X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

11/01/2017 07:30
Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

"Allied - Un'ombra nascosta" è il film che mescola noir e romanticismo diretto da Robert Zemeckis: Brad Pitt e Marion Cotillard sono i protagonisti.

Allied - Un'ombra nascosta (“Allied”) è il film thriller di Robert Zemeckis, con Brad Pitt e Marion Cotillard.

La capacità visionaria di Robert Zemeckis appare già nella scena iniziale di “Allied”, con l’uomo paracadutato a terra, tra la sabbia che lo circonda, e schiacciato dall’inquadratura dall’alto.

Max Vatan è quindi votato alla prostrazione, che poi diventa sentimentale. E il gusto da cinema retrò è presente nei dialoghi, quando Max è in auto con la compagna Marianne Beauséjour (Cotillard), dovendo far guidare il protagonista e avendo anche l’esigenza di spiegare la trama e gli antefatti.

Dai tre quarti la storia diventa dialogata in maniera eccessiva, tra bevute di caffè e aperitivi. Come se i fatti si delineassero solo tramite il cibo, escamotage peraltro presente nei film noir degli anni ’40, da “La fiamma del peccato” (1943) a “Casablanca” (1942). E il carattere ambiguo di Marianne compare già nelle frasi non dette, nel modo di guardare Max: solo quando si esercita con un fucile fa comprendere anche la sua carica guerriera, che presagisce altri tradimenti.

Da qui si passa al matrimonio, alla nascita della figlia, come una famiglia normale, seppure in un contesto di spie: in una scena i due estraggono da sotto un tavolo dei fucili e mitragliano contro gli avversari.

La storia di una coppia i cui partner devono assassinarsi a vicenda può essere intrigante, ma è complicata da svolgere senza una trama adeguata. E la sceneggiatura di Steven Knight (“Piccoli affari sporchi”, “La promessa dell’assassino”) non si sviluppa per linee divergenti, ma solo convergenti verso i due protagonisti. Non ci sono atteggiamenti che i due eseguono fuori del loro ménage, neanche una liaison con la figlia Anna neonata, oppure una divergenza di prospettive. O si amano, o s’insospettiscono a vicenda.

Knight ha evinto la trama del film ascoltando la vicenda di due spie della Seconda Guerra Mondiale sotto copertura che si sono innamorate, per poi essere messe mortalmente una contro l’altra quando le loro vere identità si sono scoperte. E pareva un’ambientazione ideale per Zemeckis, che da “The Walk” (2015) a “Cast Away" (2000) si trova ad agio nelle unità di luogo, siano esse una corda di un funambolo o un’isola, oppure l’ambientazione di Casablanca in cui si svolge il film. Uno degli snodi su cui si basa il film è infatti la Intimate Betrayal Rule, ossia la regola per cui se due agenti si sposavano e uno di loro scopriva che il partner divulgava segreti alla parte nemica, era necessario giustiziare il partner, se non si voleva essere condannati con l’impiccagione per alto tradimento. Una regola simile poteva dare adito a ben altre scelte, che non amplessi dentro un’auto sferzata dalla sabbia.

Come accade nel recente cinema di Hollywood, sono la scenografia, la fotografia, gli effetti speciali a motivare la visione del film, che lo fanno svettare rispetto alla concorrenziale visione di serie tv on demand, le quali certamente non costano 85 milioni di dollari come “Allied”. Anche per “IL GGG - Il grande gigante gentile” di Steven Spielberg è l’aspetto immaginifico che deve condurre lo spettatore al cinema, più che quello narrativo. E su questo versante in “Allied” la fotografia di Don Burgess, la scenografia di Gary Freeman e gli effetti VFX di Kevin Baillie riescono in ciò per cui in “Casablanca” bastava il borsalino di Humphrey Bogart.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1