X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Recensione del film Collateral Beauty

05/01/2017 07:30
Recensione del film Collateral Beauty

"Collateral Beauty" è il film drammatico diretto da David Frankel: Will Smith è il protagonista, su sceneggiatura di Allan Loeb.

Collateral Beauty è il film drammatico di David Frankel, con un cast composto da Will Smith, Edward Norton, Keira Knightley, Naomie Harris, Kate Winslet e Helen Mirren.

Howard (Smih) fa il pubblicitario. In un incidente muore la figlia: tra disturbi borderline e vita appartata, Howard per trovare sollievo scrive lettere all’amore, al tempo e alla morte. Ma da essi comincia a ricevere risposte inaspettate, e li vede anche come materializzazione.

Far interagire il soprannaturale con la realtà è un'impresa ardua tentata con “Kate e Leopold” (2001), in cui un gentiluomo dell’ottocento giunge nell’epoca attuale; oppure “Il curioso caso di Benjamin Button” (2008) in cui all’improvviso si retrocede negli anni invece che crescere. Ma se negli altri film il tutto si risolveva in maniera ironica e fantastica, qui in “Collatera Beauty” l’aspetto esistenzialista preme contro l’irrealtà appesantendo la storia, non divenendo comedy-fantasy come nel film del 2001, bensì dramma.

In “Collatera Beauty” il protagonista viene soverchiato da colleghi, i quali assumono tre attori che fingano di essere le tre entità cui Howard scrive, cosicché lui interagisca con loro e - filmando i colloqui - si dimostri la sua incapacità di cognizione e possano assumere il controllo dell’azienda.

Il cerebralismo del film prende il sopravvento così sui personaggi, e Howard pare vittima di un complotto assurdo ed irreale. Spiace che il film abbia preso una piega erroneamente pirandelliana, come quella dell’”Enrico IV” (1921) in cui il il protagonista si crede un re e coloro che gli sono accanto lo assecondano. Oppure “Ditegli sempre di sì” (1927) di Edoardo De Filippo, in cui il personaggio uscito dal manicomio crede a tutto ciò che gli viene detto.

Già in un film come “The Truman Show” (1998) era presente questa dinamica surreale, ma portata ai suoi elementi fondamentali, ovvero l’ansia di gigantismo del demiurgo Christof, cui poi Truman Burbank si ribella.

In “Collatera Beauty” buona è l’interpretazione di Will Smith, che persegue la sua linea di film ad impatto esistenzialista, dopo “Sette anime” (2008) e “Focus - Niente è come sembra” (2015). Anche il regista trova difficoltà a gestire questa narrazione raggelata dagli incessanti dialoghi, abituato com’era a dirigere una materia palpante quale quella di “Io & Marley” (2008).

In “Collateral Beauty” emerge un gioco cinico senza appiglio, che reitera le ansie del protagonista e la vacuità del pretesto iniziale. Ma per comprendere il film occorre anche raccontare la storia dello sceneggiatore, Allan Loeb ovvero uno degli autori recentemente più pagati ad Hollywood, anche se pochi dei suoi copioni sono divenuti film. Nel 1997 vendette uno pitch alla Dreamwork, “The Second Time Around”, pagato una cifra a sei zeri e mai realizzato: vendette “The 7th Game” alla Revolution Studios, poi “The Only Living Boy in New York” alla Fox. Nessuno di essi fu portato al cinema, solo “Noi due sconosciuti” (2007), cui seguì “Wall Street - Il denaro non dorme mai” (2010), “Il dilemma” (2011) e “Rock of Ages” (2012). È uno degli scrittori i cui script - 60 circa - sono più veicolati nella storia recente di Hollywood.

Stavolta Loeb ha concepito il film ”su un germe iniziale - ha detto lui stesso - Ovvero un uomo che scrive lettere ad entità astratte come il tempo, l’amore e la morte e sul perché lo facesse, mentre lavoravo ad altri progetti”.

Più spazio a quel germe con la fantasia e meno con la geometria avrebbe giovato al film.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Will Smith, David Frankel, Allan Loeb
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Collateral Beauty, il nuovo film di Will Smith si preannuncia un grande dramma esistenziale

Alla domanda su come si possa descrivere “Collateral Beauty”, nuovo film con protagonista Will Smith, il regista David Frankel (“Il diavolo veste Prada”, “Io & Marley”), ha dichiarato che si tratta di un “dramma screwball”, un chiaro rimando alla “screwball comedy”, ovvero quel genere ...

 

Suicide Squad: recensione del film dove i cattivi sono lasciati allo sbando di una povera trama

Suicide Squad si apre con la presentazione di alcuni dei personaggi chiave intorno a cui il film tesse le sue fila, che danno inizio alla trama del cinecomic. Deadshot (Will Smith) è rinchiuso in una cella di una prigione di massima sicurezza, stessa sorte tocca ad Harley Quinn (Margot Robbie), entrambi super cattivi consegnati alla giustiz...

 

Zona d'ombra: recensione del film connubio tra scienza e religione vs football americano

Zona d’ombra è il titolo dell’opera seconda che vede alla regia Peter Landesman, anche autore della sceneggiatura, tratta dall’articolo Game Brain pubblicato su GQ. Dirigendo un imponente Will Smith chiamato ad interpretare il dottor Bennet Omalu, il regista si dimostra capace di offrire un'intensa narrazione, equilibrata c...

 

Whiskey Tango Foxtrot: il nuovo film commedia con Tina Fey e Margot Robbie

Il film “Whiskey Tango Foxtrot” narrerà la vera storia della giornalista Kim Barker, la quale nel 2002 ha raccontato, nel libro scritto da lei “The Taliban Shuffle”, la sua esperienza diretta con la guerra nelle zone dell'Afghanistan e del Pakistan. La giornalista però nel suo viaggio non sarà sola ma in...

 

Suicide Squad: Margot Robbie è il personaggio di Harley Quinn nel film tratto dal fumetto Dc Comics

Suicide Squad. Il mondo dei fumetti si prepara a regalarci un'altra chicca imperdibile. Tra i tantissimi titoli che la Marvel ha in programma e che vedono protagonisti i supereroi, la Dc Entertainment, casa di produzione cinematografica affiliata al colosso del mondo a fumetti Dc Comics, ha pensato bene di riservare uno spazio anche ai supercattivi...

 

Will Smith e Jada Pinkett, divorzio in vista dopo 17 anni? L'attore impegnato sul set di Suicide Squad

Will Smith e Jada Pinkett divorzio. Dopo 17 anni di matrimonio e due figli, Will Smith e Jada Pinkett starebbero per diventare ex coniugi. Non è la prima volta che ricorrono voci su (presunte) crisi di coppia. Anche questa volta i rumors sono discordanti. Da una parte, infatti, secondo RadarOnline, i due attori starebbero disponendo il neces...

 

Annie - La felicità è contagiosa, da Broadway un divertente musical per famiglie

Annie - La felicità è contagiosa è un musical diretto da Will Gluck (Amici di letto) e prodotto da Jay-Z e Will Smith. La pellicola è un adattamento dei fumetti Little Orphan Annie di Harold Gray, che già avuto una trasposizione cinematografica nel 1982 per la direzione di John Huston, ma che è famoso al gr...

 

Independence Day Resurgence, Jeff Goldblum promette un sequel oltre le aspettative

Independence Day 2. Il sequel ha un finalmente un titolo: Independence Day Resurgence. Lo ha rivelato il regista Roland Emmerich dal set di Albuquerque, nel New Mexico. Independence Day. Il primo film esce nel 1996. Campione di incasso al botteghino, lancerà la carriera dell'allora sconosciuto Will Smith, tra i protagonisti insieme a Jeff G...

 

Concussion, prodotto da Ridley Scott il nuovo film con Will Smith in uscita a Natale

Concussion è un film scritto e diretto da Peter Landesman (“Parkland”), prodotto da Ridley Scott e interpretato principalmente da Will Smith, Alec Baldwin (“Caccia a ottobre rosso”, “Blue Jasmine”) e Albert Brooks (“Dentro la notizia”, “Drive”). Distribuita dalla Sony Pictures, l&rs...

 

The Visit, M. Night Shyamalan torna alle atmosfere thriller de Il sesto senso

The Visit thriller di M. Night Shyamalan. Avere successo è difficile, confermarlo però lo è ancora di più: ne sa qualcosa il regista indiano M. Night Shyamalan, che dopo l'epocale exploit nell'ormai lontano 1999 de"Il sesto senso", non ha più eguagliato quelle vette, sia agli occhi del pubblico che della crit...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni