X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Humans, la serie fantascientifica tra parodia della vita e singolarità

04/01/2017 07:00
Humans la serie fantascientifica tra parodia della vita singolarità

Dopo "Westworld" la tematica della coscienza artificiale trova nuovi sviluppi in "Humans". La seconda stagione della fiction debutta sull'emittente statunitense AMC il 13 febbraio 2017.

Sulla scia del successo ottenuto da "Westworld", la fiction fantascientifica "Humans" torna a rappresentare la tematica degli androidi e della coscienza artificiale. La seconda stagione della serie britannica debutta negli Stati Uniti sull'emittente televisiva AMC il 13 febbraio 2017.

La prima stagione, disponibile sulla piattaforma streaming TIMvision dal 4 maggio 2016, propone al pubblico un intenso racconto della capacità sviluppata da alcuni assistenti robotici, denominati synth, di elaborare propri ragionamenti e provare delle vere sensazioni fino a sfuggire al controllo degli esseri umani.

Le analogie tra "Westworld" e "Humans" interessano alcuni significativi aspetti della trama. Entrambe le serie televisive costruiscono figure di androidi perfettamente somiglianti a uomini e donne. L'estensione del racconto offerto da "Westworld" supera maggiormente la realtà grazie alla costruzione di un ambiente ai limiti del fantastico, ovvero il parco dove risiedono e agiscono gli androidi e nel quale trovano spazio le linee narrative definite per ogni personaggio. In "Humans" il contesto spazio-temporale è più realistico, la fiction raffigura un mondo in cui il progresso tecnologico è estremamente avanzato ma la manifestazione di esso tramite l'assistenza robotica dei synth è ricondotta in una determinata realtà sociale, la famiglia.

Nel primo episodio della produzione britannica, Joe Hawkins acquista all'oscuro della moglie Laura un androide con le sembianze di un'affascinante ragazza. L'intento dell'uomo è presentato come ricerca di un miglioramento della condizione familiare, alterata da tensioni e dinamiche reali come il conflitto tra figli e genitori e la degenerazione del rapporto coniugale. Il synth è chiamato Anita e si inserisce all'interno del contesto casalingo prestando assistenza nella faccende domestiche. 

Fin dalle scene iniziali, la serie fantascientifica rivela una duplice visione degli androidi: Joe e i suoi figli rivolgono ad Anita dei comandi accentuando la sensazione del "possesso" del robot, Laura assume invece un atteggiamento diffidente nei confronti del synth evocando un inconscio "timore" di esso. 

Proprio come accade in "Westworld", anche la trama di "Humans" è movimentata da alcuni androidi che acquisiscono la capacità di mentire, provare sensazioni, fuggire e nascondersi dagli essere umani che li hanno creati. Inoltre, anche nella fiction britannica è citato un personaggio che ha avuto l'intenzione di sviluppare la coscienza artificiale, David Elster. Quest'ultimo è citato dal professor Edwin Hobb, il quale riassume il suo obiettivo nel "creare la vita meccanica".

Tra i synth modificati e in grado di pensare e provare emozioni c'è anche Anita, rapita cinque settimane prima da alcuni misteriosi uomini e successivamente acquistata da Joe. Il professor Hobb spiega che questi androidi sono "una parodia della vita", pertanto pericolosi per gli esseri umani. Lo stesso personaggio cita il matematico John von Neumann e il concetto di singolarità, coniato negli anni Cinquanta per descrivere "quell'inevitabile momento nel futuro in cui la tecnologia ci avrebbe superati".

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Serie TV correlate
Westworld

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Feed the Beast, recensione del primo episodio della serie tv

Abbiamo guardato il primo episodio di "Feed the Beast", basata sulla serie televisiva danese "Bankerot". La fiction sviluppata da Clyde Phillips alterna il fascino del mondo della cucina a dinamiche narrative tipicamente crime. L'ambito culinario è comparso in più occasioni nella serialità italiana, spesso unito ai toni della ...

 

Shades of Blue, l'atmosfera del crime drama negli episodi della prima stagione della serie tv

La prima stagione della serie televisiva "Shades of Blue" è disponibile sulla piattaforma streaming Infinity dal 18 gennaio 2017. La trama è incentrata sulla figura di Harlee Santos, madre single e detective. La sua squadra è guidata dal tenente Matt Wozniak, il quale la guida in azioni al di fuori della legalità. ...

 

Killing Reagan, recensione del film tv

Il film tv intitolato "Killing Reagan" racconta i momenti antecedenti e successivi all'attentato a Ronald Reagan, avvenuto a Washington il 30 marzo 1981. Basato sul libro "Killing Reagan: The Violent Assault That Changed a Presidency" di Bill O'Reilly, offre un'attenta rappresentazione delle conseguenze scaturite dal tentato assassinio del quarant...

 

Una serie di sfortunati eventi, misteri e complotti negli episodi della prima stagione

La prima stagione di "Una serie di sfortunati eventi" (Titolo originale: "A Series Of Unfortunate Events") è disponibile sulla piattaforma streaming Netflix fal 13 gennaio 2017.  La trama della serie televisiva è basata sull'omonimo ciclo di romanzi di Lemony Snicket e segue le vicende dei tre orfani Baudelaire. Il tutore C...

 

Un passo dal cielo, intervista a Nathalie Rapti Gomez: 'i ruoli forti sono i miei preferiti'

La quarta stagione di "Un passo dal cielo" debutta su Rai 1 il 17 gennaio 2017.  Abbiamo intervistato l'attrice Nathalie Rapti Gomez, la quale partecipa alla seconda puntata e interpreta un ruolo da antagonista.  D: Che caratteristiche possiede il tuo personaggio? R: Il mio personaggio si chiama Pam. Fa parte di una banda di narcotraff...

 

Serie TV più viste negli USA: primo posto per la dramedy 'This Is Us'

"This Is Us" conquista la prima posizione della classifica settimanale delle serie televisive più viste negli Stati Uniti. L'undicesimo episodio della dramedy creata da Dan Fogelman, intitolato "The Right Thing to Do" e diretto da Timothy Busfield, ha registrato 10.48 milioni di spettatori.  Il secondo posto è occupato...

 

Le Bureau - sotto copertura, nella nuova serie tv la spia Mathieu Kassovitz infiamma la critica

Questa sera su Sky Atlantic andrà in onda la prima delle dieci puntate di "Le Bureau - sotto copertura", il nome con cui viene distribuita nel nostro paese la serie tv "Le Bureau des légendes" di Èric Rochant che nella madrepatria Francia dove va in onda su Canal+ è già alla terza stagione e sta riscuotendo notevo...

 

Notorious, la serie tv che racconta la commistione tra legge e mondo dello spettacolo

La serie televisiva "Notorious" debutta su FoxLife il 16 gennaio 2017.  Scritta e prodotta da Josh Berman, la fiction segue l'evoluzione del rapporto tra l'avvocato Jake Gregorian e Julia George, produttrice della trasmissione televisiva "Louise Herrick Live", raccontando la risultanza della commisione tra legge e mondo dello spettacolo. &nbs...

 

I bastardi di Pizzofalcone, la terza puntata tra oscuri e complessi intrighi

La terza puntata della fiction "I bastardi di Pizzofalcone" va in onda su Rai 1 il 16 gennaio 2017.  L'ispettore Giuseppe Lojacono e gli altri protagonisti sono impegnati a indagare su un nuovo caso. Una cameriera è rinvenuta cadavere in una cantina di un condominio di Pizzofalcone. Gli indizi lasciano presumere che a compiere il delit...

 

Kyle XY, recensione del primo episodio della serie tv

La serie televisiva "Kyle XY" propone un racconto che combina aspetti fantascientifici con inclinazioni propriamente teen drama. La trama è incentrata su un personaggio dall'identità misteriosa e dotato di strabilianti peculiarità. "La mia è una nascita fuori dal comune", la frase pronunciata dal protagonista inaugura l...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni