X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Song To Song

10/05/2017 08:00
Recensione del film Song To Song

Song To Song è il film di Terrence Malick con Ryan Gosling, Rooney Mara, Michael Fassbender.

Song To Song è il film di Terrence Malick nelle sale con Ryan Gosling, Rooney Mara, Michael Fassbender, Natalie Portman e Cate Blanchett.

Il film si svolge ad Austin intrecciando storie d’amore e professionali. Faye (Rooney Mara) è un’aspirante cantautrice, in bilico tra speranze e capacità di aderire ai consigli altrui.

BV (Ryan Gosling) è un uomo di successo nell’ambiente discografico, vicino a Faye e in una fase di cambiamento. Cook (Michael Fassbender) è l’amante segreto di Faye, nonché mentore di BV. È un produttore musicale benestante che crede di poter ottenere tutto con i soldi. Assume anche il ruolo di motore della vicenda per quel che occorre a creare tensione: non ha inibizioni, è cinico e lo stesso regista Terrence Malick ha detto di essersi ispirato per lui al personaggio di Satana de “Il paradiso perduto”. Il nichilismo che lo contraddistingue non sarà privo di conseguenze, perché se avvicina le persone quasi seducendole, quando loro conoscono il suo mondo - Cook fa anche uso di droghe - se ne allontanano.

A questi elementi di speranza, dubbio e cinismo se ne aggiunge un ultimo, la redenzione trasfigurata da Rhonda (Natalie Portman). Infatti mentre Cook frequenta Faye s’invaghisce della cameriera Rhonda, bisognosa di soldi e colpita dalla sua ricchezza. Cook non può immaginare che il gioco che continua con Rhonda lo porterà ad innamorarsi in maniera sincera di lei.

Se tutti questi aspetti in un romanzo avrebbero dato luogo ad una epopea, nel film “Song To Song” restano quasi abbozzati, come accade nella recente cinematografia di Malick che tenta a documentare i sentimenti piuttosto che ad esprimerli.

Le backstory vengono solo raccontate e non recitate, e i personaggi si muovono sullo sfondo di questo affresco. Se nei precedenti film però questo aspetto era riluttante, qui è già sfocato: in “To The Wonder” (2012) vedevamo Neil (Ben Affleck) e Marina (Olga Kurylenko) innamorati tra Parigi, Mont Saint-Michel e Oklahoma fino alla crisi; in “Knight of Cups” (2016) c’erano Christian Bale, le stesse Cate Blanchett e Natalie Portman con Antonio Banderas per una trama in cui alla filosofia si lasciava spazio alla presunzione allegorica. In “Song To Song” invece gli attori sembrano più votati a raccontare delle storie, che è ciò cui Malick è maggiormente portato.

Restano sempre leziosi i dialoghi, spesso alteri: ma la scelta della musica rende il film di una vivacità popolare che raramente lil regista aver usato di recente. La musica è stata la scelta adatta per avvincere la teoria del dubbio agli spettatori.

Gli incassi di Malick si attestato tutti intorno a 500 mila dollari, ma non è questo forse il motivo per cui continua a realizzare film. È quasi l’obbiettivo di condurre un discorso di un cinema ulteriore che si distanzia da quello on-deman, dai blockbuster o da quelli intimisti. Eppure riesce a far convergere degli attori che in questi generi lavorano. Michael Fassbender da “Aline: Covenant” passa ad un ruolo come quello di Cook, Rooney Mara da “Pan - Viaggio sull'isola che non c’è” a quello di Faye, Natalie Portman da “Thor: The Dark World” a quello di Rhonda.

“Malick è un narratore puro ed è per questo che gli attori gli rispondono con tanta passione”, ha affermato la produttrice Sarah Green. Gli stessi interpreti vedono messa in discussione la loro tecnica recitativa, avendo così possibilità di migliorare le performance.

A ciò si uniscono cantanti come Patti Smith, Lykke Li, Black Lips, Iggy Pop, John Lydon. Infatti il film è stato girato durante tre importanti festival musicali di Austin: l’Austin City Limits Festival, il South by Southwest e Fun Fun Fun Fest.

La fotografia mutevole di Lubezki esplora il volto degli attori quasi fossero su un palcoscenico teatrale. La scenografia di Jack Fisk rende ancora già reali gli ambienti.

A queste esplorazioni contemporanee Terrence Malick contrapporrà la seconda Guerra Mondiale nel prossimo film. In “Radegund” un obiettore di coscienza rifiuta di combattere per i nazisti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Terrence Malick
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Weightless, il nuovo film di Terrence Malick con Rooney Mara, Ryan Gosling e altre star

Weightless è il nuovo film scritto e diretto dal regista di culto Terrence Malick. Come sempre accade con il cineasta, le notizie sul suo lavoro sono ancora poche e tali rimarranno fino alla sua prima proiezione pubblica. Quello che però si riesce ad evincere è che l’opera dovrebbe essere distribuita nel 2016 e che ha un ...

 

Ryan Gosling film, da The Big Short a The Haunted Mansion di Guillermo Del Toro

Ryan Gosling è in trattativa con Guillermo Del Toro, interessato a entrare nel cast di The Haunted Mansion, progetto cinematografico targato Disney che Del Toro aveva già annunciato nel 2010 in occasione del Comic-Con. Non è chiaro se il film, basato sulla celebre attrazione di Disneyland, sarà una commedia per famiglie ...

 

Recensione film To The Wonder, la rivoluzionaria stanchezza di Terrence Malick

Terrence Malick in To The Wonder racconta di uomo e una donna che hanno una relazione, ma i loro caratteri sono troppo diversi e si lasciano. Questa è in sintesi la trama del film presentato alla Mostra de Cinema di Venezia, semplice come nei drammi borghesi dell’800 e altrettanto destabilizzante. Nell’epoca dei film in 3D ...

 

Mostra del Cinema di Venezia, oggi 2 settembre in concorso i dissidi di To The Wonder

La Mostra Internazionale del Cinema di Venezia oggi vede in concorso To The Wonder di Terrence Malick (Usa) con Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams e Javier Bardem: Marina e Neil dopo essere stati a Mont Saint-Michel tornano in Oklahoma, presto sorgono dei problemi. Marina infatti conosce un prete incerto sulla vocazione, Neil ritrova l&rsq...

 

Il Festival di Venezia 2012 propone un programma traboccante da Selena Gomez a Marco Bellocchio

È un programma traboccante quello della 69a Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia, presentato stamattina all’hotel Excelsior di Roma dal direttore Alberto Barbera e dal presidente della Biennale Paolo Baratta. Gli Stati Uniti sono presenti solo con tre film ma di grande appeal: il progetto segreto di Terrence M...

 

E' nata una stella - Rooney Mara

Sempre più spesso il nome di Rooney Mara compare nei cast di film importanti, come in Millennium - Uomini che odiano le donne diretto da David Fincher, in uscita il 3 febbraio nelle sale italiane. Ma chi è e cosa ha fatto finora? Attrice ventisettenne statunitense, ha debuttato come attrice nel 2005 con un piccolo ruolo nel film horr...

 

Alone di mistero sui progetti di Terrence Malick

Ci aveva abituati ad una lentezza alla Kubrick nella lavorazione dei suoi film, con cinque soli titoli in trentotto anni. Incuriosisce quindi il fatto che il riservato e pignolo regista statunitense Terrence Malick stia contemporaneamente lavorando su quattro fronti, ovviamente tutti avvolti da un fitto alone di mistero, come suo solito. Il primo ...

 

Oscar 2012 - Tutte le nomination in attesa del 26 febbraio

Sono state annunciate ieri 24 gennaio a Los Angeles, nel corso di una breve cerimonia televisiva condotta dall'attrice Jennifer Lawrece e dal presidente dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences Tom Sherak, tutte le candidature ufficiali agli Oscar 2012 che si terranno domenica 26 febbraio e saranno presentati per la nona volta dall'attore c...

 

Recensione film The Tree of Life: una trama alla ricerca del fulcro dellesistenza

Recensione The Tree of Life: dov’è il fulcro dell’esistenza. Il film di Terrence Malick conserva un copione talmente esile che se un regista esordiente lo sottoponesse ad un produttore, sarebbe confiscato in un cassetto e chiuso a chiave. Solo Malick poteva dirigere una storia di una famiglia texana degli anni Cinquanta, con la ...

 

Festival di Cannes 2011: diario del quinto giorno, tra alberi e bordelli

Festival di Cannes 2011: diario del quinto giorno, tra alberi e bordelli. Nella seconda settimana del festival, Terrence Malick – assente alla conferenza stampa - propone The tree of life-L’albero della vita. Nel Texas degli anni '50, Jack è cresciuto tra un padre autoritario e una madre amorevole e generosa. La nascita dei...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni