X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

The Shack, 'chi ha letto il libro non sarà deluso dal film': intervista allo scrittore William P. Young

07/03/2017 07:30
The Shack 'chi ha letto il libro non sarà deluso dal film' intervista allo scrittore William

Mauxa ha intervistato lo scrittore William P. Young, autore del romanzo "The Shack" da cui è tratto il film con Octavia Spencer e Sam Worthington

The Shack è il film di Stuart Hazeldine  distribuito negli Stati Uniti dalla Summit Entertainment. Nel cast ci sono Octavia SpencerSam Worthington e Radha Mitchell . Il film è tratto dal romanzo omonimo di William P. Young, pubblicato nel 2007 e che ha venduto oltre 25 milioni di copie: in italiano il libro è stato tradotto  con il titolo "Il rifugio". Mauxa ha intervistato  lo scrittore William P. Young, e "The Shack" è attualmente al primo posto della classifica "The New York Times Best Sellers".

La storia racconta di Mackenzie Phillips (Worthington) che da bambino subì abusi da suo padre alcolista. Da adulto è sposato con Nan (Mitchell), ha tre figli (nel romanzo sono cinque):  durante una vancanza in campeggio due dei bambini cadono nel fiume a causa di un incidente in canoa. Mackenzie riesce a salvarli, ma la terza figlia è lasciata a riva. La piccola è scomparsa, la polizia teme che sia stata vittima di un serial killer, avendo  trovato il suo vestito strappato e insanguinato. La tragedia spegne la fede di Mack, finché non riceve un telegramma firmato dal misterioso "Papa" (che è il nome con cui  Nan chiama Dio, interpretato da Octavia Spencer), il quale lo invita in una baracca. L'uomo è  riluttante,  accetta e incontra un misterioso trio di stranieri che cercano di aiutarlo a capire e perdonare.

D. Il romanzo "The Shack" racconta un evento anche religioso. Come é nata l'idea di una storia così particolare?

William P. Young. Sono cresciuto in un ambiente religioso. Dio per molti di noi non era un essere che era stato sempre buono, ma quasi oscuro, che viveva dietro Gesù, che aveva bisogno di essere placato attraverso il sacrificio. "The Shack" non è solo una parabola:  in alcune  parti è reale, in altre no. Ma è anche una conversazione che comprende le questioni della fede, la natura di Dio e l'umanità. Ogni persona 'è' una storia, quindi tutti noi abbiamo affinità per le storie. Una buona storia non è solo il miglior intrattenimento, ma apre anche uno spazio di incontro più profondo. Originariamente ho scritto il romanzo come regalo di Natale per i nostri sei figli: il più giovane aveva 13 anni di età. Stampai  quindici copie in un negozio locale e le diedi alla mia famiglia e poi agli amici. Quei primi esemplari hanno fatto tutto quello ciò che volevo realizzassero. Attribuisco l'enorme successo del libro al senso di umorismo, alla grazia e alla tempistica di Dio.  

D. Pensi che la religione possa ancora parlare alla gente, come accade nel libro?

W. P. Y. Non credo che Dio sia mai stato un essere religioso. Pertanto, ogni religione è un cumulo di idee e istituzioni che abbiamo generato noi stessi. L'attività di Dio a mio parere è quella di inviarci inclinazioni religiose, Dio comincia a minare la nostra dipendenza dai sistemi e ci invita a prendere il rischio della fiducia di una relazione con Lui. Ma Dio non è assente dalla religione: quindi sì, quando si sente qualcosa che agita il cuore e si muove verso l'autenticità e la completezza si sta ascoltando la voce di Dio. Purtroppo ci vuole tempo  per imparare a discernere la differenza tra l'affetto incessante di Dio ed i suoni dei sistemi.

D. Hai collaborato anche alla sceneggiatura del film?

W. P. Y. Io no. A un certo punto del processo ho rinunciato al controllo creativo sull'adattamento cinematografico. Mi è stato chiesto di leggere la sceneggiatura e commentarla, ma non avevo aspettative che i miei commenti avessero un peso. Sono grato di quanto spesso sono stato invitato a partecipare: dalle conversazioni sul copione, alla scelta degli attori, essere sul set ed invitato a prendere appunti per la post-produzione. Non credo che chiunque abbia letto il libro sarà deluso dal film.

D. Hai scritto anche "Eve: A Novel", che racconta un collezionista che trova una donna in fin di vita e scopre che il codice genetico conduce alla prima donna. Come mai hai scelto questo argomento? 

W. P. Y. A differenza di "The Shack" e "Cross Roads", che sono parabole concettuali "Eve" si occupa di uno specifico passo delle Scritture, La Genesi. Ciò  ha creato un'enorme tensione e domanda fondamentale: come si fa a rimanere fedeli al testo, dopo secoli di racconti su questo argomento? Sia un adolescente che lo leggesse che un accademico dovevano riconoscere con quanta cura avessi scelto le mie parole. "Eve" non è un'opera di saggistica appena velata di finzione, ma è la prima storia, una base dei testi e tradizioni. A mio parere è un errore pensare che si tratta di una ri-definizione della Genesi, la storia da un punto di vista femminile come se fossimo impegnati in esplorazioni. Invece è lo spettro dell'espressione di Dio nell'umanità che comprende l'intero flusso della natura materna e paterna di Dio. Detto questo, la maggior parte delle ipotesi esistenti che abbiamo della storia della Genesi è narrata dal punto di vista maschile dominante, piuttosto che olistica e umana: ciò credo abbia avuto un impatto devastante sulla nostra visione di Dio e le nostre relazioni l'uno con un altro. Questo romanzo non è destinato a aggiungersi alle divisioni esistenti, ma è contraddittorio nel cercare qualcosa di più profondo e più vero di come noi  interagiamo con le scritture. 

D. Se potessi rinascere in un personaggio, quale vorresti essere? 

W. P. Y. Lazzaro, che fu risuscitato dai morti. Che vita deve aver sperimentato. Era un amico di Gesù, in un mondo in transizione. Morì e giorni dopo fu risuscitato grazie al suo migliore amico, che è Dio nella carne, ma pienamente umano. E poi ha vissuto come un uomo che non avrebbe mai più temuto la morte.

D. Parliamo della tua vita privata. E' vero che i tuoi nipoti ti esortano a condurre una vita sana?

W. P. Y. Sì, io non sono abbastanza disciplinato, né ad esempio ho il desiderio di essere un vegetariano. Ora sto attento con i dolci ed ad evitare il glutine, quando possibile. Ho un quotidiano allenamento di sette minuti, con dodici esercizi che incrementano di trenta secondi, con dieci secondi  di riposo in mezzo. Faccio anche lunghe camminate.

D. E con la tecnologia, che rapporto hai?

W. P. Y. Sono aiutato da nove nipoti tutti sotto l'età di nove anni. Ho capito che abusando della tecnologia  si può giungere all'isolamento:  ma ha grandi benefici,  tra cui la possibilità di aiutare il cambiamento del mondo in meglio. Poi ho anche l'hobby dell'arrampicata all'interno delle passioni degli altri. Se ad esempio ad un amico piace pescare, sono felice di andare a pesca con lui. Se ama la pittura, mi impegno con quello. Ci sono molte cose verso cui nutro interesse e che non avrei mai fatto per conto mio. 

D. Qual è il tuo libro italiano preferito?

W. P. Y. Mi sono appassionato di alcune delle Encicliche papali, che possono o non possono essere considerate italiane. Per quanto riguarda le opere moderne, direi  Umberto Eco, "Il pendolo di Foucault". Mi piace, è una buona storia, e un romanzo è riflessivo e intelligente, creativo e coinvolgente.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
The Shack

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni