X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

27/01/2017 10:52
Anna Frank Museum intervista sulle parole 'mai pił'

"Mai più" sono le parole più pronunciate dai visitatori di Anna Frank Museum ad Amsterdam. Mauxa per il giorno della Memoria ha intervistato Annemarie Bekker, del dipartimento Comunicazioni del Museo.

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam.

Per sfuggire alle deportazioni naziste il padre Otto e la madre Edith Frank allestiscono un nascondiglio sul retro dell’azienda che produce marmellate. Il 5 luglio 1942 Margot Frank - la sorella di Anna - è tra i primi a ricevere la convocazione per i campi di lavoro. Il giorno dopo la famiglia si trasferisce nel nascondiglio di via Prinsengracht.

Mauxa ha intervistato Annemarie Bekker, del dipartimento della comunicazione del Museo Anna Frank, che nel 2016 ha ottenuto il record di visitatori: 1.295.585 milioni.

D. Tra i visitatori del museo, quali sono i commenti più frequenti?

R. Anna Frank e il suo diario sono conosciuti in tutto il mondo. La gente viene da ogni parte del pianeta fino ad Amsterdam per visitare il nascondiglio di Anna Frank e per vedere il suo primo diario, e altri diari. I primi 10 visitatori dello scorso anno sono stati USA, Regno Unito, Olanda, Germania, Spagna, Francia, Italia, Brasile, Australia, Giappone.
I commenti dei visitatori sono personali su Anna Frank, la sua storia di vita, il diario, la casa di Anna Frank, la seconda guerra mondiale, e l’olocausto. Si passa poi ai conflitti presenti e alle guerre, i pregiudizi e la discriminazione, la propria storia di vita, e la frase “mai più”. Per i commenti dei visitatori si può anche visitare il nostro sito in cui ognuno può inserire una propria opinione.

D. Il museo com’è strutturato?

R. Si va dall’Alloggio segreto all’ufficio di Otto Frank. I mobili furono eliminati dopo l’arresto: ora si è ricreata l'atmosfera e lo stile del periodo della clandestinità. In tutto vi erano otto clandestini, compresa Anna, in uno spazio che diveniva angusto: per ventiquattro ore al giorno non potevano fare rumore, per non farsi scoprire dagli operai del negozio sottostante. Ci sono poi oggetti originali, i diari e gli scritti originali di Anna, documenti e fotografie.

D. Dalla vostra conoscenza, come doveva essere la vita di Anna Frank negli anni trascorsi qui?

R. Anna Frank descrive nel suo diario ciò che è stato vivere in clandestinità in un modo personale e bello. Scrive della routine quotidiana nell’alloggio segreto, degli altri clandestini: i suoi genitori, la sorella, la famiglia Van Pels e Fritz Pfeffer. Nonché degli aiutanti, e anche sui suoi pensieri e sentimenti, le sue paure e le sue speranze, le sue riflessioni sulle persone e ciò che sta accadendo nel mondo.

D. Ci sono molti film realizzati su Anne Frank, tra cui uno in fase di sviluppo sul padre Otto e gli sforzi per pubblicare il libro. Pensi che siano affidabili?

R. Sì, ci sono un bel po’ di testi teatrali, film, serie TV e documentari su Anna Frank e il suo diario. Alcuni sono migliori - è un’opinione personale - e più affidabili di altri. Personalmente, amo il dramma della BBC 'Il diario di Anna Frank” del 2008. Ci sono anche documentari su Otto Frank, su coloro che sono sopravvissuti alla Shoah: ciò è stato il motore dietro la pubblicazione del diario di sua figlia, della casa diventata un museo con una missione educativa.

Il 4 agosto 1944, nonostante le speranze giunte alla radio per lo sbarco in Normandia i clandestini di via Prinsengracht vengono rastrellati. Sono trasferiti nel campo di transito di Westerbork, il 3 settembre spostati in Polonia, nel campo di Auschwitz-Birkenau. Qui uomini e donne sono divisi, e Anna vede il padre Otto per l’ultima volta. Insieme alla sorella Margot e alla madre Edith è assegnata ad una baracca. A fine ottobre Anne e Margot sono deportate in Germania, al campo di a Bergen-Belsen. La madre Edith resta ad Auschwitz, rifiuta di mangiare e muore d’inedia il 6 gennaio 1945. A Bergen-Belsen le due sorelle Anne e Margot vivono stipate insieme ad altri deportati. Contraggono il tifo e muoiono.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Care figlie vi scrivo, il libro tra cinema e passione di Marisa Bruni Tedeschi

Care figlie vi scrivo è il libro uscito di recente di Marisa Bruni Tedeschi che racconta una famiglia cresciuta tra il cinema la politica.  Marisa Bruni Tedeschi è pianista, ha vissuto una vita da artista: racconta qui la giovinezza nell'Italia fascista, la morte precoce del padre, l'incontro nel 1952 con il marito Alberto, indu...

 

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni