X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

11/01/2017 07:30
Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

"Allied - Un'ombra nascosta" è il film che mescola noir e romanticismo diretto da Robert Zemeckis: Brad Pitt e Marion Cotillard sono i protagonisti.

Allied - Un'ombra nascosta (“Allied”) è il film thriller di Robert Zemeckis, con Brad Pitt e Marion Cotillard.

La capacità visionaria di Robert Zemeckis appare già nella scena iniziale di “Allied”, con l’uomo paracadutato a terra, tra la sabbia che lo circonda, e schiacciato dall’inquadratura dall’alto.

Max Vatan è quindi votato alla prostrazione, che poi diventa sentimentale. E il gusto da cinema retrò è presente nei dialoghi, quando Max è in auto con la compagna Marianne Beauséjour (Cotillard), dovendo far guidare il protagonista e avendo anche l’esigenza di spiegare la trama e gli antefatti.

Dai tre quarti la storia diventa dialogata in maniera eccessiva, tra bevute di caffè e aperitivi. Come se i fatti si delineassero solo tramite il cibo, escamotage peraltro presente nei film noir degli anni ’40, da “La fiamma del peccato” (1943) a “Casablanca” (1942). E il carattere ambiguo di Marianne compare già nelle frasi non dette, nel modo di guardare Max: solo quando si esercita con un fucile fa comprendere anche la sua carica guerriera, che presagisce altri tradimenti.

Da qui si passa al matrimonio, alla nascita della figlia, come una famiglia normale, seppure in un contesto di spie: in una scena i due estraggono da sotto un tavolo dei fucili e mitragliano contro gli avversari.

La storia di una coppia i cui partner devono assassinarsi a vicenda può essere intrigante, ma è complicata da svolgere senza una trama adeguata. E la sceneggiatura di Steven Knight (“Piccoli affari sporchi”, “La promessa dell’assassino”) non si sviluppa per linee divergenti, ma solo convergenti verso i due protagonisti. Non ci sono atteggiamenti che i due eseguono fuori del loro ménage, neanche una liaison con la figlia Anna neonata, oppure una divergenza di prospettive. O si amano, o s’insospettiscono a vicenda.

Knight ha evinto la trama del film ascoltando la vicenda di due spie della Seconda Guerra Mondiale sotto copertura che si sono innamorate, per poi essere messe mortalmente una contro l’altra quando le loro vere identità si sono scoperte. E pareva un’ambientazione ideale per Zemeckis, che da “The Walk” (2015) a “Cast Away" (2000) si trova ad agio nelle unità di luogo, siano esse una corda di un funambolo o un’isola, oppure l’ambientazione di Casablanca in cui si svolge il film. Uno degli snodi su cui si basa il film è infatti la Intimate Betrayal Rule, ossia la regola per cui se due agenti si sposavano e uno di loro scopriva che il partner divulgava segreti alla parte nemica, era necessario giustiziare il partner, se non si voleva essere condannati con l’impiccagione per alto tradimento. Una regola simile poteva dare adito a ben altre scelte, che non amplessi dentro un’auto sferzata dalla sabbia.

Come accade nel recente cinema di Hollywood, sono la scenografia, la fotografia, gli effetti speciali a motivare la visione del film, che lo fanno svettare rispetto alla concorrenziale visione di serie tv on demand, le quali certamente non costano 85 milioni di dollari come “Allied”. Anche per “IL GGG - Il grande gigante gentile” di Steven Spielberg è l’aspetto immaginifico che deve condurre lo spettatore al cinema, più che quello narrativo. E su questo versante in “Allied” la fotografia di Don Burgess, la scenografia di Gary Freeman e gli effetti VFX di Kevin Baillie riescono in ciò per cui in “Casablanca” bastava il borsalino di Humphrey Bogart.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Funne - le ragazze che sognavano il mare: intervista alla regista del film Katia Bernardi

Funne - le ragazze che sognavano il mare è il film documentario di Katia Bernardi in questi giorni nelle sale. La storia segue dodici ottantenni che abitano in un paese di montagna delle Dolomiti e che non hanno mai visto il mare. Così in occasione del ventennale di un circolo di pensionati si decide di avviare una raccolta fondi per ...

 

Logan, immagini feroci nel nuovo trailer del film

Un nuovo trailer del film “Logan” è stato pubblicato: su YouTube la clip ha raggiunto 108.675 visualizzazioni in poche ore, su Facebook 248 mila. Nelle immagini vediamo la piccola Laura Kinney / X-23 (Dafne Keen) mentre sgranocchia delle patatine in un supermercato ed è fermata da un commesso: lei con una mossa da judo lo...

 

Recensione del film Qua la zampa!

Qua la zampa! (“A Dog's Purpose”) è il film di Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson e K.J. Apa. Nel 1962 Ethan Montgomery (Bryce Gheisar) e sua madre (Juliet Rylance) salvano un cucciolo di Golden Retriever ferito e abbandonato. Il cucciolo viene adottato, e il diversivo che porta nella casa è quello di ...

 

Carlo Verdone, il nuovo film sarà una tragicommedia sulla convivenza

Carlo Verdone ha annunciato con queste parole il suo prossimo progetto: “Il mio nuovo film sarà corale ed esplorerà le fragilità e le debolezze della convivenza ai nostri tempi”. La dichiarazione risale allo scorso giugno, ed è stata rilasciata dall’attore e regista romano in vista di “Alberto il ...

 

Recensione del film Arrival

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti). Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), f...

 

Raw, nuove immagini del film horror sul cannibalismo

Nuove immagini di “Raw” sono state diffuse, il film horror di Julia Ducournau. Nelle immagini la protagonista Justine (Garance Marillier) entra nella nuova scuola, poi lei viene immessa in un rito in cui deve mangiare carne. In altre scene assaggia con voracità della carne cruda presa dal frigorifero, infine è a letto con...

 

The Founder, 'non si diventa un milionario essendo un boy scout': intervista all'attore del film David de Vries

The Founder è il film di John Lee Hancock, con un cast composto da Michael Keaton, Nick Offerman, John Carroll Lynch, Laura Dern e David de Vries. La trama è quella di Ray Kroc, venditore dell’Illinois che incontra Mac e Dick McDonald. I due avevano avviato un’attività di vendita di hamburger nella California del S...

 

Film più visti della settimana in USA: 'Il diritto di contare' resta primo seguito da 'La La Land'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 gennaio 2017 vede al primo posto “Hidden Figures” (“Il diritto di contare”) della 20th Century Fox: la storia è quella della matematica afroamericana Katherine Johnson che con le colleghe coadiuva la NASA nella corsa allo spazio. L’incasso to...

 

Logan, con Hugh Jackman il terzo film spin-off su Wolverine

Lo spin-off. “Logan” è un film cinecomic diretto da James Mangold (“Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line”, “Quel treno per Yuma”) e interpretato principalmente da Hugh Jackman (“Prisoners”) e Patrick Stewart (presente in alcuni film di “Star Trek” e degli ...

 

Logan, nuove immagini del film cine comic

Il regista James Mangold ha pubblicato sul suo profilo Twitter tre nuove foto del film “Logan”. Si tratta del personaggio di Logan / Wolverine (Hugh Jackman), di Charles Xavier / Professor X (Patrick Stewart) e Laura Kinney / X-23 (la giovane Dafne Keen). Il film è ambientato nel futuro, quando uno stanco Wolverine e il Profess...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni