X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film La legge della notte

01/03/2017 07:30
Recensione del film La legge della notte

La legge della notte ("Live by night") è il film di Ben Affleck tratto dal romanzo di Dennis Lehane.

La legge della notte (“Live by night”) è il film noir diretto da Ben Affleck. Nel cast ci sono Elle Fanning, Brendan Gleeson, Chris Messina, Sienna Miller e lo stesso regista.

Nel 1920, Joe Coughlin (Affleck), veterano della prima guerra mondiale e figlio del Vice Sovrintendente della Polizia di Boston Thomas Coughlin (Gleeson), si innamora di Emma Gould (Miller), l'amante di gangster Albert White (Robert Glenister), il boss di una Banda di Boston.

Ben Affleck sa innovare i generi proponendo fuori tempo film che sembrano provenire da altre epoche: un film noir così denso in un periodo di cinecomic è un atto spavaldo. Così come fu preminente portare al cinema nel 2012 “Argo”, tratto da un articolo di giornale.

E i temi ricorrenti del genere ci sono tutti: nei primi sei minuti un uomo passeggia con la compagna ed è sgozzato da lei, un altro è gettato da un attico, uno è assassinato dal barbiere. E per l’aspetto sensuale, Joe Coughlin è a letto con la sua donna. Il binomio donne fatali e mafia viene rispettato.

Anche Joe subisce la vedetta della donna, l’amata Emma Gould: tanto che poi lei lo attira in una trappola tesa dall’avversario è viene quasi ucciso. Ma a questo conflitto ne segue un altro, perché giunge la polizia che lo arresta per gli omicidi di alcuni poliziotti.

Tanti avvenimenti necessari per rendere la trama farcita di colpi di scena però non riescono a trasmettere l’ambivalenza del protagonista, immerso tra ambizioni economiche e delusione di una vita privata felice. Lo vediamo infatti uscire dal carcere, ricominciare con il business del gioco d'azzardo e delle droghe in Tampa grazie alla connivenza con l’impero de Il Pescatore (un tetro Remo Girone); e come collisione nella vita privata conosce Graciela Corrales (Saldana), sorella di un uomo d’affari cubano e si sposa con lei.

Così il protagonista non raggiunge la potenza prodiga dei personaggi dei grandi gangster movie, cui Affleck mira. Troppo affastellata è la trama, con Joe che fa amicizia con uno sceriffo, la cui figlia vorrebbe diventare un’attrice e che invece si tramuta in prostituta eroinomane; emerge poi un personaggio membro della sezione locale dell'ordine massonico  del Ku Klux Klan, che inizia ad attaccare i club di Joe e uccidere i suoi uomini.

Ognuno di questi aneddoti basterebbe per un film isolato, invece qui non trovano una distesa necessaria in cui emergere. La visione che ne esce non è certo positiva, anche dal punto di vista della speranza che può essere infusa. La fiducia nella religione cui la prostituta si avvicina in verità si scopre essere menzognera, e Joe con i propri dubbi morali comincia ad avere timore di agire. Joe si rifiuta di investire negli stupefacenti e ne paga le conseguenze: così neanche per chi guarda il film c’è possibilità di equilibrio, ogni decisione che si compie nella vita sembra destinata ad esiti infausti, che colpiscono sia l’aspetto lavorativo che quello privato. Anche se poi si retrocede dalle proprie scelte è impossibile non pagare le conseguenze. Solo uno spiraglio positivo giace alla fine del proprio percorso, ma impercettibile rispetto a quanto sofferto. Come la fine di Joe, per cui l’ambiente è sempre malevolo, in cui non c’è possibilità di redenzione. Anche la fotografia lo ricorda, con le ombre spezzate di Robert Richardson, la scenografia solenne di Jess Gonchor e gli abiti nostalgici di Jacqueline West, con il perenne borsalino indossato da Joe. 

Occorre però ricordare da dove sia tratto il film. Si tratta del romanzo “Live by Night” del 2012, scritto dall’autore di Boston Dennis Lehane. Dai romanzi di Lehane sono stati tratti film come “Mystic River” (2003) di Clint Eastwood, “Shutter Island” (2010) di Martin Scorsese, “Chi è senza colpa” (2014) di Michaël R. Roskam. Nonché lo stesso “Gone Baby Gone" (2007) di Affleck.

Quindi sono trame dense che per essere trasposte al cinema, tanto che tutti i registi che si sono tifati con questi pessimismo hanno avuto esigenza di eliminare dei passaggi, come nel film di Eastwood o Scorsese. Ma Affleck ha guardato a grandi gangster movie tralasciando la possibilità della fiducia nel prossimo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Live by Night

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le Sens de la fête, il film commedia di successo in Francia

Le Sens de la fête è uno dei film che sta ottenendo maggiore successo in Francia. Diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache, ha nel cast Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve e Gilles Lellouche. Max è stato un ristoratore per trenta anni, organizzando centinaia di feste. Per l’evento che si svolge in un castello del XVII se...

 

L'uomo di neve, intervista a Silvia Busuioc: 'siamo stati fortunati ad essere diretti da Tomas Alfredson'

Abbiamo intervistato in esclusiva Silvia Busuioc, attrice di origine moldava impegnata in numerosi progetti cinematografici e televisivi. D: Sei nel cast del nuovo film di Tomas Alfredson "L'uomo di neve", come consideri questa esperienza?  R: È stato un grande onore lavorare accanto a due attori premio Oscar come ...

 

Recensione del film The Force, lo sguardo sui maltrattamenti della polizia apprezzato dalla critica

The Force è il film documentario di Peter Nicks, uscito in queste settimane negli Stati Uniti e apprezzato dalla critica. Ha vinto il premio come migliore opera al Sundance Film Festival. La Polizia di Oakland è famosa per la sua cattiva condotta e scandali, anche a causa delle tensioni razziali che favoriscono comportamenti desueti....

 

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin