per me equivale quasi alla parola ‘’fine’’.
Ecco, io credo che la fine vera e propria non esista se non siamo noi a deciderlo nel momento in cui rinunciamo ai nostri sogni e alle nostre passioni per paura di essere ‘’ormai fuori età’’ o ‘’fuori da un gregge di pecore’’.
E’ un'eresia pensare che le passioni abbiano un'età. Purtroppo mi è capitato di sentire vari individui utilizzare la frase ‘’sei finito’’ nei confronti del prossimo. Credo fortemente che certe persone non abbiano mai avuto un vero inizio nella propria vita ,in realtà e non le biasimo, la loro è semplicemente incoscienza, perché l’inizio ti rende cosciente davanti alla differenza che esiste tra un essere umano e Dio.

D: Il singolo nasce in Sardegna, nel tuo percorso artistico che importanza ha la tua terra di origine?

R: La Sardegna è la mia linfa, mi carica di un energia indescrivibile, le mie radici sono salde nella mia terra come il mio accento. Sono orgogliosa di essere nata e cresciuta in un posto così speciale e selvaggio che brilla di una luce autentica e propria, poi dalla mia Terra sono partita sempre verso le esperienze più belle e indimenticabili della mia vita, diciamo che mi ha sempre portato fortuna.

D: Quali messaggi vuole esprimere il video ufficiale?

R: E’ un video semplice ma significativo incentrato sul presente e nella quotidiana semplicità che privilegia l’essere più dell’apparire. Mi trovo sommersa dai ricordi raffigurati nelle polaroid alle mie spalle, appese alla parete, rappresentano il lato positivo e costruttivo di un passato che lascio andare e che mi permette di essere quella di oggi, una Donna che si concentra nel presente, perché sono qui per essere me stessa e poterlo essere con chi ha voglia di conoscermi e di continuare a starmi vicino e le uniche aspettative da compiere sono quelle che scegliamo con il nostro libero arbitrio e non quelle che ci impongono gli altri.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Campioni omaggio: dai concerti ai trucchi il risparmio e la sua storia

Il sistema è ormai saldo: nato nel 1851 negli Stati Uniti grazie a Benjamin T. Babbitt, ora si è diffuso sul web. Tra i siti nazionali di spicco c’è supercampione.it, che grazie ad un lavoro attento e particolarmente minuzioso offre molteplici tipologie di campioni omaggio. In questo caso basta registrarsi in maniera gra...

 

Michael Bublé: 'Ora apprezzo la vita molto di più' confida la moglie sulla guarigione del figlio

La moglie di Michael Bublé, Luisana Lopilato ha diffuso la notizia sulla guarigione del loro figlio, Noah. I due avevano confermato nel 2016 che il figlio fosse affetto da una forma di tumore al fegato. Durante una conferenza stampa in Argentina, Luisana Lopilato ha detto ai giornalisti: “Grazie a Dio, mio figlio sta bene. Quando si ...

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show.  D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti? R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umor...

 

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni