X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

11/01/2017 07:30
Recensione del film Allied - Un'ombra nascosta

"Allied - Un'ombra nascosta" è il film che mescola noir e romanticismo diretto da Robert Zemeckis: Brad Pitt e Marion Cotillard sono i protagonisti.

Allied - Un'ombra nascosta (“Allied”) è il film thriller di Robert Zemeckis, con Brad Pitt e Marion Cotillard.

La capacità visionaria di Robert Zemeckis appare già nella scena iniziale di “Allied”, con l’uomo paracadutato a terra, tra la sabbia che lo circonda, e schiacciato dall’inquadratura dall’alto.

Max Vatan è quindi votato alla prostrazione, che poi diventa sentimentale. E il gusto da cinema retrò è presente nei dialoghi, quando Max è in auto con la compagna Marianne Beauséjour (Cotillard), dovendo far guidare il protagonista e avendo anche l’esigenza di spiegare la trama e gli antefatti.

Dai tre quarti la storia diventa dialogata in maniera eccessiva, tra bevute di caffè e aperitivi. Come se i fatti si delineassero solo tramite il cibo, escamotage peraltro presente nei film noir degli anni ’40, da “La fiamma del peccato” (1943) a “Casablanca” (1942). E il carattere ambiguo di Marianne compare già nelle frasi non dette, nel modo di guardare Max: solo quando si esercita con un fucile fa comprendere anche la sua carica guerriera, che presagisce altri tradimenti.

Da qui si passa al matrimonio, alla nascita della figlia, come una famiglia normale, seppure in un contesto di spie: in una scena i due estraggono da sotto un tavolo dei fucili e mitragliano contro gli avversari.

La storia di una coppia i cui partner devono assassinarsi a vicenda può essere intrigante, ma è complicata da svolgere senza una trama adeguata. E la sceneggiatura di Steven Knight (“Piccoli affari sporchi”, “La promessa dell’assassino”) non si sviluppa per linee divergenti, ma solo convergenti verso i due protagonisti. Non ci sono atteggiamenti che i due eseguono fuori del loro ménage, neanche una liaison con la figlia Anna neonata, oppure una divergenza di prospettive. O si amano, o s’insospettiscono a vicenda.

Knight ha evinto la trama del film ascoltando la vicenda di due spie della Seconda Guerra Mondiale sotto copertura che si sono innamorate, per poi essere messe mortalmente una contro l’altra quando le loro vere identità si sono scoperte. E pareva un’ambientazione ideale per Zemeckis, che da “The Walk” (2015) a “Cast Away" (2000) si trova ad agio nelle unità di luogo, siano esse una corda di un funambolo o un’isola, oppure l’ambientazione di Casablanca in cui si svolge il film. Uno degli snodi su cui si basa il film è infatti la Intimate Betrayal Rule, ossia la regola per cui se due agenti si sposavano e uno di loro scopriva che il partner divulgava segreti alla parte nemica, era necessario giustiziare il partner, se non si voleva essere condannati con l’impiccagione per alto tradimento. Una regola simile poteva dare adito a ben altre scelte, che non amplessi dentro un’auto sferzata dalla sabbia.

Come accade nel recente cinema di Hollywood, sono la scenografia, la fotografia, gli effetti speciali a motivare la visione del film, che lo fanno svettare rispetto alla concorrenziale visione di serie tv on demand, le quali certamente non costano 85 milioni di dollari come “Allied”. Anche per “IL GGG - Il grande gigante gentile” di Steven Spielberg è l’aspetto immaginifico che deve condurre lo spettatore al cinema, più che quello narrativo. E su questo versante in “Allied” la fotografia di Don Burgess, la scenografia di Gary Freeman e gli effetti VFX di Kevin Baillie riescono in ciò per cui in “Casablanca” bastava il borsalino di Humphrey Bogart.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 

Un tirchio quasi perfetto, il film commedia sull'avarizia di Fred Cavayé

Un tirchio quasi perfetto è il film nelle sale diretto da Fred Cavayé, con Dany Boon, Laurence Arné e Noémie Schmidt. La storia è quella di François Gautier, che fa dell’avidità un’esigenza. Non spende mai più del necessario, ma quando incontra una donna la situazione muta. Inoltr...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni