X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Elle

23/03/2017 07:30
Recensione del film Elle

Paul Verhoeven dirige il film "Elle" interpretato da Isabelle Huppert.

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista).

Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L’aggressore ha un passamontagna, compiuto il reato fugge. La donna resta immobile, fa una telefonata in farmacia, poi torna al lavoro.

La sua determinatezza è la medesima che trasmette nella gestione dell’azienda, da manager di una società che sviluppa videogiochi. Ma le intemperie di quel reato ritornano presto, il videogioco cui il team sta lavorando “deve essere più violento”, impone lei. Quasi a ribadire un’esigenza dell’odierna civiltà, e gli echi della violenza.

Nega anche al figlio Vincent (Jonas Bloquet): “Cosa ti sei fatta qui?”, chiede lui: “Sono caduta dalla bicicletta”.

Michèle confida infine l’accaduto all’ex marito Patrick (Charles Berling) e alla collega Anna (Anne Consigny), pur se a cena è presente anche il marito di questa, Robert (Christian Berkel) con cui Michèle ha una relazione.

Emerge quindi uno dei temi di Verhoeven, quello della possibilità di mentire senza esserne coscienti, o fingendo in maniera eclatante. Anche nel suo film “Basic Instinct” (1992) la scrittrice Catherine Tramell espone le sue trasgressioni al detective Nick Curran, tanto che potrebbe essere anche un’assassina.

E la stessa Michèle di “Elle” si avvicina a diventare da vittima a colpevole: comincia a sospettare del vicino di casa, il mite Patrick (Laurent Lafitte) ma poi lo fa entrare in casa. Lo invita con la moglie alla festa di Natale, lo seduce con il piede sotto il tavolo, oppure lo spia con il binocolo e si eccita mentre lo guarda. Il limite tra lecito e impudicizia non esiste in questo film, facendo emergere anche una disparità presente nella psiche umana. Lo stesso detective Nick Curran in “Basic Instinct” s’innamora della presunta colpevole Catherine.

Fino a quanto siamo razionali? E sopratutto il dubbio che il film pone è se non occorra vedere dentro ciò che ci fa più male, per comprendere come migliorare. Ecco quindi che l’impudicizia diventa in realtà un asso necessario verso la guarigione. Se si cerca di evitare un aspetto del proprio carattere, è proprio lì che occorre guardare in fondo. È questo l’unico modo per crescere, come fa Michèle quando scopre chi sia il colpevole dell’aggressione e anziché scansarlo lo avvicina, gli telefona anche dopo un incidente stradale per farsi aiutare.

Tutto il cast del film crea un vortice corale che fa centro su di lei. Solo Isabelle Huppert poteva interpretare questo ruolo: ne è la riprova il fatto che attrici statunitensi cui fu offerto la parte hanno rifiutato. L’attrice ammirò il libro “Oh…” di Philippe Djian da cui è tratto, e volle realizzarne un film. La violenza delle scene con cui fa immedesimare lo spettatore è spesso ardua da sopportare: dai tradimenti dei colleghi in ufficio, al silenzio del suo gatto, dall’odio e amore per la madre anziana all’obbrobrio per il delitto che il padre commise decenni prima.

E da qui entra un nuovo dubbio, che Verhoeven lascia in sospeso: siamo figli degli errori dei genitori. La risposta è nel finale del film, in ciò che Michèle snoda per il figlio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Elle

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 

The Divergent Series: Ascendant, la saga si chiuderà con un film per la TV

Con un annuncio senza precedenti, l’anno scorso la Lionsgate ha rivelato che il quarto capitolo della saga “Divergent”, inizialmente intitolato “The Divergent Series: Ascendant” sarebbe diventato un film per la TV, “Ascendant”, magari da concepirsi come episodio pilota di un’ipotetica serie spin-off. ...

 

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 

Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse: il film commedia sul 'padre chioccia' con Omar Sy

Famiglia all’improvviso - Istruzioni non incluse è il film nelle sale diretto da Hugo Gélin con Omar Sy, Clémence Poésy, Antoine Bertrand, Gloria Colston. La storia è quella di Samuel che vive nel Sud della Francia: non ha troppe preoccupazioni giornaliere, finché una ex ragazza si presenta dice...

 

Cars 3, gli autori presentano il corto 'A Tale of Momentum and Inertia'

Eyal Podell e Jonathon E. Stewart, che hanno scritto il prossimo film “Cars 3” hanno realizzato un cortometraggio per Fox Animation Studios dal titolo “A Tale of Momentum and Inertia”. Il progetto è stato presento a diversi Festival: la storia racconta di un uomo roccia che cerca di trattenere un masso che sta per di...

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte apri...

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan. Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni