X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Moonlight

15/02/2017 07:30
Recensione del film Moonlight

"Moonlight" è il film di Barry Jenkins tratto da una pièce teatrale. Il film è candidato all'Oscar.

Moonlight è un film di Barry Jenkins, con Trevante Rhodes, Janelle Monáe, Naomie Harris e André Holland.

La produzione di Dede Gardner e Jeremy Kleiner per la Plan B Entertainment di proprietà di Brad Pitt non sbaglia argomenti: già si era confrontata con “12 anni schiavo” (2013) , “Selma” (2014) e “True Story” (2015). Segno di una ricerca continua sui testi: per “Moonlight” si è optato per un regista che ha studiato drammaturgia presso la Florida State University, e la vicenda del film è stata tratta dalla pièce “Moonlight Black Boys Look Blue” di Tarell Alvin McCraney.

I tempi del film sono dilatati, come nella scena del pranzo del giovane ragazzo di colore Chiron presso la nuova famiglia di Juan e Teresa. Chiron parla poco, vive a Miami, è timido e vittima spesso del bullismo. “Sotto la luce lunare, i ragazzini neri sembrano blu”, dice Juan ipotizzando una difficoltà di fuga anche mentale. Così il regista Barry Jenkins sceglie di filmare le vicissitudini in maniera quasi documentaria, però con colori sovra-esposti, sanando la possibilità che Chiron si riserva di evadere. È uno stile raro per un film prodotto ad Hollywood da una delle società più attente al business, avendo lavorato anche a “World War Z”.

La madre di Chiron fuma crack, non bada a lui.“Dammi i soldi, dammi quei maledetti soldi”, urla a metà film contro Chiron riferendosi alla mancia che la famiglia in cui lui cresce fornisce. Chiron spinge la borsa e poi cede. “Mamma, dai. D'accordo, d’accordo”. È questo l’aspetto più intenso del film, rappresentare un mondo in cui da piccoli si è vittima di un’assenza familiare, si cresce da soli: da adolescenti occorre accudire i genitori. I figli sono più consapevoli di coloro che li hanno fatti nascere e poi abbandonati, la sofferenza patita non può essere espressa. Chiron non si ribella alla madre, ma è rispettoso verso di lei anche se non l’ha cresciuto: la clemenza è l’unico elemento caratteriale che può salvarci, nonostante gli abusi. Chiron infatti poteva essere irruente, come ad esempio è Steve del film “Mommy” (2013) di Xavier Dolan. Ma tace. 

Barry Jenkins opta anche per un aspetto sociale non sottovalutabile. Lui è di colore, e tutti i personaggi del suo film sono uguali: non c’è alcun caucasico che sfrutti le persone di un'altra razza. Invece solitamente è la differenza sociale ad essere raccontata in film in cui si presentano due etnie. Basti pensare a The Help”, oppure il medesimo “12 anni schiavo”, in cui i bianchi sono cattivi e i neri vittime. In “Moonlight” il sistema è intarmolito nello stesso colore, affermando anche che è dentro le piccole realtà che le sfide da affrontare si consumano, non c’è bisogno di uscire troppo dal proprio quartiere.

Purtroppo l’impossibilità di esprimersi di Chiron trova uno sfogo: in classe lui estenuato picchia un aggressore e finisce in riformatorio. Gli anni trascorrono, lui si pente e con l’atteggiamento che gli è consono incontra di nuovo la madre Paula, piangendo. Incontra di nuovo il suo amico Kevin, con cui scoprì la sessualità: anche il gesto compiuto con lui da adolescente rende sfaccettato Chiron. 

Per raccontare il film occorre anche conoscere l’antefatto: il drammaturgo Tarell Alvin McCraney scrisse la commedia semi-autobiografica “Moonlight Black Boys Look Blue” quando aveva solo 23 anni, ispirandosi alla madre morta per AIDS. Dopo anni fu rappresentata dalla collettiva Borscht di Miami, la produttrice Adele Romanski esortò il regista Jenkins a realizzare un secondo film - dopo “Medicine for Melancholy” - a basso budget. Alla fine molte esperienze personali sono state travasate nella sceneggiatura.

La forza del film è anche il suo difetto, ovvero il racconto della vita senza grandi sommovimenti narrativi confina con il diario personale, che anche in un documentario può essere proposto.

Ma il tema della difficoltà della crescita forse ha bisogno di bassi budget: lo stesso argomento è tratto anche in un altro film candidato all’Oscar, come “Manchester by the sea”. Quasi a confermare che l’accettazione della realtà è onorabile come la ribellione.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Moonlight

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Marilyn Monroe, la casa di West Los Angeles in vendita per 6,9 milioni di dollari

La casa di Marilyn Monroe di Brentwood è tornata in vendita, per la cifra di 6,9 milioni di dollari. L’attrice la acquistò per una somma di 90.000 dollari all'inizio del 1962, in una zona appartata di West Los Angeles. L’abitazione è grande 243 metri quadrati, con una residenza principale e una dependance per gli ...

 

Recensione del film L'amore criminale

L’amore criminale (“Unforgettable”) è il film di Denise Di Novi con Rosario Dawson, Katherine Heigl e Geoff Stults. Nella scena in cui Tessa Connover (Katherine Heigl) cerca di far restare la figlia Lily su un pericolo cavallo, e la nuova compagna del marito Julia Banks (Rosario Dawson) la dissuade si mostra già la ...

 

Elton John: il produttore di 'Gnomeo & Juliet: Sherlock Gnomes' è in via di guarigione

Elton John, il cantate e produttore inglese ha rischiato la vita per aver contratto un’infezione batterica in Sud America. “Durante un recente tour di successo del Sud America, Elton ha contratto un'infezione batterica dannosa e insolita”, ha affermato un portavoce dell’artista in un comunicato diramato lunedì 24 apr...

 

Film più visti della settimana: 'Fast & Furious 8' e 'Baby Boss' mantengono immutata la classifica

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 aprile 2017 conferma al primo posto il film “Fast & Furious 8” (“The Fate of the Furious”, 163.304.635 dollari): Dom Toretto a causa di una seducente Cipher tradisce la famiglia e gli amici tentano di redimerlo (leggi la recensione). Al secondo posto...

 

Recensione del film La tenerezza

La tenerezza è il film di Gianni Amelio nelle sale. Nel cast ci sono Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi (leggi l'articolo sull'incontro con il cast) Il film esplora come l’incosciente che è fuori di noi possa segnarci. Così il protagonista Lorenzo (un compatto Renato...

 

L'inganno, immagini dell'infrazione dei tabù nel video del film con Nicole Kidman

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “L’inganno”, diretto da Sofia Coppola. Nel trailer si mostra Martha Farnsworth (Nicole Kidman) che gestisce un collegio: arriva John McBurney (Colin Farrell) un soldato trovato nei paraggi, e le giovani cominciano a provare attrazione per lui. Da Edwina Dabney (Kirsten Dunst) a ...

 

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni