X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

'Studio Uno era una fucina di talento e di creatività': intervista a Andrea Bosca

14/02/2017 07:00
'Studio Uno era una fucina di talento di creatività' intervista Andrea Bosca

La seconda puntata della miniserie televisiva "C'era una volta Studio Uno" va in onda su Rai 1 il 14 febbraio 2017. Mauxa ha intervistato Andrea Bosca, interprete del personaggio di Stefano.

Abbiamo intervistato l'attore Andrea Bosca, nel cast della miniserie televisiva "C'era una volta Studio Uno". La seconda e ultima puntata della fiction diretta da Riccardo Donna va in onda su Rai 1 il 14 febbraio 2017. 

D: Ti sarebbe piaciuto partecipare realmente a Studio Uno?

R: Studio Uno era una fucina di talento e di creatività. Fu anche duramente osteggiato perché usciva dagli schemi di allora. Mi sarebbe piaciuto sia recitare che danzare magari proprio con Mina. Si vede bene quante prove si facevano, quanta cura. Ci siamo ispirati a questo senso di febbrilità.

D: Nella miniserie interpreti Stefano, il direttore del corpo di ballo. Cosa pensi della danza? Credi che abbia ancora un ruolo fondamentale nel varietà contemporaneo?

R: Stefano mi ha regalato una full immersion nella danza, che avevo solo sfiorato negli anni di studi teatrali e che è un meraviglioso mezzo per esprimere l’animo umano. Nel Varietà è sempre stata centrale e credo che lo sia ancora. Il livello e la preparazione devono sempre essere altissimi e trovo motivante vedere gli sforzi a cui i danzatori si sottopongono ogni giorno. C’è qualcosa di molto molto incoraggiante in questo. E poi i grandi artisti della danza hanno già mostrato che non c’è limite di età per il vero danzatore. Pina Bausch insegna. L’arte di esprimersi con la danza è incontenibile, come la recitazione.

D: Il tuo personaggio costruisce un rapporto di complicità con la ballerina Elena, interpretata da Giusy Buscemi. Come si sviluppa la vostra storia?

R: Stefano è un uomo appassionato che vuole il meglio dagli altri perché è sempre stato severo innanzitutto con se stesso. Intuisce le potenzialità di Elena, ma non sopporta vederla sprecare il tempo e il talento. Stefano sa che se Elena cominciasse a credere in se stessa, avrebbe la forza di diventare qualcuno. Ma deve proteggere anche il lavoro degli altri danzatori. Lo rispetto, per questo. Elena ha un cuore e Stefano lo sente. Sono due persone che indossano un’armatura ma sotto sotto sono simili. Sono attratti ma il ruolo che ricoprono li divide. Come andrà a finire? Scopritelo il 13 e 14 febbraio su Rai 1.

D: Nel 2016 hai partecipato a "I Medici", sempre su Rai 1. Negli USA la serie televisiva è disponibile su Netflix. Cosa ne pensi delle piattaforme streaming?

R: Mi piacciono molto le serie prodotte da Netflix, mi sembrano di una qualità altissima e le storie che raccontano sono fresche. Speriamo di collaborare in futuro. Sono grato per essere parte del progetto internazionale “Medici”, un grandissimo successo qui in Italia che sta facendo bene anche all’estero. Mi trovo a mio agio con l’inglese
ma credo che se le nostre produzioni avranno il coraggio di investire in storie nuove, nel mondo i prodotti italiani prenderanno sempre più piede.

D: Prossimamente sarai anche in "Romanzo Famigliare", di che si tratta?

R: E’ una serie tv di Francesca Archibugi che racconta di una famiglia che torna a vivere a Livorno, la città d’origine. E’ l’occasione per chiudere i conti col passato ma anche per attendere il futuro, visto che la giovanissima protagonista (Fotinì Peluso) rimane incinta a 16 anni, come sua madre prima di lei (Vittoria Puccini). Io sarò Giorgio Valpredi, giovane rampollo di una famiglia di industriali livornesi un tipo simpatico e a volte un po’ tonto, con la fama da donnaiolo e sempre sull’orlo della bancarotta. E’ stato emozionante essere diretto da Francesca, cinema prestato alla televisione. Cast e troupe sono diventate letteralmente una famiglia. La città ci ha regalato nuove e vere amicizie ed io ho imparato a parlare in livornese e ho vissuto un’estate magica: un po’ geniale e un po’ tonta proprio come Giorgio.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

1993, il passato di Leonardo Notte: intervista all'attore Romano Reggiani

La serie televisiva "1993" torna domani sera su Sky Atlantic con due nuovi episodi.  Abbiamo intervistato l'attore Romano Reggiani, interprete del giovane Leonardo Notte.  D: Come ci si sente nell'interpretare il personaggio principale della serie nella sua età giovanile? R: Mi sento emozionato, contento e realizzato. 1993 ...

 

Amici, quattro concorrenti si contendono la vittoria della sedicesima edizione

La finale della sedicesima edizione di "Amici" va in onda questa sera su Canale 5. I concorrenti che si contenderanno la vittoria sono i cantanti Riccardo e Federica e il ballerino Andreas per la squadra blu, e il ballerino Sebastian per la squadra bianca. Guarda le immagini L'ospite della puntata è il giornalista e scrittore Roberto...

 

I migliori anni, l'ultima puntata dell'ottava edizione: Karen Lynn Gorney ospite d'eccezione

L'ultima puntata dell'ottava edizione de "I migliori anni" va in onda questa sera su Rai 1 dalle 21.20. Nel nuovo appuntamento con il varietà condotto da Carlo Conti insieme a Anna Tatangelo si ricorderanno altri grandi successi musicali del passato. Lo spazio "Jukebox" vedrà protagonisti Al Bano e Orietta Berti che proporranno ...

 

Bloodline, il passato e le sue implacabili conseguenze

La terza e ultima stagione di "Bloodline" è disponibile da oggi sulla piattaforma streaming Netflix.  Creata da Todd A. Kessler, Glenn Kessler e Daniel Zelman, la serie propone al pubblico un racconto segnato dal ritorno del passato e dalle sue implacabili conseguenze. Tra delusioni e segreti inconfessati le due precedenti stagioni han...

 

House of Cards 5, realtà e finzione si intrecciano nelle vicende dei coniugi Underwood

"House of Cards 5" tornerà il 30 maggio con le avventure del machiavellico Frank Underwood, politico democratico senza scrupoli che è riuscito a scalare il potere fino alla Casa Bianca. Il volto enigmatico e lo sguardo magnetico di Kevin Spacey hanno fatto breccia nell'immaginario collettivo anche in considerazione della pessima reput...

 

Wind Music Awards 2017, protagonisti e novità dell'undicesima edizione

L'undicesima edizione dei Wind Music Awards si svolge all'Arena di Verona e va in onda su Rai 1 il 5 e 6 giugno. Nel corso dell'evento condotto da Carlo Conti e Vanessa Incontrada vengono premiati i principali protagonisti della scena musicale italiana per i risultati registrati dai loro recenti successi discografici.  Tra gli arti...

 

The Son, la serie tv: un esteso racconto western

La serie statunitense “The Son” è stata rinnovata per una seconda stagione. L'interprete principale del western drama è Pierce Brosnan, attore noto al pubblico televisivo e cinematografico per aver dato forma al personaggio di James Bond in quattro film della saga del celebre agente segreto. Il racconto è amb...

 

Facciamo che io ero, seconda puntata: molti ospiti e nuovi sketch

Il debutto del programma televisivo "Facciamo che io ero" è stato accolto positivamente da pubblico e critica. La prima puntata ha registrato 3 milioni e 296 mila spettatori e uno share del 14.6 per cento. ""Facciamo che io ero" rappresenta pienamente la chiave stilistica di Rai2, perché capace di coniugare il pop alla qualità...

 

Selfie - Le cose cambiano, terza puntata: archiviato un altro buon risultato di ascolto

La terza puntata della seconda edizione di "Selfie - Le cose cambiano", andata in onda ieri sera su Canale 5, ha registrato 2 milioni e 646 mila telespettator con il 15.14% di share. Guarda le immagini Il make over condotto da Simona Ventura, con la partecipazione straordinaria di Belén Rodríguez, prosegue nell'ottenere bu...

 

Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, l'impegno civile dei due magistrati nel racconto televisivo

In occasione del venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e di via d’Amelio, la Rai propone un ricco palinsesto dedicato al ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e i componenti delle loro scorte: Rocco Dicillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina, Emanuela Loi,...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni