X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film La legge della notte

01/03/2017 07:30
Recensione del film La legge della notte

La legge della notte ("Live by night") è il film di Ben Affleck tratto dal romanzo di Dennis Lehane.

La legge della notte (“Live by night”) è il film noir diretto da Ben Affleck. Nel cast ci sono Elle Fanning, Brendan Gleeson, Chris Messina, Sienna Miller e lo stesso regista.

Nel 1920, Joe Coughlin (Affleck), veterano della prima guerra mondiale e figlio del Vice Sovrintendente della Polizia di Boston Thomas Coughlin (Gleeson), si innamora di Emma Gould (Miller), l'amante di gangster Albert White (Robert Glenister), il boss di una Banda di Boston.

Ben Affleck sa innovare i generi proponendo fuori tempo film che sembrano provenire da altre epoche: un film noir così denso in un periodo di cinecomic è un atto spavaldo. Così come fu preminente portare al cinema nel 2012 “Argo”, tratto da un articolo di giornale.

E i temi ricorrenti del genere ci sono tutti: nei primi sei minuti un uomo passeggia con la compagna ed è sgozzato da lei, un altro è gettato da un attico, uno è assassinato dal barbiere. E per l’aspetto sensuale, Joe Coughlin è a letto con la sua donna. Il binomio donne fatali e mafia viene rispettato.

Anche Joe subisce la vedetta della donna, l’amata Emma Gould: tanto che poi lei lo attira in una trappola tesa dall’avversario è viene quasi ucciso. Ma a questo conflitto ne segue un altro, perché giunge la polizia che lo arresta per gli omicidi di alcuni poliziotti.

Tanti avvenimenti necessari per rendere la trama farcita di colpi di scena però non riescono a trasmettere l’ambivalenza del protagonista, immerso tra ambizioni economiche e delusione di una vita privata felice. Lo vediamo infatti uscire dal carcere, ricominciare con il business del gioco d'azzardo e delle droghe in Tampa grazie alla connivenza con l’impero de Il Pescatore (un tetro Remo Girone); e come collisione nella vita privata conosce Graciela Corrales (Saldana), sorella di un uomo d’affari cubano e si sposa con lei.

Così il protagonista non raggiunge la potenza prodiga dei personaggi dei grandi gangster movie, cui Affleck mira. Troppo affastellata è la trama, con Joe che fa amicizia con uno sceriffo, la cui figlia vorrebbe diventare un’attrice e che invece si tramuta in prostituta eroinomane; emerge poi un personaggio membro della sezione locale dell'ordine massonico  del Ku Klux Klan, che inizia ad attaccare i club di Joe e uccidere i suoi uomini.

Ognuno di questi aneddoti basterebbe per un film isolato, invece qui non trovano una distesa necessaria in cui emergere. La visione che ne esce non è certo positiva, anche dal punto di vista della speranza che può essere infusa. La fiducia nella religione cui la prostituta si avvicina in verità si scopre essere menzognera, e Joe con i propri dubbi morali comincia ad avere timore di agire. Joe si rifiuta di investire negli stupefacenti e ne paga le conseguenze: così neanche per chi guarda il film c’è possibilità di equilibrio, ogni decisione che si compie nella vita sembra destinata ad esiti infausti, che colpiscono sia l’aspetto lavorativo che quello privato. Anche se poi si retrocede dalle proprie scelte è impossibile non pagare le conseguenze. Solo uno spiraglio positivo giace alla fine del proprio percorso, ma impercettibile rispetto a quanto sofferto. Come la fine di Joe, per cui l’ambiente è sempre malevolo, in cui non c’è possibilità di redenzione. Anche la fotografia lo ricorda, con le ombre spezzate di Robert Richardson, la scenografia solenne di Jess Gonchor e gli abiti nostalgici di Jacqueline West, con il perenne borsalino indossato da Joe. 

Occorre però ricordare da dove sia tratto il film. Si tratta del romanzo “Live by Night” del 2012, scritto dall’autore di Boston Dennis Lehane. Dai romanzi di Lehane sono stati tratti film come “Mystic River” (2003) di Clint Eastwood, “Shutter Island” (2010) di Martin Scorsese, “Chi è senza colpa” (2014) di Michaël R. Roskam. Nonché lo stesso “Gone Baby Gone" (2007) di Affleck.

Quindi sono trame dense che per essere trasposte al cinema, tanto che tutti i registi che si sono tifati con questi pessimismo hanno avuto esigenza di eliminare dei passaggi, come nel film di Eastwood o Scorsese. Ma Affleck ha guardato a grandi gangster movie tralasciando la possibilità della fiducia nel prossimo.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Live by Night

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 

Un tirchio quasi perfetto, il film commedia sull'avarizia di Fred Cavayé

Un tirchio quasi perfetto è il film nelle sale diretto da Fred Cavayé, con Dany Boon, Laurence Arné e Noémie Schmidt. La storia è quella di François Gautier, che fa dell’avidità un’esigenza. Non spende mai più del necessario, ma quando incontra una donna la situazione muta. Inoltr...

 

La Bella e la Bestia, il libro da cui è tratto il film con Emma Watson

La Bella e la Bestia è il libro che - in concomitanza dell’uscita del film - ripropone alcuni aspetti della pellicola intepretata da Emma Watson (leggi l'intervista allo sceneggiatore del film Evan Spiliotopoulos). Il libro illustrato racconta la storia del film, usando uno stile di scrittura semplice e adatto anche alla lettura dei b...

 

Halloween, John Carpenter sarà produttore esecutivo e co-sceneggiatore del remake

Qualche settimana fa il leggendario regista del primo “Halloween”, John Carpenter, ha annunciato i componenti principali della squadra che si occuperà del reboot della saga da lui stesso fondata nel 1978. David Gordon Green sarà in cabina di regia, mentre Danny McBride (famoso per le due serie tv comedy fatte per HBO, &ldq...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni