X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Terrorismo e videogiochi, tra realtà e finzione

18/04/2017 14:00
Terrorismo videogiochi tra realtà finzione

Il terrorismo e i videogiochi, un lungo percorso narrativo fatto di produzioni profonde e che hanno avvicinato il medium videoludico alle opere letterarie. Le trame intessute da Tom Clancy e i risvolti di Modern Warfare, insieme alla fantascientifica xenofobia di Mass Effect.

Terrorismo e videogiochi, una tematica spesso connessa negli attuali giochi di guerra e spionaggio, con produzioni paragonabili ai moderni prodotti di letteratura, che hanno esplorato e anticipato diversi intrecci narrativi. La collaborazione di un scrittore dalla fama internazionale come Tom Clancy, nei videogiochi Ubisoft, ha permesso lo sviluppo di scenari e trame fortemente incentrate sulla lotta al terrorismo, con organizzazioni e infiltrazioni in territorio americano. Le svariate serie della software house francese, da Rainbow Six a Ghost Recon, passando per Splinter Cell, hanno trasportato la guerra al terrorismo all’interno dei confini nazionali, una soluzione seguita anche da pellicole recenti, come il film con protagonista Mark Wahlberg, Boston: caccia all’uomo, che ripercorre gli eventi legati alla maratona del 15 aprile 2013, un evento tragico che aprì una spietata ricerca degli attentatori.

La stessa Activision, passata dalla seconda guerra mondiale a scenari moderni e poi futuristici, si è gettata con prepotenza nel mondo del terrore, con episodi indimenticabili e che puntavano decisamente sulla componente narrativa. La trilogia di Modern Warfare è stata un esempio di teatralità e in termini di storia, con missioni ed episodi memorabili. Sulla stessa linea vi sono anche titoli dal carattere fantascientifico, come la serie Mass Effect, che ha cavalcato le recenti politiche xenofobe e di estrema destra e le ha traslate in un’ottica universale. 



Nelle recenti produzioni videoludiche di guerra legate al terrorismo grande spazio è stato rivestito dalle produzioni che portavano nel titolo il nome di Tom Clancy, grazie ai primi due Rainbow Six: Vegas, capaci di creare un quadro credibile e realistico di attacchi terroristici in territorio americano. Gli attentati nei punti chiave della città del Nevada, perfettamente riprodotta all’epoca con palazzi e luoghi caratteristici, devono essere evitati dal Team Rainbow, in un gioco fortemente realistico e dalle dinamiche di gameplay tattiche e ragionate. Lo stesso approccio, poi perso nel tempo, appartiene a Ghost Recon Advanced Warfighter, dove le Forze Speciali statunitensi sono impegnate a recuperare un dispositivo di spionaggio caduto in mano ai terroristi. Nella campagna per giocatore singolo, che al tempo era estremamente curata in casa Ubisoft, si intrecciano vicende politiche e sociali, tra colpi di stato e problemi legati all’immigrazione. Rimanendo in casa Ubisoft non si può ignorare l’esordio, ormai lontano, di Splinter Cell, serie di romanzi e videogiochi scritti sempre da Tom Clancy. L’eroe Sam Fisher, doppiato in Italia da Luca Ward, è un agente della divisione Third Echelon dell’NSA, che opera per la sicurezza internazionale, seguendo e sventando casi di terrorismo, armi chimiche e virus informatici, in maniera silenziosa.



La saga di Call of Duty ha espresso, negli anni, differenti concetti di terrorismo, con la trilogia di Modern Warfare capace di creare un intreccio di attentati, tradimenti e scenari da pellicola hollywoodiana. L’ambientazione moderna si unisce alla guerra contro una coalizione formata da ultra nazionalisti russi e terroristi islamici. La piega degli eventi, nei due seguiti, ci porta attraverso situazioni e missioni iconiche, nonché premonitrici di eventi reali, come l’attentato avvenuto all’aeroporto di Mosca. L’idea di terrorismo cambia nelle ultime produzioni Activision, con Advanced Warfare che esplora e denuncia la politica estera degli Stati Uniti, con organizzazioni dal dubbio connotato umanitario e che nascondono, in realtà, ben altri intenti. L’ultimo arrivato, Infinite Warfare, proietta invece la lotta a fazioni terroristiche fuori dal pianeta Terra, in un futuro decisamente remoto.



Mass Effect tratta il terrorismo in maniera diversa dalle altre produzioni e lo fa unendo tematiche sociali e politiche odierne, con organizzazioni nazionaliste e xenofobe come punto di riferimento. L’attenzione e la profondità della serie di Bioware esulano dal banale stereotipo, proiettando un problema attuale su dimensioni universali, con una scala di chiaroscuri per quanto riguarda idee e scelte morali. L’organizzazione Cerberus difende gli interessi degli umani, che si trovano nella galassia a dover collaborare e scendere a compromessi con le altre razze, all’interno del Consiglio della Cittadella. Cerberus, tuttavia, opera attraverso atti di terrorismo, per garantire agli umani la superiorità galattica e assicurare alla specie un primato verso le altre popolazioni, considerate pericolose e nemiche dell’umanità.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 
Film correlati
Boston - Caccia all'uomo

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni