X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Barriere

22/02/2017 07:30
Recensione del film Barriere

Barriere ("Fences") è il film diretto ed interpretato da Denzel Washington e Viola Davis: è candidato all'Oscar come migliore pellicola.

Barriere (“Fences”) è il film di Denzel Washington interpretato da lui stesso e Viola Davis, Stephen Henderson, Jovan Adepo, Russell Hornsby.

Nel 1950 a Pittsburgh il netturbino di colore Troy Maxson (Washington) vive con la moglie Rose (Davis) e il figlio Cory (Adepo). Con lui lavora l’amico Jim Bono (Stephen Henderson).

La provenienza teatrale di “Barriere” è evidente dalle prime scene, con dialoghi continui in unità di luogo: la sceneggiatura è basata sull’omonima pièce di August Wilson del 1983, vincitrice del premio Pulitzer e il film è candidato all’Oscar. “Tu compra dove vuoi. Io comprerò dove la gente è generosa con me”, dice Troy alla moglie Rose nel retro della casa, in una conversazione in cui sorseggia whisky. “Sono contento che Cory abbia trovato un lavoro, così si paga l’uniforme del college”, dice riferendosi al figlio, già facendo intravedere della ambizioni su di lui che certamente non collimeranno. “L’uomo bianco non gli darà alcuna possibilità con il football”, insiste, tratteggiando le linee di quest’affresco generazionale.

Troy infatti da giovane non fu ammesso nella squadra di baseball locale, per un motivo inerente una polmonite anche se lui ritiene che fosse dipeso dal colore della pelle.

A questo problema sociale se ne aggiunge uno personale: il figlio trentaquattrenne avuto da una precedente relazione, Lyons Maxson (Hornsby) va dal padre per chiedere un prestito, Troy lo invita a lavorare come netturbino ma il figlio vuole diventare un musicista. “Sei troppo bravo per fare il netturbino?”, ironizza Troy.

I dilemmi emergono fino all’entrata in scena di Cory, che di nascosto si allena a football ed è connivente con la madre. L’interpretazione di Viola Davis è screziata, tra sottomissione ai voleri del marito e dubbio sulla giustezza delle proprie idee di emancipazione, esprimendo con sguardi lucidi il propri desideri ormai avvizziti. Quella di Denzel Washington al contrario è solare, come se solo lui ambisse ad un rigore personale che - in definitiva - non approva. E il film da narrativo diventa recitativo, con dilemmi espressi a voce, forza delle inflessioni lessicali, abbassamenti di tono che fanno intendere un modo di ragionare ma anche il sentore di una generazione.

Il tema del film emerge così dal lavoro degli attori, con Troy che parlando cerca di far trionfare le proprie idee nonostante nutra dubbi sulla loro liceità. È giusto imporre scelte ai propri figli? Sopratutto si nasconde il timore che i consigli che si danno a loro non siano disinteressati, ma celino le proprie frustrazioni. È difficile comprendere se impedendo a loro di effettuare delle scelte, si pulisca un proprio fallimento. Troy impedisce così al figlio di giocare a football perché da giovane lui fallì in quella impresa, e ora invidia il figlio.

Da qui le confessioni: “Se rubo soldi, mi compro sia cibo che scarpe”, racconta Troy ai suoi amici riferendosi al proprio passato, al furto a causa del quale finì in prigione. Lo racconta sempre nel retro della sua casa, che diventa il luogo simbolo di amplificazione dei propri desideri. Confessione dei piccoli mutamenti che migliorano l’uomo: Troy infatti ha ottenuto una promozione, da netturbino ora condurrà il camion.

Il retro della casa è luogo teatrale perché è uno dei rari del film, ma anche emblema di come con una storia solida e un’interpretazione rifinita si possa amplificare un dubbio personale a dramma universale.

“Pensi che io non abbia voluto qualcuno con cui ridere, che mi facesse sentire bene”, piange Rose contro Troy dopo la confessione di lui che getta scompiglio e che porterà il film verso un finale inatteso. “Non sei il solo ad avere desideri e bisogni (…) ma li ho seppelliti dentro di me”, urla Rose. La rivelazione di Troy vanifica tutta la rigidità del suo carattere, e i principi che obbligava a seguire, rendendo il film anche uno scorcio sull’ironia del destino.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Barriere

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni