X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

20/04/2017 07:30
Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

"Boston - Caccia all'uomo" è il film di Peter Berg che affonda le indagini dopo un attentato terroristico.

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan.

Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo asiatico fa jogging.

Due fratelli sono a casa, Dzhokhar e Tamerlan Tsarnaev, di origine cecena. Sono loro due terroristi che si preparano ad un attentato ad una maratona, quella di Boston del 15 aprile 2013: “Sei pronto per questo?”, chiede Dzhokhar. E le vite che prima procedevano inesperte ora si trovano in pericolo.

Ls maratona procede tra entusiasmo e attenzione, con la musica di Trent Reznor e Atticus Ross che prepara a qualcosa di inatteso. I due attentatori si spostano tra la folla, lasciano due zaini. Poco dopo le espulsioni gettano il panico, le persone precipitano a terra e fuggono.

Il film di Peter Berg da documento di un vento diventa così anche carico di pathos, perché entra nelle vite degli agenti che devono agire per trovare nel minore tempo possibile gli attentatori. I due giovani che cenavano all’inizio ora sono in ospedale, gli vengono amputate le gambe. 264 feriti versano in condizioni gravi, 3 sono i morti tra cui un bambino. Il film per trarre maggiore realismo si è basato sul libro “Boston Strong” di Casey Sherman e Dave Wedge.

Si iniziano ad analizzare le riprese, per scoprire indizi che conducano agli attentatori. “Il mio istinto mi dice che sono probabilmente i colpevoli”, dice Richard DesLauriers (Kevin Bacon), l’agente speciale riferendosi a due persone intraviste nei fotogrammi. S’infervora poi sul fatto che qualcuno abbia venduto le immagini ad un canale televisivo, che le trasmetterà e inquinerà così le ricerche.

Tutti i momenti di indagine - che potrebbero risultare noiosi - in realtà sono poi dilagati di suspense sia attraverso la collaborazione degli abitanti, che con scene di sparatorie. Infatti nel tentativo di nascondersi, Dzhokhar e Tamerlan uccidono un ufficiale e rubano la sua arma, annunciando anche di volere effettuare un altro attentato a New York City. Il ragazzo che faceva jogging in realtà collabora con loro, ma ora teme di essere arrestate e fugge, cercando di farli arrestare: il sergente Tommy Saunders dubita che lui sia solo una vittima.

Qui arriva Jeffrey Pugliese (JK Simmons): “Hanno una bomba, cercano di spararci”, fa un poliziotto. “Sì, non mi dire”, risponde pacatamente. Tra esplosioni e assurde armi confezionate durante l’operazione dai due attentatori, la scena di violenza è una delle migliori realizzare negli ultimi anni. Incongrua, se non fosse vera.

Toccante è poi il momento finale in cui alcuni sopravvissuti raccontano come abbiano affrontato il prosieguo della loro vita, sfregiata da quel gesto: e la continuità di quella vicenda è data dalla citazione dell’attentato di Parigi, Nizza, Bruxelles come eventi in cui le persone diventano da vittime a “portatori di pace”. Sono scene che riconducono ad un  pathos più composto rispetto ad film come "World Trade Center" (2006) di Oliver Stone che racconta gli attentati dell'11 settembre 2001.

Peter Berg riesce così sempre a sorprendere, passando da commedia come “Cose molto cattive” (“Very Bad Things”, 1998) a “The Kingdom” (2007), il sarcasmo supereroistico di “Hancock” (2008), la fantascienza di “Battleship” (2012) , l’azione di guerra di “Lone Survivor” (2013). Fino al drammatico “Deepwater Horizon” (2016), sull'esplosione di una piattaforma petrolifera avvenuta nel 2010 e il successivo disastro ambientale.

In “Boston - Caccia all’uomo” è soprattutto vedendo le interviste reali che si ripensa a quanto la finzione abbia rappresentato nei momenti precedenti del film. E che Peter Berg ha  creato un’opera sincera, da un evento tangibile. Ciò che dovrebbe realizzare una buona narrativa, rendere palese l’indicibile che si trova nella realtà.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Boston - Caccia all'uomo
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni