X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Moonlight

15/02/2017 07:30
Recensione del film Moonlight

"Moonlight" è il film di Barry Jenkins tratto da una pièce teatrale. Il film è candidato all'Oscar.

Moonlight è un film di Barry Jenkins, con Trevante Rhodes, Janelle Monáe, Naomie Harris e André Holland.

La produzione di Dede Gardner e Jeremy Kleiner per la Plan B Entertainment di proprietà di Brad Pitt non sbaglia argomenti: già si era confrontata con “12 anni schiavo” (2013) , “Selma” (2014) e “True Story” (2015). Segno di una ricerca continua sui testi: per “Moonlight” si è optato per un regista che ha studiato drammaturgia presso la Florida State University, e la vicenda del film è stata tratta dalla pièce “Moonlight Black Boys Look Blue” di Tarell Alvin McCraney.

I tempi del film sono dilatati, come nella scena del pranzo del giovane ragazzo di colore Chiron presso la nuova famiglia di Juan e Teresa. Chiron parla poco, vive a Miami, è timido e vittima spesso del bullismo. “Sotto la luce lunare, i ragazzini neri sembrano blu”, dice Juan ipotizzando una difficoltà di fuga anche mentale. Così il regista Barry Jenkins sceglie di filmare le vicissitudini in maniera quasi documentaria, però con colori sovra-esposti, sanando la possibilità che Chiron si riserva di evadere. È uno stile raro per un film prodotto ad Hollywood da una delle società più attente al business, avendo lavorato anche a “World War Z”.

La madre di Chiron fuma crack, non bada a lui.“Dammi i soldi, dammi quei maledetti soldi”, urla a metà film contro Chiron riferendosi alla mancia che la famiglia in cui lui cresce fornisce. Chiron spinge la borsa e poi cede. “Mamma, dai. D'accordo, d’accordo”. È questo l’aspetto più intenso del film, rappresentare un mondo in cui da piccoli si è vittima di un’assenza familiare, si cresce da soli: da adolescenti occorre accudire i genitori. I figli sono più consapevoli di coloro che li hanno fatti nascere e poi abbandonati, la sofferenza patita non può essere espressa. Chiron non si ribella alla madre, ma è rispettoso verso di lei anche se non l’ha cresciuto: la clemenza è l’unico elemento caratteriale che può salvarci, nonostante gli abusi. Chiron infatti poteva essere irruente, come ad esempio è Steve del film “Mommy” (2013) di Xavier Dolan. Ma tace. 

Barry Jenkins opta anche per un aspetto sociale non sottovalutabile. Lui è di colore, e tutti i personaggi del suo film sono uguali: non c’è alcun caucasico che sfrutti le persone di un'altra razza. Invece solitamente è la differenza sociale ad essere raccontata in film in cui si presentano due etnie. Basti pensare a The Help”, oppure il medesimo “12 anni schiavo”, in cui i bianchi sono cattivi e i neri vittime. In “Moonlight” il sistema è intarmolito nello stesso colore, affermando anche che è dentro le piccole realtà che le sfide da affrontare si consumano, non c’è bisogno di uscire troppo dal proprio quartiere.

Purtroppo l’impossibilità di esprimersi di Chiron trova uno sfogo: in classe lui estenuato picchia un aggressore e finisce in riformatorio. Gli anni trascorrono, lui si pente e con l’atteggiamento che gli è consono incontra di nuovo la madre Paula, piangendo. Incontra di nuovo il suo amico Kevin, con cui scoprì la sessualità: anche il gesto compiuto con lui da adolescente rende sfaccettato Chiron. 

Per raccontare il film occorre anche conoscere l’antefatto: il drammaturgo Tarell Alvin McCraney scrisse la commedia semi-autobiografica “Moonlight Black Boys Look Blue” quando aveva solo 23 anni, ispirandosi alla madre morta per AIDS. Dopo anni fu rappresentata dalla collettiva Borscht di Miami, la produttrice Adele Romanski esortò il regista Jenkins a realizzare un secondo film - dopo “Medicine for Melancholy” - a basso budget. Alla fine molte esperienze personali sono state travasate nella sceneggiatura.

La forza del film è anche il suo difetto, ovvero il racconto della vita senza grandi sommovimenti narrativi confina con il diario personale, che anche in un documentario può essere proposto.

Ma il tema della difficoltà della crescita forse ha bisogno di bassi budget: lo stesso argomento è tratto anche in un altro film candidato all’Oscar, come “Manchester by the sea”. Quasi a confermare che l’accettazione della realtà è onorabile come la ribellione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Moonlight
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1