X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

11/01/2017 07:30
Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

"Allied - Un'ombra nascosta" è il film che mescola noir e romanticismo diretto da Robert Zemeckis: Brad Pitt e Marion Cotillard sono i protagonisti.

Allied - Un'ombra nascosta (“Allied”) è il film thriller di Robert Zemeckis, con Brad Pitt e Marion Cotillard.

La capacità visionaria di Robert Zemeckis appare già nella scena iniziale di “Allied”, con l’uomo paracadutato a terra, tra la sabbia che lo circonda, e schiacciato dall’inquadratura dall’alto.

Max Vatan è quindi votato alla prostrazione, che poi diventa sentimentale. E il gusto da cinema retrò è presente nei dialoghi, quando Max è in auto con la compagna Marianne Beauséjour (Cotillard), dovendo far guidare il protagonista e avendo anche l’esigenza di spiegare la trama e gli antefatti.

Dai tre quarti la storia diventa dialogata in maniera eccessiva, tra bevute di caffè e aperitivi. Come se i fatti si delineassero solo tramite il cibo, escamotage peraltro presente nei film noir degli anni ’40, da “La fiamma del peccato” (1943) a “Casablanca” (1942). E il carattere ambiguo di Marianne compare già nelle frasi non dette, nel modo di guardare Max: solo quando si esercita con un fucile fa comprendere anche la sua carica guerriera, che presagisce altri tradimenti.

Da qui si passa al matrimonio, alla nascita della figlia, come una famiglia normale, seppure in un contesto di spie: in una scena i due estraggono da sotto un tavolo dei fucili e mitragliano contro gli avversari.

La storia di una coppia i cui partner devono assassinarsi a vicenda può essere intrigante, ma è complicata da svolgere senza una trama adeguata. E la sceneggiatura di Steven Knight (“Piccoli affari sporchi”, “La promessa dell’assassino”) non si sviluppa per linee divergenti, ma solo convergenti verso i due protagonisti. Non ci sono atteggiamenti che i due eseguono fuori del loro ménage, neanche una liaison con la figlia Anna neonata, oppure una divergenza di prospettive. O si amano, o s’insospettiscono a vicenda.

Knight ha evinto la trama del film ascoltando la vicenda di due spie della Seconda Guerra Mondiale sotto copertura che si sono innamorate, per poi essere messe mortalmente una contro l’altra quando le loro vere identità si sono scoperte. E pareva un’ambientazione ideale per Zemeckis, che da “The Walk” (2015) a “Cast Away" (2000) si trova ad agio nelle unità di luogo, siano esse una corda di un funambolo o un’isola, oppure l’ambientazione di Casablanca in cui si svolge il film. Uno degli snodi su cui si basa il film è infatti la Intimate Betrayal Rule, ossia la regola per cui se due agenti si sposavano e uno di loro scopriva che il partner divulgava segreti alla parte nemica, era necessario giustiziare il partner, se non si voleva essere condannati con l’impiccagione per alto tradimento. Una regola simile poteva dare adito a ben altre scelte, che non amplessi dentro un’auto sferzata dalla sabbia.

Come accade nel recente cinema di Hollywood, sono la scenografia, la fotografia, gli effetti speciali a motivare la visione del film, che lo fanno svettare rispetto alla concorrenziale visione di serie tv on demand, le quali certamente non costano 85 milioni di dollari come “Allied”. Anche per “IL GGG - Il grande gigante gentile” di Steven Spielberg è l’aspetto immaginifico che deve condurre lo spettatore al cinema, più che quello narrativo. E su questo versante in “Allied” la fotografia di Don Burgess, la scenografia di Gary Freeman e gli effetti VFX di Kevin Baillie riescono in ciò per cui in “Casablanca” bastava il borsalino di Humphrey Bogart.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1