X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Split

26/01/2017 07:30
Recensione del film Split

M. Night Shyamalan dirige il film horror "Split": alterna linearità della trama a forti caratterizzazioni.

Split è il film horror di M. Night Shyamalan con James McAvoy, Anya Taylor-Joy e Betty Buckley.

La storia è quella di Kevin (McAvoy) che dopo un abuso subito da piccolo cresce sviluppando 23 personalità. Ognuna di esse lo porta ad assumere una propria particolare fisicità, da bambino o da donna, fino ad animale.

È quello l’aspetto più interessante del film di Shyamalan, aver scelto un tema patologico - che a pochi potrebbe interessare - per ricondurlo all’aspetto visivo. Ovvero alla possibilità che il protagonista assuma fisicamente altre sembianze, aprendo la strada a ciò che il cinema deve mostrare, ovvero una sensazione attraverso le immagini. Ed in questo caso la sensazione da veicolare è quella dell’horror, la paura che nella vita quotidiana può ammassare le persone.

Kevin rapisce tre ragazze, le rinchiude in casa: anche la scelta di un rapimento di cui sono vittime donne e non uomini alimenta l’aspetto di libidine del protagonista, che velatamente non riesce ad esprimere. La psichiatra di Kevin, la dottoressa Karen Fletcher (Betty Buckley) è una donna, quasi a significare l’assenza di una figura materna che Kevin sublima con il trasformismo. Un tema già presenta in un thriller di simile impianto agitato, ovvero “Psyco” (1960) in cui Alfred Hitchcock fa vestire il protagonista Norman Bates dalla defunta madre Norma.

Così una semplice storia di sequestro, diviene una narrazione nuova, che Shyamalan riesce a gestire con rara perizia, almeno da “The Sixth Sense - Il sesto senso” (1999). Infatti nei film successivi si era sempre basato su criteri di suspense dall’opinabile tirante narrativo: non si fa un buon thriller solo evitando di raccontare al lettore un aspetto che andrebbe invece palesato, e che il protagonista ignora.

Questo rischio invece Shyamalan in “Split” non lo corre, tanto che si è a lungo documentato per sviluppare il film, usando anche fogli appunti delle lezioni di psicologia seguite all’università, incontrando psicologi. Da ciò emerge proprio la necessità di configurare il protagonista, che pur se dal carattere multiforme ha una sua coerenza organizzata. “Nel Disturbo Dissociativo dell’Identità ogni personalità individuale crede di essere ciò che è - dice il regista - Se una personalità pensa di avere il diabete o il colesterolo alto, può il loro corpo cambiare chimicamente? In questo momento, l’argomento è oggetto di discussione in tutto il mondo”. Un dubbio scientifico diventa quindi anche una possibilità paurosa. “Prendo qualcosa in cui si crede e lo spingo oltre. Con il Disturbo”.

Shyamalan riesce con un budget limitato - 10 milioni di dollari - a manipolare il pubblico, senza l’uso di effetti in CGI. A ciò si unisce l’interpretazione atavica di McAvoy, che per ogni personalità sa assumere una mimica facciale diversa. Lui è anche attore teatrale, capace di cambiare in un attimo quello si pensa, e rendere palesi queste obiezioni. In alcune scene eseguiva lui stesso delle prodezze fisiche come il salto degli ostacoli e le scalate, fino a rimpicciolirsi di più di cinque centimetri quando interpreta Hedwig o si irrigidisce nei panni di Dennis.

Ecco che l’immedesimazione dello spettatore risulta totale, esplorando le modalità in cui noi stessi affrontiamo i traumi.

La produzione è della Blumhouse Productions, che ha lavorato anche a “La notte del giudizio”, “Ouija: Origin of Evil”, “Paranormal Activity”. A ciò si unisce la scenografa precisa di Mara LePere-Schloop, che con sfumature fa emergere i vari strati della storia. Vari colori riflettono le diverse personalità di Kevin, con il mondo sotterraneo del piano interrato che ha un colore filettato, desaturando il resto. Mentre ci sono colori più vivaci nell'azione più intensa e violenta del film.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
M. Night Shyamalan

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Split, nuovo trailer del film sulle 23 personalità di Kevin diretto da Shyamalan

La Universal ha pubblicato il nuovo trailer del film “Split”, diretto da M. Night Shyamalan. Il video su YouTube in un giorno ha raggiunto 330.577 visualizzazioni. Nelle immagini si mostra il protagonista Kevin mentre racchiude in casa tre ragazze, per poi inscenare vari giochi psicologici. Il film thriller racconta della vita di Kevi...

 

Split, il nuovo film thriller di M. Night Shyamalan con James McAvoy

Split. Ne aveva davvero bisogno M. Night Shyamalan di tornare a un film di successo. Dopo il clamoroso exploit nel 1999 de "Il sesto senso - The Sixth Sense", il regista americano di origini indiane non ha più ripetuto i fasti iniziali, tutt'altro. Gli ultimi film ("After Earth" per esempio) sono stati uno più deludente dell'altro, e ...

 

The Visit, Shyamalan torna alle origini con un horror terrificante

The Visit film scritto e diretto da M. Night Shyamalan (Il sesto senso, The Village), prodotto in collaborazione con Jason Blum (Paranormal Activity, Insidious). Trama. Becca è una ragazzina di quindici anni appassionata di documentari, raccoglie video dei ricordi di sua madre, che molto giovane era scappata via con un uomo contro il volere...

 

The Visit, M. Night Shyamalan torna alle atmosfere thriller de Il sesto senso

The Visit thriller di M. Night Shyamalan. Avere successo è difficile, confermarlo però lo è ancora di più: ne sa qualcosa il regista indiano M. Night Shyamalan, che dopo l'epocale exploit nell'ormai lontano 1999 de"Il sesto senso", non ha più eguagliato quelle vette, sia agli occhi del pubblico che della crit...

 

Hostages: nuova serie tv thriller su Premium Action

Hostages Arrivano in Italia, su Mediaset Premium Action, i quindici episodi della prima stagione di “Hostages”, nuova serie tv thriller trasmessa in Usa dal network CBS Trama Fare il presidente degli Stati Uniti non è certo facile; anche se molti sono gli amici su cui può contare l'uomo più potete del mondo, ancora...

 

Will Smith in After Earth, sci-fi diretto da M. Night Shyamalan

Will Smith sarà protagonista dello sci-fi After Earth diretto da M. Night Shyamalan (Il sesto senso, 1999, Unbreakable - Il predestinato, 2000, The Village, 2004, E venne il giorno, 2008) e distribuito in Italia dalla Warner Bros Pictures. La pellicola uscirà nelle sale italiane e in quelle francesi il 5 giugno. Negli Stati Uniti...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni