X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il GGG - Il grande gigante gentile: 'sul set Steven Spielberg è molto collaborativo', intervista all'attore John Emmet Tracy

02/01/2017 09:55
Il GGG - Il grande gigante gentile 'sul set Steven Spielberg molto collaborativo' intervista all'att

Mauxa ha intervistato John Emmet Tracy, attore del film "Il GGG - Il grande gigante gentile" di Steven Spielberg.

Il GGG - Il grande gigante gentile è il film di Steven Spielberg attualmente nelle sale. La storia racconta di Sophie che viene rapita dal gigante buono BFG, e che l’aiuta a sconfiggere gli altri giganti malvagi con l’aiuto della regina (leggi la recensione del film).

Mauxa ha intervistato l’attore del film John Emmet Tracy: John ha lavorato a produzioni teatrali, nonché alle serie “Olympus”, “Supernatural”, ”Smallville”, “The Killing”.

D. Hai lavorato nel film "Il GGG". Puoi raccontare il tuo ruolo?

John Emmet Tracy. Lavorare a “BFG” è stata un'esperienza fantastica. Ho interpretato il ruolo del primo Lacchè a Buckingham Palace. Ho passato nove giorni sul set. È stato entusiasmante collaborare con Steven Spielberg e avere l'opportunità di vederlo lavorare in prima persona con il suo team di produzione.

D. Steven Spielberg come lavora sul set?

J.E.T. Lavora molto a stretto contatto con i suoi attori ed è molto aperto agli input. Ha le idee chiare su come appariranno i vari momenti sulla pellicola. Detto questo, il cast principale si sentiva a suo agio, offrendo pensieri occasionali su idee alternative o modi per esemplificare un momento della recitazione. Non ho mai visto Spielberg rifiutare nessuno di questi consigli; infatti, era solito dire: "Bene, proviamo così". E questa generosità di collaborazione non era solo riservata ai suoi attori; lo stesso si potrebbe dire del suo rapporto di lavoro con il direttore della fotografia Janusz Kaminski, il suo primo assistente alla regia Adam Somner e uno qualsiasi degli altri membri del team.

D. Sul set, come è il rapporto di lavoro con gli altri attori, Mark Rylance, la giovane Ruby Barnhill?

J.E.T. Come Steven Spielberg, Mark Rylance lavora con creatività e generosità. In particolare, è stato fonte di ispirazione assistere al modo in cui sia Rylance che Spielberg collaborano con Ruby Barnhill, la giovane attrice che interpreta il ruolo principale di Sophie nel film. Entrambi la trattavano in maniera molto professionale, come farebbero con qualsiasi altro attore, trovando un equilibrio giocoso che le permetteva di divertirsi pur continuando a creare una prestazione eccellente.

D. C’è stata una situazione curiosa durante le riprese?

J.E.T. Un giorno ero in una scena con Penelope Wilton e Rebecca Hall, è capitato che era il compleanno di Penelope. C'era una torta di compleanno e un enorme coro di circa 200 troupe e il cast ha cantato “Habby Birthday”.

D. Tu sei anche un attore di teatro. Quale personaggio vorresti mettere in scena?

J.E.T. Ho interpretato ruoli in stili molto diversi, e in vari periodi di tempo. Ma il mio lavoro preferito per recite a teatro è di solito la scrittura classica, in particolare Shakespeare. C'è ancora tanta parte della sua drammaturgia che spero di esplorare ed eseguire. Inoltre, io sono un grande fan della Commedia dell'arte in Italia. Si tratta di una forma e di uno stile che amo, e ho preso in prestito da esso un bel po’ del mio lavoro. Non ho ancora avuto l'opportunità di esibirmi in un pezzo della Commedia dell'arte, ma non vedo l'ora di poterlo fare un giorno. D. Tu sei di Chicago. Cosa apprezzi di più della città?

J.E.T. Si tratta di una delle più grandi città del mondo, parte della mia famiglia vive lì. Offre così tanto nel settore dell'arte, della cultura, dell'architettura, dello sport, della musica. C’è da dire che il cibo è fantastico. Quando ho tempo vado all’Art Institute di Chicago, a vedere degli spettacoli allo Steppenwolf Theatre e allo Chicago Shakespeare Theatre. Le mie visite a Chicago non sono mai complete senza andare al Medici Restaurant per la pizza.

D. Qual è il tuo rapporto con l'Italia?

J.E.T. Quando ero un adolescente il film “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore ha avuto un grande impatto su di me. A mio avviso si tratta di un capolavoro assoluto, e potrei guardarlo all’infinito. Come molti amo i film “Ladri di biciclette”, “La dolce vita” e “Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli. Un altro film che mi ha particolarmente commosso era “Il Postino”, in particolare le prestazioni di Massimo Troisi, che ha anche scritto la sceneggiatura del film, e che purtroppo è morto appena dodici ore dopo aver completato il suo lavoro nel film.

Mi spiace dire che non ho ancora visitato l'Italia, ma mi auguro di farlo. Mi piacerebbe vedere i grandi anfiteatri romani superstiti, assistere uno spettacolo al Teatro alla Scala e sperimentare il Carnevale, sopratutto a Venezia. Mi piacerebbe anche avere la possibilità di lavorare un giorno in Italia. Anche se io non parlo italiano, mi sono esibito in italiano in televisione. Ho memorizzato le mie battute foneticamente e anche se sono sicuro di non aver ingannato eventuali italiani con il mio dialetto o la pronuncia, spero di aver convinto gli spettatori non italiani.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le Sens de la fête, il film commedia di successo in Francia

Le Sens de la fête è uno dei film che sta ottenendo maggiore successo in Francia. Diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache, ha nel cast Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve e Gilles Lellouche. Max è stato un ristoratore per trenta anni, organizzando centinaia di feste. Per l’evento che si svolge in un castello del XVII se...

 

L'uomo di neve, intervista a Silvia Busuioc: 'siamo stati fortunati ad essere diretti da Tomas Alfredson'

Abbiamo intervistato in esclusiva Silvia Busuioc, attrice di origine moldava impegnata in numerosi progetti cinematografici e televisivi. D: Sei nel cast del nuovo film di Tomas Alfredson "L'uomo di neve", come consideri questa esperienza?  R: È stato un grande onore lavorare accanto a due attori premio Oscar come ...

 

Recensione del film The Force, lo sguardo sui maltrattamenti della polizia apprezzato dalla critica

The Force è il film documentario di Peter Nicks, uscito in queste settimane negli Stati Uniti e apprezzato dalla critica. Ha vinto il premio come migliore opera al Sundance Film Festival. La Polizia di Oakland è famosa per la sua cattiva condotta e scandali, anche a causa delle tensioni razziali che favoriscono comportamenti desueti....

 

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin