X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

20/04/2017 07:30
Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

"Boston - Caccia all'uomo" è il film di Peter Berg che affonda le indagini dopo un attentato terroristico.

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan.

Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo asiatico fa jogging.

Due fratelli sono a casa, Dzhokhar e Tamerlan Tsarnaev, di origine cecena. Sono loro due terroristi che si preparano ad un attentato ad una maratona, quella di Boston del 15 aprile 2013: “Sei pronto per questo?”, chiede Dzhokhar. E le vite che prima procedevano inesperte ora si trovano in pericolo.

Ls maratona procede tra entusiasmo e attenzione, con la musica di Trent Reznor e Atticus Ross che prepara a qualcosa di inatteso. I due attentatori si spostano tra la folla, lasciano due zaini. Poco dopo le espulsioni gettano il panico, le persone precipitano a terra e fuggono.

Il film di Peter Berg da documento di un vento diventa così anche carico di pathos, perché entra nelle vite degli agenti che devono agire per trovare nel minore tempo possibile gli attentatori. I due giovani che cenavano all’inizio ora sono in ospedale, gli vengono amputate le gambe. 264 feriti versano in condizioni gravi, 3 sono i morti tra cui un bambino. Il film per trarre maggiore realismo si è basato sul libro “Boston Strong” di Casey Sherman e Dave Wedge.

Si iniziano ad analizzare le riprese, per scoprire indizi che conducano agli attentatori. “Il mio istinto mi dice che sono probabilmente i colpevoli”, dice Richard DesLauriers (Kevin Bacon), l’agente speciale riferendosi a due persone intraviste nei fotogrammi. S’infervora poi sul fatto che qualcuno abbia venduto le immagini ad un canale televisivo, che le trasmetterà e inquinerà così le ricerche.

Tutti i momenti di indagine - che potrebbero risultare noiosi - in realtà sono poi dilagati di suspense sia attraverso la collaborazione degli abitanti, che con scene di sparatorie. Infatti nel tentativo di nascondersi, Dzhokhar e Tamerlan uccidono un ufficiale e rubano la sua arma, annunciando anche di volere effettuare un altro attentato a New York City. Il ragazzo che faceva jogging in realtà collabora con loro, ma ora teme di essere arrestate e fugge, cercando di farli arrestare: il sergente Tommy Saunders dubita che lui sia solo una vittima.

Qui arriva Jeffrey Pugliese (JK Simmons): “Hanno una bomba, cercano di spararci”, fa un poliziotto. “Sì, non mi dire”, risponde pacatamente. Tra esplosioni e assurde armi confezionate durante l’operazione dai due attentatori, la scena di violenza è una delle migliori realizzare negli ultimi anni. Incongrua, se non fosse vera.

Toccante è poi il momento finale in cui alcuni sopravvissuti raccontano come abbiano affrontato il prosieguo della loro vita, sfregiata da quel gesto: e la continuità di quella vicenda è data dalla citazione dell’attentato di Parigi, Nizza, Bruxelles come eventi in cui le persone diventano da vittime a “portatori di pace”. Sono scene che riconducono ad un  pathos più composto rispetto ad film come "World Trade Center" (2006) di Oliver Stone che racconta gli attentati dell'11 settembre 2001.

Peter Berg riesce così sempre a sorprendere, passando da commedia come “Cose molto cattive” (“Very Bad Things”, 1998) a “The Kingdom” (2007), il sarcasmo supereroistico di “Hancock” (2008), la fantascienza di “Battleship” (2012) , l’azione di guerra di “Lone Survivor” (2013). Fino al drammatico “Deepwater Horizon” (2016), sull'esplosione di una piattaforma petrolifera avvenuta nel 2010 e il successivo disastro ambientale.

In “Boston - Caccia all’uomo” è soprattutto vedendo le interviste reali che si ripensa a quanto la finzione abbia rappresentato nei momenti precedenti del film. E che Peter Berg ha  creato un’opera sincera, da un evento tangibile. Ciò che dovrebbe realizzare una buona narrativa, rendere palese l’indicibile che si trova nella realtà.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Boston - Caccia all'uomo

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Norwegian International Film Festival: il cinema tra i fiordi, intervista al direttore

Il Norwegian International Film Festival è il maggior evento cinematografico della Norvegia, che si è sempre contraddistinto per saper alternare opere popolari con film indipendenti. Si svolge dal 20 al 26 agosto: Mauxa ha intervistato il direttore, Tonje Hardersen. D. Una sezione del Norvegian Film Festival è il nordic focus....

 

The Nun, nel 2018 lo spin off di The Conjuring – Il caso Enfield

Si sono ufficialmente concluse le riprese di “The Nun”, spin-off di “The Conjuring – Il Caso Enfield”; a confermarlo è stato lo stesso regista, Corin Hardy. Quando il primo “The Conjuring - L’evocazione” è arrivato al cinema – era l’estate 2013 – nessuno si aspettava l...

 

Icarus, il film sullo scandalo sportivo del doping

Icarus è il documentario di Bryan Fogel disponibile on-demand, che racconta uno degli grandi scandali sportivi più recenti. Bryan Fogel per scoprire come gli atleti possano continuare a camuffare l’assunzione di sostanze dopanti, ha usato alcune sostanze e poi si è sottoposto ai alcuni test. Fogel è un cicli...

 

Il fantasma di mezzanotte, il film horror sulla diffidenza

Il fantasma di mezzanotte (“The ci and The Cannavaro”) è il film del 1939 diretto da Elliott Nugen, che usciva in questi giorni in Italia. Dieci anni dopo la morte del milionario Cyrus Norman, il suo avvocato Crosby e i suoi sei parenti giungono al suo castello gotico nel sobborgo vicino a New Orleans. Devono ascoltare la lettur...

 

Festival di Venezia 2017, première del film di Jean Rouch ambientato in città

Al Festival di Venezia 2017 sarà proiettato “Cousin, cousine” (“Cugino, cugina”, 1985-1987), cortometraggio dell’etnografo Jean Rouch girato nella città veneta. Il cortometraggio (lungo 34 minuti) vede Mariama e Damouré, due cugini che giungono a Venezia per cercare una reliquia persa molto tempo ...

 

Beautiful – The Carole King Musical diventa un film prodotto da Tom Hanks

La Sony si occuperà dell’adattamento cinematografico di “Beautiful: The Carole King Musical”. Douglas McGrath, autore del libretto originale, scriverà la sceneggiatura; Tom Hanks e Gary Goetzma, tramite la loro Playton, produrranno la pellicola insieme a Paul Blake, già produttore della versione teatrale. La ...

 

Dwayne Johnson e lo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos in un film su Genghis Khan

Evan Spiliotopoulos, sceneggiatore del film “La bella e la bestia" (leggi l’intervista) e “Il cacciatore e la regina di ghiaccio” (leggi l’intervista) lavorerà ad un film su Genghis Khan. La Universal Pictures ha infatti acquistato uno script di avventura scritto dal stesso Evan Spiliotopoulos, che ha come...

 

Brian De Palma, il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

Brian De Palma per il nuovo film “Domino” sceglie un argomento europeo, quello degli attacchi terroristici. Ma ciò che si nota soprattutto è la scelta di un cast divenuto famoso per le serie televisive. “Domino” è infatti una pellicola che ha come protagonista Nikolaj Coster-Waldau, che nella saga &ldqu...

 

Leonardo DiCaprio interpreterà in un film il pittore Leonardo Da Vinci

Leonardo DiCaprio interpreterà Leonardo Da Vinci in un biopic. La Paramount sarà produttrice del film, che è tratto dal libro del biografo Walter Isaacson, il quale ha già lavorato alle biografie di Steve Jobs e Albert Einstein. L’idea del film è dello stesso DiCaprio, che risale a dei racconti paterni. In...

 

Film più visti della settimana, 'Annabelle: Creation' è al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dall’11 al 13 agosto 2017 vede al primo posto l’horror “Annabelle: Creation” (35.040.000 dollari): Samuel Mullins, fabbricante di bambole con la moglie ospita delle ragazze a casa sua, che saranno loro il bersaglio della creatura posseduta dalla bambola Annabelle. Al...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni