X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Barriere

22/02/2017 07:30
Recensione del film Barriere

Barriere ("Fences") è il film diretto ed interpretato da Denzel Washington e Viola Davis: è candidato all'Oscar come migliore pellicola.

Barriere (“Fences”) è il film di Denzel Washington interpretato da lui stesso e Viola Davis, Stephen Henderson, Jovan Adepo, Russell Hornsby.

Nel 1950 a Pittsburgh il netturbino di colore Troy Maxson (Washington) vive con la moglie Rose (Davis) e il figlio Cory (Adepo). Con lui lavora l’amico Jim Bono (Stephen Henderson).

La provenienza teatrale di “Barriere” è evidente dalle prime scene, con dialoghi continui in unità di luogo: la sceneggiatura è basata sull’omonima pièce di August Wilson del 1983, vincitrice del premio Pulitzer e il film è candidato all’Oscar. “Tu compra dove vuoi. Io comprerò dove la gente è generosa con me”, dice Troy alla moglie Rose nel retro della casa, in una conversazione in cui sorseggia whisky. “Sono contento che Cory abbia trovato un lavoro, così si paga l’uniforme del college”, dice riferendosi al figlio, già facendo intravedere della ambizioni su di lui che certamente non collimeranno. “L’uomo bianco non gli darà alcuna possibilità con il football”, insiste, tratteggiando le linee di quest’affresco generazionale.

Troy infatti da giovane non fu ammesso nella squadra di baseball locale, per un motivo inerente una polmonite anche se lui ritiene che fosse dipeso dal colore della pelle.

A questo problema sociale se ne aggiunge uno personale: il figlio trentaquattrenne avuto da una precedente relazione, Lyons Maxson (Hornsby) va dal padre per chiedere un prestito, Troy lo invita a lavorare come netturbino ma il figlio vuole diventare un musicista. “Sei troppo bravo per fare il netturbino?”, ironizza Troy.

I dilemmi emergono fino all’entrata in scena di Cory, che di nascosto si allena a football ed è connivente con la madre. L’interpretazione di Viola Davis è screziata, tra sottomissione ai voleri del marito e dubbio sulla giustezza delle proprie idee di emancipazione, esprimendo con sguardi lucidi il propri desideri ormai avvizziti. Quella di Denzel Washington al contrario è solare, come se solo lui ambisse ad un rigore personale che - in definitiva - non approva. E il film da narrativo diventa recitativo, con dilemmi espressi a voce, forza delle inflessioni lessicali, abbassamenti di tono che fanno intendere un modo di ragionare ma anche il sentore di una generazione.

Il tema del film emerge così dal lavoro degli attori, con Troy che parlando cerca di far trionfare le proprie idee nonostante nutra dubbi sulla loro liceità. È giusto imporre scelte ai propri figli? Sopratutto si nasconde il timore che i consigli che si danno a loro non siano disinteressati, ma celino le proprie frustrazioni. È difficile comprendere se impedendo a loro di effettuare delle scelte, si pulisca un proprio fallimento. Troy impedisce così al figlio di giocare a football perché da giovane lui fallì in quella impresa, e ora invidia il figlio.

Da qui le confessioni: “Se rubo soldi, mi compro sia cibo che scarpe”, racconta Troy ai suoi amici riferendosi al proprio passato, al furto a causa del quale finì in prigione. Lo racconta sempre nel retro della sua casa, che diventa il luogo simbolo di amplificazione dei propri desideri. Confessione dei piccoli mutamenti che migliorano l’uomo: Troy infatti ha ottenuto una promozione, da netturbino ora condurrà il camion.

Il retro della casa è luogo teatrale perché è uno dei rari del film, ma anche emblema di come con una storia solida e un’interpretazione rifinita si possa amplificare un dubbio personale a dramma universale.

“Pensi che io non abbia voluto qualcuno con cui ridere, che mi facesse sentire bene”, piange Rose contro Troy dopo la confessione di lui che getta scompiglio e che porterà il film verso un finale inatteso. “Non sei il solo ad avere desideri e bisogni (…) ma li ho seppelliti dentro di me”, urla Rose. La rivelazione di Troy vanifica tutta la rigidità del suo carattere, e i principi che obbligava a seguire, rendendo il film anche uno scorcio sull’ironia del destino.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Barriere

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 

The Divergent Series: Ascendant, la saga si chiuderà con un film per la TV

Con un annuncio senza precedenti, l’anno scorso la Lionsgate ha rivelato che il quarto capitolo della saga “Divergent”, inizialmente intitolato “The Divergent Series: Ascendant” sarebbe diventato un film per la TV, “Ascendant”, magari da concepirsi come episodio pilota di un’ipotetica serie spin-off. ...

 

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 

Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse: il film commedia sul 'padre chioccia' con Omar Sy

Famiglia all’improvviso - Istruzioni non incluse è il film nelle sale diretto da Hugo Gélin con Omar Sy, Clémence Poésy, Antoine Bertrand, Gloria Colston. La storia è quella di Samuel che vive nel Sud della Francia: non ha troppe preoccupazioni giornaliere, finché una ex ragazza si presenta dice...

 

Cars 3, gli autori presentano il corto 'A Tale of Momentum and Inertia'

Eyal Podell e Jonathon E. Stewart, che hanno scritto il prossimo film “Cars 3” hanno realizzato un cortometraggio per Fox Animation Studios dal titolo “A Tale of Momentum and Inertia”. Il progetto è stato presento a diversi Festival: la storia racconta di un uomo roccia che cerca di trattenere un masso che sta per di...

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte apri...

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan. Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni