X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

22/03/2017 07:30
Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline è il film commedia francese di Mohamed Hamidi

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri.

Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacqueline, il sogno è portarla alla fiera agricola di Parigi. Quando riceve l’invito di recarsi nella capitale si fa prestare i soldi dagli abitanti del villaggio per realizzare il viaggio, saluta la moglie Naima e le sue due figlie e con la mucca prende la nave per Marsiglia.

Non c’è molto da aggiungere su questa trama, tranne il fatto che dalla Francia arrivano delle commedie spesso esilaranti che poi vengono adattate in remake. “Benvenuti al Sud” (2010) è stato adattato da “Bienvenue chez les Ch’tis" (2008). “Quasi amici” (2011) è divenuto in Argentina “Inseparables” (leggi la recensione). Occorre poi considerare “Alibi.com”, commedia sull’infedeltà amorosa coperta dall’alibi, in queste settimane alle prime posizioni della classifica francese. “Patients”, dove un uomo giunge in un centro di riabilitazione dopo un incidente e socializza con tetraplegici, paraplegici: l’ironia è inserita in contesti drammatici.

E sono sempre gli impedimenti fisici ad essere il motore della trama in “La famiglia Bélier” (2014):  qui l’adolescente Paula cresce in una famiglia con i genitori muti, vuole intraprendere gli studi di canto ma teme di lasciare la fattoria. In “Quasi amici” il ricco Philippe è tetraplegico : il film ha incassato al mondo 426.6 milioni di dollari.

In “In viaggio con Jacqueline” questi impedimenti fisici tendono a protrarsi, come il viaggio prima in nave, poi per terra. E non raggiungono certamente l’ironia de “La famiglia Bélier”, tendendo a diluire una trama molto esile.

Il contadino Fatah finisce in una festa paesana, in cui con un gioco di magia si fa scomparire Jacqueline. Canta “I Will Survive”: l’uscita di Fatah non è solo geografica, dal momento che non si mai sposato dal suo paese, ma anche caratteriale. E quando al suo paese algerino e mussulmano giungono le foto via internet della sue bravate in territorio franco, la reazione di Naima è negativa.

Un ruolo fondamentale lo occupa Philippe (Wilson), incontrato durante il tragitto e che cerca di ricondurre Fatah alla razionalità. È lui che poi lo aiuta a scrivere una lettera per Naima, offesa per le foto “scabrose”. E che lo aiuterà quando finirà in carcere.

Ma in tempi di profluvio di fantascienza, di vicende prossime a Marte, film realizzati con budget da King Kong, sapere che una commedia ha come protagonista una mucca ottenendo un incasso complessivo di 9.2 milioni di dollari fa comprendere che il pubblico cerca anche tematiche ormai desuete, che restano fuori dalla quotidianità cittadina.

Ne “In viaggio con Jacqueline” c’è stata anche attenzione per la scelta della mucca: “non potevo portare la stessa mucca dall’Africa in Francia e viceversa”, ha detto il regista, che si è occupato di problemi inerenti l’interazione razziale. In Marocco si è trovata una vacca di razza Tarentaise, e per le due gemelle francesi si sono provinate 300 mucche, con un periodo di training vicino Fontainebleau.

Di ambientazione simile - e protagoniste - c’è “La vacca e il prigioniero” (1959) di Henri Verneuil; per il road movie recente, “Little Miss Sunshine” e “Una storia vera” di David Lynch. Ma qui emerge sopratutto una semplicità contadina che è raro ritrovare al cinema, e che già da sola - in epoca di esibizionismo social - crea ilarità.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni