X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Il diritto di contare

08/03/2017 07:30
Recensione del film Il diritto di contare

"Il diritto di contare" è il film di Theodore Melfi: è tratto da un libro. Nel cast ci sono Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe e Kevin Costner.

Il diritto di contare è il film di Theodore Melfi con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst e Jim Parsons.

Il titubare del film già nelle scene iniziali è dovuto al fatto che deve raccontare con una modalità lineare tutta l’evoluzione delle protagoniste, dalla scienziata afro-americana Katherine Johnson che deve correre per andare in bagno dal momento che la toilette per i neri è in un altro edificio, all’incontro con l’ufficiale Jim Johnson, scettico sulle abilità matematiche delle donne.

Katherine con Dorothy Vaughan e Janelle Monáe fanno parte della NASA, nell’anno 1961 durante la corsa allo spazio. Lei calcola le traiettorie di volo per il Mercury Project e altre missioni, ma essendo di colore è invisa al team.

Da qui si passa al matrimonio con Johnson. “L’area più vicina al razzo, e la più vicina al calore”, dice Katherine riferendosi alla navicella in fase di costruzione: emerge il tenore del film, sceneggiato più per evidenziare l’emancipazione delle donne che non raccontare una storia. Tutto è consequenziale, come in un documentario che deve rivelare nei dettagli l’evoluzione di un concetto.

Un film simile è stato “The Help” (2011), sempre di tematica simile e ambientato nel 1963: ma in quel caso con l’immissione della figura della giornalista Skeeter si è data più movenza alla storia, rendendola tornita. Infatti la giovane trova inaccettabile la situazione dello Stato del Mississippi dove vige ancora segregazione e razzismo contro le donne afro-americane che lavorano come domestiche presso le famiglie bianche: da qui parte una battaglia. In “Il diritto di contare” invece il dramma resta sullo sfondo, vincolato da esigenze di dimostrazioni di intelligenza, con equazioni da sciorinare nel passaggio da una fase all’altra.

Così Al Harrison (Costner), direttore del Task Group Space abolisce la segregazione per quanto riguarda l’uso dei bagni: intanto Katherine crea un'equazione elaborata per guidare la capsula spaziale in un rientro sicuro, anche se poi lei deve eliminare il suo nome da tutte le relazioni. La collega Mary va in tribunale e convince il giudice a concedere il permesso di frequentare corsi serali in una scuola completamente bianca per ottenere la laurea in ingegneria. Mancando un contrasto vero, il film diventa quasi una agiografia delle tre donne.

Ma questa ispirazione documentaristica de “Il diritto di contare" risiede proprio nella sorgente della vicenda: essa è tratta dal libro “Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race” del 2016 della saggista Margot Lee Shetterly. È stato scritto intervistando le tre donne, e rientra nel più vasto progetto “West Area Computers”, studio sul gruppo di donne matematiche che hanno lavorato presso il Langley Research Center di NACA dal 1943 fino il 1958: le donne, circa cento iniziarono la carriera nel settore della ricerca aeronautica durante la seconda guerra mondiale, rientrarono nelle “leggi Jim Crow” che imponevano loro di utilizzare i bagni separati e le caffetterie. Queste leggi si basavano sulla dottrina “Separati ma uguali” (“Separate but equal”) che giustificava la segregazione razziale reputandola conforme alle linee dettate dal 14° Emendamento della Costituzione.

“Il diritto di contare” quindi deve necessariamente mostrare delle evoluzioni caratteriali e di carriera, e ci riesce. Più che i risultati di un singolo, sono quello di un gruppo a delinearsi lentamente come il motore della storia. La scena in cui Dorothy avvia una macchina 7090 IBM è coinvolgente: si tratta di un calcolatore elettronico che ironicamente potrebbe sostituire i suoi collaboratori.

“Credi che arriveremo sulla Luna?”, chiede Al Harrison a Katherine; “Siamo già lì”, risponde lei. Nel 1969 gli Stati Uniti raggiunsero la Luna, la legge “Separati ma uguali” fu abolita cinque anni prima con il “Civil Rights Act”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Il diritto di contare

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le Sens de la fête, il film commedia di successo in Francia

Le Sens de la fête è uno dei film che sta ottenendo maggiore successo in Francia. Diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache, ha nel cast Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve e Gilles Lellouche. Max è stato un ristoratore per trenta anni, organizzando centinaia di feste. Per l’evento che si svolge in un castello del XVII se...

 

L'uomo di neve, intervista a Silvia Busuioc: 'siamo stati fortunati ad essere diretti da Tomas Alfredson'

Abbiamo intervistato in esclusiva Silvia Busuioc, attrice di origine moldava impegnata in numerosi progetti cinematografici e televisivi. D: Sei nel cast del nuovo film di Tomas Alfredson "L'uomo di neve", come consideri questa esperienza?  R: È stato un grande onore lavorare accanto a due attori premio Oscar come ...

 

Recensione del film The Force, lo sguardo sui maltrattamenti della polizia apprezzato dalla critica

The Force è il film documentario di Peter Nicks, uscito in queste settimane negli Stati Uniti e apprezzato dalla critica. Ha vinto il premio come migliore opera al Sundance Film Festival. La Polizia di Oakland è famosa per la sua cattiva condotta e scandali, anche a causa delle tensioni razziali che favoriscono comportamenti desueti....

 

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin