X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter

14/02/2017 07:30
Recensione del film Resident Evil The Final Chapter

"Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter" è il film di Paul Thomas Anderson con Milla Jovovich

Paul Thomas Anderson sa oltrepassare i limiti dell’azione collegandoli con ghermiti elementi personali. Nei primi tre minuti del film da lui diretto “Resident Evil: The Final Chapter" vediamo una bambina, Alice essere affetta da invecchiamento precoce; un bambino che sembra moribondo e che all’improvviso azzanna l’uomo che cerca di aiutalo; il padre di Alice che con la propria azienda (Umbrella Corporation) cerca di creare un virus per far guarire a figlia, il collega Dr. Alexander Isaacs (Iain Glen) lo fa soffocare davanti agli occhi di lei.

Dopo vari anni il mondo soccombe al virus creato dal padre di Alice - una funambolica Milla Jovovich - e usato dal collega per scopi militari. La Red Queen dice a Alice di tornare alla Umbrella Corporation dove è stato sviluppato un antivirus che riporterà la salute.

La figura preminente non può che essere Alice, nata nel 2002 nel primo film della serie, e vissuta per sei franchise cinematografici. Il personaggio vive nel mondo creato attorno al videogioco “Resident Evil”, ideato nel 1996 da Shinji Mikami che fu l’iniziatore del genere dei games survival horror, dove un gruppo di individui combattono contro la Umbrella Corporation, dopo l’immissione del T-virus che può trasformare gli esseri umani in zombie e mostri.

Quando la protagonista Alice sale sulla motocicletta, il regista Paul T. Anderson non può evitare di filmarla col ralenti, il che evidenzia l’attenzione per un prodotto che mira a porre in risalto la forza mascolina delle donne. Un po’ come avveniva in “Salt”, solo sorretto da una sceneggiatura inferiore. Un meccanismo che crea nello spettatore una doppia identificazione: se la donna non è più romantica bensì aggressiva, sa essere più sincera dell’uomo nei suoi gesti non consolatori. E dall’altra parte attrae il pubblico femminile che vede emancipata la propria autorità.

Infatti Alice dopo essere stata colpita in viso finisce a terra e non mostra segni di percosse, si alza e uccide l’assalitore; accerchiata da animali famelici fugge e da un diruto si getta in mare; in un tunnel riesce ad essere aggrappata ad una sporgenza che la salva, mentre uno dei suoi compagni cade triturato da un’elica. Sono le classiche situazioni da videogioco in cui si devono superare livelli successivi, e che nel film vengono riproposti quasi con ripida discesa.

Anche la scoperta finale di Alice si risolve senza troppe crisi esistenziali, anzi con lotte acrobatiche. Il film quindi proprio per la sua capacità di proporre un intrattenimento effettivo - il budget è di 40 milioni di dollari e finora ne ha incassato 135, mentre tutta la saga supera i 900 - riscuoterà certamente un successo nel pubblico più giovane. Pare quasi chiedere agli spettatori se ciò che mostra sia paragonabile ad una serie tv, e la riposta è certamente no. Non si esige qui infatti una trama con sviluppo dei personaggi, ma senso di rappacificazione quasi geometrico: Alice soffre, poi si rialza. E lo stesso regista sa bene che questo riscatto va offerto al pubblico, concentrato in novanta minuti, e non in logorroiche serie sugli zombie da calcolabili puntate.

"Spero che questo film emuli i grandi ambienti dei film precedenti - ha detto il produttore Jeremy Bolt che la lavorato assieme alla tedesca Constantine Films — il desolato Washington D. C. vede Alice essere l'ultima persona rimasta sul pianeta”. Si passa al road movie che vede Alice in viaggio verso Raccoon City; si finisce con il Sci-Fi quando siamo a The Hive. Lo scenografo Edward Thomas ha ammesso che tutto il suo design è stato ispirato dal videogioco, roboante e lucidato.

Proprio per la sua mancanza di pretese, ma di mantenimento delle promesse “Resident Evil: The final chapter” è uno dei film dl genere più schietti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni