X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter

14/02/2017 07:30
Recensione del film Resident Evil The Final Chapter

"Recensione del film Resident Evil: The Final Chapter" è il film di Paul Thomas Anderson con Milla Jovovich

Paul Thomas Anderson sa oltrepassare i limiti dell’azione collegandoli con ghermiti elementi personali. Nei primi tre minuti del film da lui diretto “Resident Evil: The Final Chapter" vediamo una bambina, Alice essere affetta da invecchiamento precoce; un bambino che sembra moribondo e che all’improvviso azzanna l’uomo che cerca di aiutalo; il padre di Alice che con la propria azienda (Umbrella Corporation) cerca di creare un virus per far guarire a figlia, il collega Dr. Alexander Isaacs (Iain Glen) lo fa soffocare davanti agli occhi di lei.

Dopo vari anni il mondo soccombe al virus creato dal padre di Alice - una funambolica Milla Jovovich - e usato dal collega per scopi militari. La Red Queen dice a Alice di tornare alla Umbrella Corporation dove è stato sviluppato un antivirus che riporterà la salute.

La figura preminente non può che essere Alice, nata nel 2002 nel primo film della serie, e vissuta per sei franchise cinematografici. Il personaggio vive nel mondo creato attorno al videogioco “Resident Evil”, ideato nel 1996 da Shinji Mikami che fu l’iniziatore del genere dei games survival horror, dove un gruppo di individui combattono contro la Umbrella Corporation, dopo l’immissione del T-virus che può trasformare gli esseri umani in zombie e mostri.

Quando la protagonista Alice sale sulla motocicletta, il regista Paul T. Anderson non può evitare di filmarla col ralenti, il che evidenzia l’attenzione per un prodotto che mira a porre in risalto la forza mascolina delle donne. Un po’ come avveniva in “Salt”, solo sorretto da una sceneggiatura inferiore. Un meccanismo che crea nello spettatore una doppia identificazione: se la donna non è più romantica bensì aggressiva, sa essere più sincera dell’uomo nei suoi gesti non consolatori. E dall’altra parte attrae il pubblico femminile che vede emancipata la propria autorità.

Infatti Alice dopo essere stata colpita in viso finisce a terra e non mostra segni di percosse, si alza e uccide l’assalitore; accerchiata da animali famelici fugge e da un diruto si getta in mare; in un tunnel riesce ad essere aggrappata ad una sporgenza che la salva, mentre uno dei suoi compagni cade triturato da un’elica. Sono le classiche situazioni da videogioco in cui si devono superare livelli successivi, e che nel film vengono riproposti quasi con ripida discesa.

Anche la scoperta finale di Alice si risolve senza troppe crisi esistenziali, anzi con lotte acrobatiche. Il film quindi proprio per la sua capacità di proporre un intrattenimento effettivo - il budget è di 40 milioni di dollari e finora ne ha incassato 135, mentre tutta la saga supera i 900 - riscuoterà certamente un successo nel pubblico più giovane. Pare quasi chiedere agli spettatori se ciò che mostra sia paragonabile ad una serie tv, e la riposta è certamente no. Non si esige qui infatti una trama con sviluppo dei personaggi, ma senso di rappacificazione quasi geometrico: Alice soffre, poi si rialza. E lo stesso regista sa bene che questo riscatto va offerto al pubblico, concentrato in novanta minuti, e non in logorroiche serie sugli zombie da calcolabili puntate.

"Spero che questo film emuli i grandi ambienti dei film precedenti - ha detto il produttore Jeremy Bolt che la lavorato assieme alla tedesca Constantine Films — il desolato Washington D. C. vede Alice essere l'ultima persona rimasta sul pianeta”. Si passa al road movie che vede Alice in viaggio verso Raccoon City; si finisce con il Sci-Fi quando siamo a The Hive. Lo scenografo Edward Thomas ha ammesso che tutto il suo design è stato ispirato dal videogioco, roboante e lucidato.

Proprio per la sua mancanza di pretese, ma di mantenimento delle promesse “Resident Evil: The final chapter” è uno dei film dl genere più schietti.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

A Ghost Story: i film sulla differenza tra ciò che siamo e ciò che percepiamo

A Ghost Story è il film drammatico e thriller di David Lowery che si preannuncia come uno dei più irrompenti dell’anno. Il motivo è la semplicità della trama che sfocia nella paura, perché vediamo solo in uomo avvolto da un lenzuolo che è il semplice fantasma. Così come gli spettri sono descri...

 

David di Donatello 2017, tutti i vincitori

I David di Donatello 2017 sono stati assegnati il 27 marzo presso Studi de Paolis a Roma. Il miglior film è “La pazza gioia” di Paolo Virzì (leggi l’intervista all'attore Bob Messini), prodotto da Marco Belardi per Lotus Production: il film ottiene anche il premio per la regia, per l’attrice protagonista a Val...

 

Recensione del film La tartaruga rossa

La tartaruga rossa (“La tortue rouge”) è il film d'animazione di Michael Dudok realizzato dallo Studio Ghibli. La sceneggiatura è di Michael Dudok de Wit, con adattamento di Pascale Ferran. Isao Takahata è il produttore esecutivo. Il film ripercorre la vita di un uomo, dal momento in cui giunge su un’isola co...

 

Film più visti della settimana: 'Power Rangers' è la novità al box office

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 24 al 26 marzo 2017 vede la conferma al primo posto de “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”, leggi l'intervista all'attrice): Bella s’innamora del principe deformato da un incantesimo, per poi salvarlo (316.952.887 di dollari). Al secondo posto entra &l...

 

Intervista all'attore Alexandre Nguyen: dal film 'Life' a 'Valerian e la città dei mille pianeti'

Life - Non oltrepassare il limite è il film di Daniel Espinosa con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada e Alexandre Nguyen. La trama segue l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale che deve effettuare esperimenti su un campione giunto da una sonda proveniente da Marte. L'equipaggio ha il compito ...

 

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni