X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Smetto quando voglio - Masterclass

01/02/2017 07:30
Recensione del film Smetto quando voglio - Masterclass

Sydney Sibilia torna al cinema con il sequel di "Smetto quando voglio"

Smetto quando voglio - Masterclass è il film commedia di Sydney Sibilia con Edoardo Leo, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo, Stefano Fresi.

Il film comincia dove era terminato quello del 2014, con l’arresto della banda di ricercatori universitari disoccupati ora arrestati per vari reati, primo fa tutti associazione a delinquere motivata dall’immissione sul mercato di una sostanza creata chimicamente e che si rivela stupefacente.

Così i disoccupati vivono in una bolla precaria: Pietro Zinni (Leo) - il leader della banda - ama stare in carcere perché riceve un piccolo fisso mensile che la compagna usa per vivere, Giulio Bolle (Marco Bonini) laureato in anatomia umana fa incontri clandestini di Thai Boxe a Bangkok. “Giusto qualche scontro, ma solo sulle modalità di costruzione delle madonne”, dice Alberto Petroli (Stefano Fresi) a Pietro: lui è laureato in chimica computazionale ed è finito in un centro rehab per sfruttamento della prostituzione e guida in stato di alterazione psico fisica. Ora scolpisce le statue delle madonne e approfitta dell’invito di Pietro a redimersi. Infatti l’ispettore di Polizia Paola Coletti (Greta Scarano) offre ai detenuti la possibilità di uscire per creare una squadra - oltre la Legge - che debelli le smart drugs in circolo.

Tutti acconsentono, e in un clima tra “Guardie e ladri” (1951) e “I soliti ignoti” (1958) di Mario Monicelli con Totò essi si trovano di sera davanti al cancello dei confezionatori delle smart drugs. “Entriamo e li impossibilitiamo a proseguire”, impone Pietro Zinni, neurobiologo. ”Impossibilitiamo a proseguire è un concetto abbastanza nebuloso”, risponde Mattia Argeri (Valerio Apreaì) laureato in semiotica interpretativa ed epigrafia latina. “Col ca**o che dico ‘Fermi tutti, Polizia’: io queste frasi di estrema destra non le dico”, chiosa Bartolomeo Bonelli (Libero Di Rienzo) laureato in Macroeconomia Dinamica.

Il film prosegue quindi con le possibilità di debellare la banda confezionatrice di smart drugs tra la distruzione di Villa Adriana con il furgone, rissa sul treno merci, ralenti accurati durante un incidente stradale. Le attese per un sequel sono maggiori rispetto all’originale, ma dove il film lesina in sceneggiatura guadagna in aspetti formali, come la scenografia psichedelica di Alessandro Vannucci, la fotografia sovraesposta di Vladan Radovic. E anche la regia è più consapevole, tanto che in alcuni momenti permette più immedesimazione di quanto la storia non sappia fare: basti pensare alla scena in cui Lucio Napoli (Giampaolo Morelli) in una baracca del Laos cerca di vendere mine antiuomo ad improbabili astanti. Poiché la dimostrazione delle mine fallisce, viene portato fuori, sotto la pioggia per essere giustiziato. L’inquadratura lo riprende da lontano, quasi con segno di rispetto ma al contempo ricrea echi di altri film bellici, nonché una divisione dello spazio meticolosa che trascina lo spettatore.

Ciò che il regista Sibilia racconta è che l’indole a delinquere, seppure mascherata da progetti di business non viene meno. E nemmeno lo Stato può risparmiarla, tanto che agevola la scarcerazione.

Senza contare che dal punto di vista produttivo il film rappresenta un raro caso di sequel in Italia: il film del 2014 incassò 4.004.000 milioni di euro. E in una situazione in cui tra i primi dieci film nella classifica italiana c’è solo un film nostrano (“L’ora legale di Ficarra e Picone”), fa ben sperare che si raddoppi.

Sibilia riesce ad uscire anche da una vicenda localistica - come in molte recenti commedie italiane - per raccontare un disagio più generale, l’impossibilità di trovare nella società lavorativa attuale una congruenza tra quanto si è studiato, e l’applicazione delle proprie competenze. Quasi a ricordare che dopo anni di studio, l’esito è il carcere. A meno che non si voglia deviare dalle proprie inclinazioni, ipotesi che i protagonisti del film abominano.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Tribeca Film Festival, 'siamo attenti a ciò che emerge': intervista a Tammie Rosen

Il Tribeca Film Festival si svolge a New York fino al 30 aprile. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Craig Hatkoff negli anni si è sviluppato fino a presentare film come “Insomnia", “La leggenda degli uomini straordinari”, “Spider-Man 3” e “The Avengers”. Nel 2016 il vincitore è stato “...

 

Erin Moran, aveva recitato anche al cinema l'attrice scomparsa protagonista di 'Happy Days'

Erin Moran, attrice che nella  sitcom "Happy Days"  interpretava il personaggio di Joanie Cunningham è scomparsa all’età di cinquantasei anni. L’attrice originaria di Burbank è stata trovata morta in una roulotte nella contea di Harrison, nell'Indiana. Ancora sono ignote le cause della morte, per cui si a...

 

Intervista all'attore Emrhys Cooper: dal film 'Kushuthara' al prossimo 'Nosferatu'

Mauxa ha intervistato Emrhys Cooper, protagonista del film “Kushuthara: Pattern of Love”, uscito negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e diretto da Karma Deki. Cooper ha lavorato anche a serie tv come “Mistresses”, “Vanity”. D. Nel film “Kushuthara”, nel ruolo di Charlie. Come ti sei avvicinato a ques...

 

Jack Nicholson, sarà nel remake del film 'Toni Erdmann' l'attore che compie 80 anni

Jack Nicholson, l’attore che compie oggi ottanta anni ha recitato in 65 film. Tra le pellicole emblematiche a cui ha lavorato ci sono “Qualcuno volò sul nido del cuculo” (1975),  “Shining” (1980), “Easy Rider” (1969), “Chinatown” (1974), “The Departed - Il bene e il male&rdquo...

 

The Divergent Series: Ascendant, la saga si chiuderà con un film per la TV

Con un annuncio senza precedenti, l’anno scorso la Lionsgate ha rivelato che il quarto capitolo della saga “Divergent”, inizialmente intitolato “The Divergent Series: Ascendant” sarebbe diventato un film per la TV, “Ascendant”, magari da concepirsi come episodio pilota di un’ipotetica serie spin-off. ...

 

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 

Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse: il film commedia sul 'padre chioccia' con Omar Sy

Famiglia all’improvviso - Istruzioni non incluse è il film nelle sale diretto da Hugo Gélin con Omar Sy, Clémence Poésy, Antoine Bertrand, Gloria Colston. La storia è quella di Samuel che vive nel Sud della Francia: non ha troppe preoccupazioni giornaliere, finché una ex ragazza si presenta dice...

 

Cars 3, gli autori presentano il corto 'A Tale of Momentum and Inertia'

Eyal Podell e Jonathon E. Stewart, che hanno scritto il prossimo film “Cars 3” hanno realizzato un cortometraggio per Fox Animation Studios dal titolo “A Tale of Momentum and Inertia”. Il progetto è stato presento a diversi Festival: la storia racconta di un uomo roccia che cerca di trattenere un masso che sta per di...

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte apri...

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan. Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni