X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Manchester by the Sea

16/02/2017 07:30
Recensione del film Manchester by the Sea

"Manchester by the Sea" è il film di Kenneth Lonergan con Casey Affleck candidato all'Oscar.

Manchester by the Sea è il film di Kenneth Lonergan con Casey Affleck, Michelle Williams, Kyle Chandler e Lucas Hedges.

Già dall’inizio il film patisce una lentezza nell’indugiare in dettagli, come la scena iniziale in cui Lee Chandler (Affleck) è in un bar, seduto dietro i bancone, mentre scruta due avventori che poi prende a pugni.

La sua presunta tranquillità caratteriale vacilla, dopo aver aggiustato le tubature del bagno, spalato la neve, o essere remissivo con la madre alcolista Elise. La stessa trasparenza appare quando apprende che il fratello è morto di attacco cardiaco, che deve andare a Manchester by the Sea per il funerale. Con remissività abbraccia il cadavere del fratello nell’obitorio, pensando che un funerale risolverà tutto. Ma in realtà Lee è stato nominato dal fratello tutore legale del figlio Patrick, e non sa come affrontare la decisione.

La paura di un impegno da un assumere è uno dei temi del film, non solo collegata con la capacità di crescere un bambino, bensì con il timore che gli errori passati possano essere compiuti di nuovo. Infatti Lee alcuni anni prima, in quel luogo era sposato con Randi (Williams): una sera era ubriaco e in maniera involontaria causò un incendio in cui morirono i suoi tre figli. Fu scagionato da ogni accusa, ma la moglie Randi lo condanna per quel gesto tanto quanto lui si danna. Certamente è questo uno degli aspetti meno credibili del film, quasi inserito a forza per dare un psicologia modificata di Lee, e che si rinviene nei suoi comportamenti attuali.

Più normale è il fatto che il giovane Patrick sia fidanzato con una giovane Sandy, e che Lee con atteggiamento neo-paterno cominci ad interessarsi del fatto. È giusto che i due ragazzi abbiano rapporti sessuali? È questa una delle discussioni con la madre sedi Sandy.

Un aspetto che emerge nei film candidati agli Oscar 2017 è proprio questo riferirsi a luoghi che conducono a problematiche sia personali che fisiche: qui siamo a Manchester-by-the-Sea, una città reale di Essex County con cinquemila abitanti; in “La La Land” siamo in un’altra città, Los Angeles che comporta problemi professionali e sentimentali; in “Moonlight” siamo Miami, dove una comunità non favorisce la crescita del giovane di colore Chiron. Nel periodo attuale sono i luoghi a plasmare le persone, più degli ideali.

Anche in “Manchester by the Sea” è difficile scollarsi il luogo da cui Lee proviene: neanche il regista Kenneth Lonergan ci riesce, pur facendo ricorso ai flashback, oppure alle musiche dell’Adagio di Albinoni. Queste sottolineano il momento in cui si mostra il passato di Lee, che mentre era ubriaco causò l’incendio, facendo morire i tre figli.

Lonergan opta per scelte narrativa eccessive, il che rende il film in alcuni momenti desideroso di trovare scene ad effetto. Ad esempio la reazione a questa morte che in Lee dovrebbe portare ad uno scompenso - sono venuti a mancare tre figli - è affondata in gesti plateali, come imbracciare una pistola al commissariato e cercare di spararsi. Oppure lo stesso grado di sensazionalismo del funerale del fratello, con ricorso al ralenti per indugiare sulla commozione dei personaggi. Resta poi la sofferenza di Randi, che nonostante l'odio per il marito gli dice: “Ti amo”.

Al di là di questi facili escamotage che potevano essere evitati, “Manchester by the Sea” infonde una limpida amarezza, raccontando le proprie incapacità e l’impossibilità di reagire.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Manchester by the Sea

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Marilyn Monroe, la casa di West Los Angeles in vendita per 6,9 milioni di dollari

La casa di Marilyn Monroe di Brentwood è tornata in vendita, per la cifra di 6,9 milioni di dollari. L’attrice la acquistò per una somma di 90.000 dollari all'inizio del 1962, in una zona appartata di West Los Angeles. L’abitazione è grande 243 metri quadrati, con una residenza principale e una dependance per gli ...

 

Recensione del film L'amore criminale

L’amore criminale (“Unforgettable”) è il film di Denise Di Novi con Rosario Dawson, Katherine Heigl e Geoff Stults. Nella scena in cui Tessa Connover (Katherine Heigl) cerca di far restare la figlia Lily su un pericolo cavallo, e la nuova compagna del marito Julia Banks (Rosario Dawson) la dissuade si mostra già la ...

 

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 

Recensione del film La tenerezza

La tenerezza è il film di Gianni Amelio nelle sale. Nel cast ci sono Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi (leggi l'articolo sull'incontro con il cast) Il film esplora come l’incosciente che è fuori di noi possa segnarci. Così il protagonista Lorenzo (un compatto Renato...

 

L'inganno, immagini dell'infrazione dei tabù nel video del film con Nicole Kidman

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “L’inganno”, diretto da Sofia Coppola. Nel trailer si mostra Martha Farnsworth (Nicole Kidman) che gestisce un collegio: arriva John McBurney (Colin Farrell) un soldato trovato nei paraggi, e le giovani cominciano a provare attrazione per lui. Da Edwina Dabney (Kirsten Dunst) a ...

 

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni