X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Il diritto di contare

08/03/2017 07:30
Recensione del film Il diritto di contare

"Il diritto di contare" è il film di Theodore Melfi: è tratto da un libro. Nel cast ci sono Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe e Kevin Costner.

Il diritto di contare è il film di Theodore Melfi con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst e Jim Parsons.

Il titubare del film già nelle scene iniziali è dovuto al fatto che deve raccontare con una modalità lineare tutta l’evoluzione delle protagoniste, dalla scienziata afro-americana Katherine Johnson che deve correre per andare in bagno dal momento che la toilette per i neri è in un altro edificio, all’incontro con l’ufficiale Jim Johnson, scettico sulle abilità matematiche delle donne.

Katherine con Dorothy Vaughan e Janelle Monáe fanno parte della NASA, nell’anno 1961 durante la corsa allo spazio. Lei calcola le traiettorie di volo per il Mercury Project e altre missioni, ma essendo di colore è invisa al team.

Da qui si passa al matrimonio con Johnson. “L’area più vicina al razzo, e la più vicina al calore”, dice Katherine riferendosi alla navicella in fase di costruzione: emerge il tenore del film, sceneggiato più per evidenziare l’emancipazione delle donne che non raccontare una storia. Tutto è consequenziale, come in un documentario che deve rivelare nei dettagli l’evoluzione di un concetto.

Un film simile è stato “The Help” (2011), sempre di tematica simile e ambientato nel 1963: ma in quel caso con l’immissione della figura della giornalista Skeeter si è data più movenza alla storia, rendendola tornita. Infatti la giovane trova inaccettabile la situazione dello Stato del Mississippi dove vige ancora segregazione e razzismo contro le donne afro-americane che lavorano come domestiche presso le famiglie bianche: da qui parte una battaglia. In “Il diritto di contare” invece il dramma resta sullo sfondo, vincolato da esigenze di dimostrazioni di intelligenza, con equazioni da sciorinare nel passaggio da una fase all’altra.

Così Al Harrison (Costner), direttore del Task Group Space abolisce la segregazione per quanto riguarda l’uso dei bagni: intanto Katherine crea un'equazione elaborata per guidare la capsula spaziale in un rientro sicuro, anche se poi lei deve eliminare il suo nome da tutte le relazioni. La collega Mary va in tribunale e convince il giudice a concedere il permesso di frequentare corsi serali in una scuola completamente bianca per ottenere la laurea in ingegneria. Mancando un contrasto vero, il film diventa quasi una agiografia delle tre donne.

Ma questa ispirazione documentaristica de “Il diritto di contare" risiede proprio nella sorgente della vicenda: essa è tratta dal libro “Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race” del 2016 della saggista Margot Lee Shetterly. È stato scritto intervistando le tre donne, e rientra nel più vasto progetto “West Area Computers”, studio sul gruppo di donne matematiche che hanno lavorato presso il Langley Research Center di NACA dal 1943 fino il 1958: le donne, circa cento iniziarono la carriera nel settore della ricerca aeronautica durante la seconda guerra mondiale, rientrarono nelle “leggi Jim Crow” che imponevano loro di utilizzare i bagni separati e le caffetterie. Queste leggi si basavano sulla dottrina “Separati ma uguali” (“Separate but equal”) che giustificava la segregazione razziale reputandola conforme alle linee dettate dal 14° Emendamento della Costituzione.

“Il diritto di contare” quindi deve necessariamente mostrare delle evoluzioni caratteriali e di carriera, e ci riesce. Più che i risultati di un singolo, sono quello di un gruppo a delinearsi lentamente come il motore della storia. La scena in cui Dorothy avvia una macchina 7090 IBM è coinvolgente: si tratta di un calcolatore elettronico che ironicamente potrebbe sostituire i suoi collaboratori.

“Credi che arriveremo sulla Luna?”, chiede Al Harrison a Katherine; “Siamo già lì”, risponde lei. Nel 1969 gli Stati Uniti raggiunsero la Luna, la legge “Separati ma uguali” fu abolita cinque anni prima con il “Civil Rights Act”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Il diritto di contare
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni