X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Smetto quando voglio - Masterclass

01/02/2017 07:30
Recensione del film Smetto quando voglio - Masterclass

Sydney Sibilia torna al cinema con il sequel di "Smetto quando voglio"

Smetto quando voglio - Masterclass è il film commedia di Sydney Sibilia con Edoardo Leo, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero de Rienzo, Stefano Fresi.

Il film comincia dove era terminato quello del 2014, con l’arresto della banda di ricercatori universitari disoccupati ora arrestati per vari reati, primo fa tutti associazione a delinquere motivata dall’immissione sul mercato di una sostanza creata chimicamente e che si rivela stupefacente.

Così i disoccupati vivono in una bolla precaria: Pietro Zinni (Leo) - il leader della banda - ama stare in carcere perché riceve un piccolo fisso mensile che la compagna usa per vivere, Giulio Bolle (Marco Bonini) laureato in anatomia umana fa incontri clandestini di Thai Boxe a Bangkok. “Giusto qualche scontro, ma solo sulle modalità di costruzione delle madonne”, dice Alberto Petroli (Stefano Fresi) a Pietro: lui è laureato in chimica computazionale ed è finito in un centro rehab per sfruttamento della prostituzione e guida in stato di alterazione psico fisica. Ora scolpisce le statue delle madonne e approfitta dell’invito di Pietro a redimersi. Infatti l’ispettore di Polizia Paola Coletti (Greta Scarano) offre ai detenuti la possibilità di uscire per creare una squadra - oltre la Legge - che debelli le smart drugs in circolo.

Tutti acconsentono, e in un clima tra “Guardie e ladri” (1951) e “I soliti ignoti” (1958) di Mario Monicelli con Totò essi si trovano di sera davanti al cancello dei confezionatori delle smart drugs. “Entriamo e li impossibilitiamo a proseguire”, impone Pietro Zinni, neurobiologo. ”Impossibilitiamo a proseguire è un concetto abbastanza nebuloso”, risponde Mattia Argeri (Valerio Apreaì) laureato in semiotica interpretativa ed epigrafia latina. “Col ca**o che dico ‘Fermi tutti, Polizia’: io queste frasi di estrema destra non le dico”, chiosa Bartolomeo Bonelli (Libero Di Rienzo) laureato in Macroeconomia Dinamica.

Il film prosegue quindi con le possibilità di debellare la banda confezionatrice di smart drugs tra la distruzione di Villa Adriana con il furgone, rissa sul treno merci, ralenti accurati durante un incidente stradale. Le attese per un sequel sono maggiori rispetto all’originale, ma dove il film lesina in sceneggiatura guadagna in aspetti formali, come la scenografia psichedelica di Alessandro Vannucci, la fotografia sovraesposta di Vladan Radovic. E anche la regia è più consapevole, tanto che in alcuni momenti permette più immedesimazione di quanto la storia non sappia fare: basti pensare alla scena in cui Lucio Napoli (Giampaolo Morelli) in una baracca del Laos cerca di vendere mine antiuomo ad improbabili astanti. Poiché la dimostrazione delle mine fallisce, viene portato fuori, sotto la pioggia per essere giustiziato. L’inquadratura lo riprende da lontano, quasi con segno di rispetto ma al contempo ricrea echi di altri film bellici, nonché una divisione dello spazio meticolosa che trascina lo spettatore.

Ciò che il regista Sibilia racconta è che l’indole a delinquere, seppure mascherata da progetti di business non viene meno. E nemmeno lo Stato può risparmiarla, tanto che agevola la scarcerazione.

Senza contare che dal punto di vista produttivo il film rappresenta un raro caso di sequel in Italia: il film del 2014 incassò 4.004.000 milioni di euro. E in una situazione in cui tra i primi dieci film nella classifica italiana c’è solo un film nostrano (“L’ora legale di Ficarra e Picone”), fa ben sperare che si raddoppi.

Sibilia riesce ad uscire anche da una vicenda localistica - come in molte recenti commedie italiane - per raccontare un disagio più generale, l’impossibilità di trovare nella società lavorativa attuale una congruenza tra quanto si è studiato, e l’applicazione delle proprie competenze. Quasi a ricordare che dopo anni di studio, l’esito è il carcere. A meno che non si voglia deviare dalle proprie inclinazioni, ipotesi che i protagonisti del film abominano.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni