X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La porta rossa, il fantasy negli schemi consuetudinari del racconto investigativo

24/02/2017 07:00
La porta rossa il fantasy negli schemi consuetudinari del racconto investigativo

Fantastico e poliziesco, la contemperazione dei due generi nella serie "La porta rossa" in onda su Rai 2 dal 22 febbraio 2017.

La serie televisiva "La porta rossa" ha debuttato su Rai 2 il 22 febbraio 2017. 

Ideata da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi, la fiction propone un racconto inusuale per la serialità italiana e alterna numerosi generi tra cui il fantasy, realizzato attraverso la condizione di fantasma nella quale agisce il protagonista principale interpretato da Lino Guanciale. 

Il tema dell'irreale è proposto accanto alla forma narrativa maggiormente diffusa nel palinsesto televisivo nazionale, ovvero quella del racconto investigativo, presente nella sua forma più classica che prevede il protagonismo di diversi personaggi appartenenti alle forze dell'ordine e un delitto indagato.

L'indagine nelle serie tv: un processo in continua evoluzione

La prima puntata de "La porta rossa" si apre con una scena notturna dove la scarsa illuminazione contrasta con le numerose luci blu delle auto della polizia. Gli agenti si avvicinano a due corpi riversi a terra, uno appartiene al commissario Leonardo Cagliostro, il quale è presente sul luogo ma inspiegabilmente indifferente agli altri personaggi. Per rendere la sequenza comprensibile al pubblico, la narrazione compie un salto temporale all'indietro di dodici ore e procede nel presentare la condizione dei vari protagonisti.

La digressione si sofferma sulla natura del rapporto tra Cagliostro e sua moglie Anna (Gabriella Pession). I due stanno attraversando un momento di separazione ma i loro sguardi sottintendono un'esigenza di chiarimenti e un legame sentimentale ancora vivo. Nella storia ha un ruolo di centralità anche il personaggio di Vanessa (Valentina Romani), giovane ragazza nel pieno dell'adolescenza che scopre improvvisamente di possedere una capacità soprannaturale. 

La porta rossa, incontro con il cast

Cagliostro è intenzionato ad arrestare un narcotrafficante soprannominato "il messicano" ma il magistrato Antonio Piras (Ettore Bassi) non gli concede l'autorizzazione per questa operazione. Il commissario mostra la sua determinazione e procede ugualmente al suo intento, affronta da solo il criminale con cui ingaggia un intenso conflitto a fuoco e finalmente riesce a neutralizzarlo.

In procinto di ammanettare "il messicano", Cagliostro è sorpreso alle spalle da un misterioso uomo che spara e ferisce mortalmente sia il commissario che il narcotrafficante. È in questo frangente che la fiction rivela il suo lato fantasy, ossia con la comparsa sulla scena di una porta rossa che vuole rappresentare il passaggio a una dimensione ultraterrena.

Cagliostro afferra la maniglia ma è sconvolto da una visione futura: sua moglie Anna si troverà di fronte al suo stesso assassino, pertanto rimane in una condizione fantasmatica. Come avviene nel celebre film "Ghost" (1990) diretto da Jerry Zucker e interpretato da Patrick Swayze e Demi Moore, è l'amore per la donna che induce il protagonista principale a restare nella dimensione terrena per compiere un'ultima azione. 

Ne "La porta rossa" il genere fantasy si esprime senza effetti speciali, Cagliostro agisce sulla scena accanto agli altri personaggi ma nessuno lo può vedere o sentire. Il protagonista principale della serie televisiva è dunque travolto da una sensazione di impotenza e sconforto espressa dalla sua riflessione: "Di fronte alla morte ognuno è solo, chi muore ma anche chi resta. C'è chi si chiude in se stesso e si sforza di pensare ad altro, chi prova a sfinirsi sperando che la stanchezza possa cancellare il dolore, chi per fortuna ha qualcuno da amare e che gli sta vicino nei momenti peggiori, ma a volte non basta, così si finisce per accettare la propria solitudine".

Nel finale di puntata Vanessa sta tornando a casa in scooter, Cagliostro è in mezzo alla strada convinto di essere invisibile anche ai suoi occhi. Quest'ultima cade in terra proprio davanti al fantasma del commissario e lo fissa intensamente confermando che solo lei può effettivamente vedere la sua immagine. L'evento ravviva nel protagonista la speranza di realizzare concretamente il suo ultimo intento, salvare Anna, e dall'inaspettato incontro con la ragazza trae una positiva conclusione: "quello che prima ci sembrava impossibile, adesso non lo è più".

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Personaggi correlati
Gabriella Pession, Lino Guanciale

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Il sistema, intervista all'attore Antonio Gerardi: 'sembrava di stare su un set hollywoodiano'

Prosegue con successo la serie televisiva intitolata “Il sistema”. Gli eventi conclusivi della seconda puntata, andata in onda su Rai 1 il 25 aprile 2016, hanno suscitato forti aspettative nei telespettatori riguardo il prosieguo della narrazione. Mauxa ha intervistato Antonio Gerardi, interprete del personaggio di Romolo Fabrizi, sopr...

 

Non dirlo al mio capo, intervista all'attore Lino Guanciale: 'credo ci si possa riconoscere molto facilmente nelle situazioni proposte'

La serie televisiva intitolata “Non dirlo al mio capo” debutta su Rai 1 il 28 aprile 2016. Mauxa ha intervistato Lino Guanciale, interprete del personaggio di Enrico Vinci. “È stata un'esperienza professionalmente molto importante, mi veniva richiesto di interpretare un personaggio molto particolare, un mix di misantropia ...

 

Il sistema, intervista a Gabriella Pession: 'il mio personaggio è tormentato lungo tutta la serie'

La serie televisiva intitolata "Il sistema" ha debuttato su Rai 1 il 18 aprile 2016 registrando oltre 4 milioni di telespettatori e risultando il programma più visto in prima serata. Mauxa ha intervistato Gabriella Pession, protagonista femminile della fiction nel ruolo di Daria Fabbri: "Per me è stato un set estremamente facilitato ...

 

Il sistema, 'il valore dell'onestà riportato in prima serata su Rai 1': intervista all'attrice Valeria Bilello

La prima puntata della serie televisiva in 6 puntate intitolata “Il sistema” va in onda su Rai 1 il 18 aprile 2016. La trama della fiction diretta da Carmine Elia ruota intorno al personaggio di Alessandro Luce (Claudio Gioè), maggiore della Guardia di Finanza impegnato nel contrastare un consolidato sistema criminoso che opera ...

 

Il sistema: la nuova intrigante serie tv con Claudio Gioè e Gabriella Pession

La nuova serie televisiva in 6 puntate intitolata “Il sistema” debutta su Rai 1 il 18 aprile 2016. Prodotta da Fulvio e Paola Lucisano e diretta da Carmine Elia, narra le vicende di Alessandro Luce, maggiore della Guardia di Finanza intenzionato a porre fine al sistema criminoso che agisce all'ombra di Roma. Il protagonista princi...

 

Il Sistema: un intreccio di criminalità e politica per raccontare la corruzione nella Capitale

Il Sistema Rai 1 L'intreccio tra criminalità, politica e terrorismo; le manovre della Mafia per riuscire a impossessarsi di fette sempre più larghe dell'economia della Capitale: sembra un racconto di cronaca, e invece è il punto di partenza della nuova fiction Il Sistema, prodotta da Rai 1 e diretta da Carmine Elia, con Claudio...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni