X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Silence

12/01/2017 07:30
Recensione del film Silence

Martin Scorsese è il regista di "Silence", film con Andrew Garfiled e Adam Driver

Anno 1643. “Io prego ma sono sperduto. Alla mia preghiera risponde il silenzio” dice il protagonista del film, padre Sebastian Rodrigues (Andrew Garfiled).

Silence” di Martin Scorsese segue questa afflizione del protagonista, quasi a voler rendere partecipe lo spettatore di una sofferenza e al contempo una determinazione rara. Sebastian Rodrigues, assieme al collega e gesuita Garrpe (Adam Driver) parte per il Giappone con l’obbiettivo di ricercare il loro mentore, padre Ferreira (Liam Neeson) e seminare nelle isole la fede cristiana. Ma qui i due sono vittime delle atroci persecuzioni che lo shogunato - il governo feudale - applica contro i convertiti al cristianesimo.

Molto dell’ascendente del film è dovuto all’aspetto visuale, per cui Scorsese ha fatto ricorso non ad effetti speciali ma a dolly o steadicam, così da rendere lo spettatore vicino ed intorno alla vicenda raccontata (leggi l'intervista a Domenica Cameron Scorsese).

Il percorso religioso di Scorsese trova spazio nella assuefazione, sacrificio e quasi autopunizione di Sebastian Rodrigues. Tanto che il protagonista avverte il senso del male e ne rimane quasi affascinato: “Il male è ovunque in questo posto. Sento la sua forza e perfino la sua bellezza”, dice.

Nel film “Kundun” (1997) il procedimento era simile, ovvero il giovane Lahmo rifiuta di venire meno ai principi del Buddismo contro i comunisti cinesi; in “The Walf of Wall Street” (2013) il focus era opposto, ovvero sul cinismo del carnefice Jordan Belfort che sulle persone è un aguzzino. Scorsese quindi sembra tornato con “Silence” ad analizzare le vittime dell’ingerenza, sia essa economica o religiosa. Così come fece ne “L’ultima tentazione di Cristo” (1988), in cui Gesù sulla croce non comprende il motivo di tanta sofferenza e per un momento sogna una vita alternativa.

In “Silence” invece è l’elegia cattolica e cristiana ad essere raccontata, come le fatiche umane cui si contrappone una crudeltà farisea. Anche qui i missionari sono crocifissi sul mare, ma la macchina da presa resta distante quasi a provare pietà e rispetto per lo scempio. Lo stesso Scorsese ha ammesso che quando lesse il romanzo - regalatogli durante una proiezione de “L’ultima tentazione di Cristo” - sembrava che parlasse proprio a lui, essendo cresciuto in una famiglia cattolica e praticante. Dall’altra emerge l'influenza minacciosa della colonizzazione, cui però il regista non presta troppa attenzione, volendo concentrasi sulle vittime più che sulle ragioni dei carnefici.

A questa crudeltà si contrappone l’atteggiamento stoico di Rodrigues e Garrpe, che rimangono nascosti per gran parte del film, dicono messa, incontrano la gente e viaggiano di notte.

La storia è tratta dall’omonimo romanzo di Shusaku Endo (1966), che ha venduto 800 mila copie. Lo scrittore a sua volta si ispirò alla vicenda reale di Giuseppe Chiara, gesuita palermitano che dopo la Rivolta di Shimabara sbarcò nell'isola di Oshima e fu poi arrestato a Chikuzen. Nel romanzo il protagonista è Padre Christovao Ferreira, apostasta che da superiore gesuita rinnegò la sua religione, si convertì al buddismo e sposò una donna giapponese.

Per ”Silence” Scorsese ha ricreato il team che lo segue da diversi anni, così da imbastire anche formalmente la sua trama. Il direttore della fotografia è Rodrigo Prieto, lo scenografo è Dante Ferretti, la montatrice è Thelma Schoonmaker. Le difficoltà sono state anche logistiche, con riprese svolte a Taipei, a Macao, nella zona montuosa di Jinguashi per la sequenza della capanna del carbone - il luogo dove i due gesuiti vengono nascosti dai cristiani del villaggio al loro arrivo in Giappone. A Tsenguanliaw lo scenografo Dante Ferretti ha ricostruito il villaggio di Tomogi, tra fango e pendii rocciosi, pioggia e nebbia.

Così anche dal punto di vista fotografico il direttore Pietro ha usato la luce naturale, rendendo il film l’opposto di ciò che accade ad Hollywood per le riprese dentro forbiti studios, ma con la medesima resa coloristica. La continuità della luce era compromessa dagli improvvisi cambiamenti del tempo, ma Pietro è resuscito a rendere omogenei i passaggi nonostante la stessa scena fosse girata in ore diverse.

Le scenografie di Ferretti rendono quasi scarno il racconto, le interpretazioni di Garfield e Driver sono sofferte e vissute. “Silence” diviene così il film più limpido di Scorsese, senza eccessi narrativi, deformazioni caratteriali.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Martin Scorsese
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Vinyl, intervista all'attrice MacKenzie Meehan: "è un piacere sbirciare dietro le quinte della realizzazione di un disco"

Prosegue con successo la prima stagione della serie televisiva intitolata “Vinyl”, in onda su HBO dal 14 febbraio 2016. In Italia è trasmessa da Sky Atlantic. Mauxa ha intervistato MacKenzie Meehan, interprete del personaggio di Penny. L’attrice statunitense racconta la sua esperienza sul set della serie creata da Mick Jag...

 

Vinyl: l'inconfondibile stile di Martin Scorsese nell'episodio pilota della serie in onda su Sky Atlantic

Il debutto della serie televisiva intitolata “Vinyl” è stato sottoposto a una forte attenzione mediatica. La ricostruzione dell’ambientazione newyorkese degli anni ’70 e l’esaltazione di caratteri ed eccessi correlati al mondo del business musicale appartenente a tale periodo storico hanno alimentato il potere ...

 

Whiskey Tango Foxtrot: il nuovo film commedia con Tina Fey e Margot Robbie

Il film “Whiskey Tango Foxtrot” narrerà la vera storia della giornalista Kim Barker, la quale nel 2002 ha raccontato, nel libro scritto da lei “The Taliban Shuffle”, la sua esperienza diretta con la guerra nelle zone dell'Afghanistan e del Pakistan. La giornalista però nel suo viaggio non sarà sola ma in...

 

Vinyl, la movimentata serie tv ripercorre le trasformazioni della scena musicale degli anni '70

La New York degli anni ’70 costituisce la fascinosa ambientazione della nuova serie televisiva intitolata “Vinyl”, il cui debutto è atteso per il prossimo 14 febbraio su HBO. In esclusiva per l'Italia, il primo episodio è trasmesso in contemporanea su Sky Atlantic. Attraverso il racconto delle vicissitudini del pres...

 

Il colore dei soldi: il film di Martin Scorsese con Tom Cruise e Paul Newman

Il colore dei soldi è un film statunitense del 1986 tratto dall’omonimo romanzo di Walter Tevis, diretto da Martin Scorsese e interpretato da Tom Cruise, Paul Newman, Mary Elizabeth Mastrantonio, John Turturro e Forest Withaker. Seguito de “Lo spaccone” (1961) di Robert Rossen, l’opera ha avuto alla sua uscita un disc...

 

The Walk, il nuovo film di Robert Zemeckis con Joseph Gordon-Levitt

The Walk. Dopo tanti anni, forse troppi, dedicati al cinema d'animazione e al motion capture ("Polar Express", "La leggenda di Beowulf" e "A Christmas Carol"), Robert Zemeckis nel 2012 è tornato dietro la macchina da presa con "Flight": la pellicola verrà ricordata soprattutto per la superlativa drammatica interpretazione del protagon...

 

Silence, il nuovo film storico di Martin Scorsese con Liam Neeson e Andrew Garfield

Silence è un film storico diretto da Martin Scorsese, scritto da Jay Cocks (“Gangs of New York”), e interpretato da Liam Neeson (“La preda perfetta”), Andrew Garfield (“The Social Network”), Issei Ogata (“Il sole”) e Adam Driver (Coppa Volpi come “miglior attore” alla 71a Mostra del...

 

Leonardo DiCaprio è H.H. Holmes, il primo folle serial killer della storia americana: dirige Martin Scorsese

Leonardo DiCaprio nuovo film diretto da Martin Scorsese. Nuova collaborazione che conferma il sodalizio artistico tra Martin Scorsese e Leonardo DiCaprio: rispettivamente, regista e protagonista di The Devil in the White City, film in uscita 2017, tratto dal bestseller di Erik Larson - The Devil in the White City: Murder, Magic and Madness at ...

 

The Taking, Bryan Singer produce un horror a basso costo e ad alta tensione

The Taking horror di Adam Robitel. Negli ultimi anni il mockumentary è diventato un vero e proprio genere cinematografico, che spesso e volentieri va a braccetto con i film horror: si tratta di un falso documentario, girato con le telecamere per riprendere eventi di finzione come se fossero reali. Quale migliore tentazione per aumentare la c...

 

Adam Driver, film in arrivo aspettando Star Wars: Hungry Hearts di Saverio Costanzo

Adam Driver in Star Wars - Ha fatto parte del cast in J. Edgar di Clint Eastwood, Lincoln di Spielberg, A proposito di Davis dei fratelli Coen e, recentemente, in Tracks- Attraverso il deserto di John Curran. Ora, l'attore californiano cresciuto in Indiana, arruolatosi giovanissimo nei Marines in seguito all'attentato dell'11 settembre 2001, avr&ag...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1