X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter

14/02/2017 07:30
Recensione del film Resident Evil The Final Chapter

"Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter" è il film di Paul Thomas Anderson con Milla Jovovich

Paul Thomas Anderson sa oltrepassare i limiti dell’azione collegandoli con ghermiti elementi personali. Nei primi tre minuti del film da lui diretto “Resident Evil: The Final Chapter" vediamo una bambina, Alice essere affetta da invecchiamento precoce; un bambino che sembra moribondo e che all’improvviso azzanna l’uomo che cerca di aiutalo; il padre di Alice che con la propria azienda (Umbrella Corporation) cerca di creare un virus per far guarire a figlia, il collega Dr. Alexander Isaacs (Iain Glen) lo fa soffocare davanti agli occhi di lei.

Dopo vari anni il mondo soccombe al virus creato dal padre di Alice - una funambolica Milla Jovovich - e usato dal collega per scopi militari. La Red Queen dice a Alice di tornare alla Umbrella Corporation dove è stato sviluppato un antivirus che riporterà la salute.

La figura preminente non può che essere Alice, nata nel 2002 nel primo film della serie, e vissuta per sei franchise cinematografici. Il personaggio vive nel mondo creato attorno al videogioco “Resident Evil”, ideato nel 1996 da Shinji Mikami che fu l’iniziatore del genere dei games survival horror, dove un gruppo di individui combattono contro la Umbrella Corporation, dopo l’immissione del T-virus che può trasformare gli esseri umani in zombie e mostri.

Quando la protagonista Alice sale sulla motocicletta, il regista Paul T. Anderson non può evitare di filmarla col ralenti, il che evidenzia l’attenzione per un prodotto che mira a porre in risalto la forza mascolina delle donne. Un po’ come avveniva in “Salt”, solo sorretto da una sceneggiatura inferiore. Un meccanismo che crea nello spettatore una doppia identificazione: se la donna non è più romantica bensì aggressiva, sa essere più sincera dell’uomo nei suoi gesti non consolatori. E dall’altra parte attrae il pubblico femminile che vede emancipata la propria autorità.

Infatti Alice dopo essere stata colpita in viso finisce a terra e non mostra segni di percosse, si alza e uccide l’assalitore; accerchiata da animali famelici fugge e da un diruto si getta in mare; in un tunnel riesce ad essere aggrappata ad una sporgenza che la salva, mentre uno dei suoi compagni cade triturato da un’elica. Sono le classiche situazioni da videogioco in cui si devono superare livelli successivi, e che nel film vengono riproposti quasi con ripida discesa.

Anche la scoperta finale di Alice si risolve senza troppe crisi esistenziali, anzi con lotte acrobatiche. Il film quindi proprio per la sua capacità di proporre un intrattenimento effettivo - il budget è di 40 milioni di dollari e finora ne ha incassato 135, mentre tutta la saga supera i 900 - riscuoterà certamente un successo nel pubblico più giovane. Pare quasi chiedere agli spettatori se ciò che mostra sia paragonabile ad una serie tv, e la riposta è certamente no. Non si esige qui infatti una trama con sviluppo dei personaggi, ma senso di rappacificazione quasi geometrico: Alice soffre, poi si rialza. E lo stesso regista sa bene che questo riscatto va offerto al pubblico, concentrato in novanta minuti, e non in logorroiche serie sugli zombie da calcolabili puntate.

"Spero che questo film emuli i grandi ambienti dei film precedenti - ha detto il produttore Jeremy Bolt che la lavorato assieme alla tedesca Constantine Films — il desolato Washington D. C. vede Alice essere l'ultima persona rimasta sul pianeta”. Si passa al road movie che vede Alice in viaggio verso Raccoon City; si finisce con il Sci-Fi quando siamo a The Hive. Lo scenografo Edward Thomas ha ammesso che tutto il suo design è stato ispirato dal videogioco, roboante e lucidato.

Proprio per la sua mancanza di pretese, ma di mantenimento delle promesse “Resident Evil: The final chapter” è uno dei film dl genere più schietti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1