X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Il GGG - Il grande gigante gentile

29/12/2016 07:30
Recensione del film Il GGG - Il grande gigante gentile

Steven Spielberg dirige "Il GGG - Il grande gigante gentile" tratto dal romanzo di Roald Dahl.

Il GGG - Il grande gigante gentile è il film di Steven Spielberg, con Mark Rylance, Ruby Barnhill e Penelope Wilton. La sceneggiatura è di Melissa Mathison (leggi l’intervista all’attore del film Jonathan Holmes).

Sophie è una bambina coraggiosa che di notte apre la finestra e urla contro i ragazzi che sono a gozzovigliare sulla strada. Non tutti i bambini agirebbero così: ma i bambini ritratti da Spielberg, da Elliot di “E.T. l’extra-terrestre" (1982) a Albert Narracott di “War Horse” (2011) hanno una tendenza ad essere scocciatori.

Il film “The BFG” è tratto dall’omonimo romanzo illustrato di Roald Dahl del 1982. Deve molto agli effetti speciali, come quando il gigante BFG scorrazza per le strade e cammina sopra il mare. Senza di essi il film perde un po’ del suo fascino e acquista più credibilità. Sophie non si dispera per essere stata rapita, se prima abitava in un orfanotrofio dove la direttrice punisce rinchiudendo i piccoli ospiti in una stanza piena di topi. Ora - con l’aiuto di BFG - deve impedire che i giganti cattivi eseguano un’altra strage di bambini, di cui si nutrono.

La capacità di gestire un mondo fantastico, con esseri giganti che dormono su una barca, sovrastata da una bambina che si sveglia e che poi fugge, può spettare solo a Spielberg. Rendere visivamente plausibile una scena di azione in cui un gigante alto più di sette metri afferra una bambina, effettuare con la macchina da presa una panoramica circolare per filmare l’arrivo di un altro gigante, far entrare tutto in un’inquadratura mentre la bambina si nasconde dietro una ciotola, è arduo. Ma Spielberg ci riesce.

Quello che fa il regista di Cincinnati è arricchire uno spettacolo stupefacente, che non può competere con le serie tv viste in streaming un episodio dopo l’altro, perché richiede una maestria che a quel tipo di narrazione non è necessario. Solo al cinema ci si può beare di questi effetti, e non nello schermo di uno smartphone. Per i primi 40 minuti siamo nella caverna di BFG, con marchingegni che si muovono, colori che esplodono in ampolle, gesti normali ma eseguiti da un gigante, con la maestria di chi sa destreggiarlo.

Per girare contemporaneamente elementi live-action e performance-capture il team ha pre-visualizzato il film prima di iniziare le riprese: le scene sono state ricreate in coreografia, memorizzate e filmate in digitale. Gli attori con le tute sono stati filmati sullo stesso set dei personaggi reali, con un set per i giganti di 15 metri, un altro per il BFG e l’ultimo fuori misura per far sembrare Sophie ancora più piccola. Lo scenografo Rick Carter ha allestito un set totale di 1000 metri quadrati, il direttore della fotografia Janusz Kaminski (“Il Ponte delle Spie”, “Salvate il Soldato Ryan”) ha integrato le luci delle varie riprese, dipingendo con i colori. Da qui il budget del film di 140 milioni di dollari.

In una scena BFG porta poi Sophie in un prato, dove un Fizzwizard dorato lo segue. Il Fizzwizard è un tipo di sogno particolare, e qui insieme a Spielberg ricreiamo il sogno di un mondo ulteriore possibile.

“I sogni sono così veloci?”; chiede Sophie; “fuori, ma dentro sono lenti” risponde BFG, che come lavoro amalgama sogni positivi da portare ai bambini. Questo alone di mistero è poi abbassato dall’ultima parte del film, in cui i due protagonisti vanno dalla regina d’Inghilterra per chiedere aiuto e sconfigge i giganti carnivori di bambini. Ma la scena in cui il BFG incontra la regina che si affaccia dalla camera da letto è una delle più straordinarie del cinema, fatta di turbamento di ciò che il cinema può restituire: e avviene proprio tra un povero gigante e la persona più importante per la monarchia. “Sono venuto con la piccola Sophie per darle assistenza”; “grazie, son sicura che l’avrò, ma non in pigiama”, risponde la regina.

Quando BFG mangia nel castello, i camerieri portano le vivande usando delle scale: la composizione e dell’immagine non ha nulla da invidiare alle raffigurazioni del pittore Pieter Bruegel. Cui segue anche l’ironia delle flatulenze bevendo il liquore di BFG.

Alla fine di questo 2016 in cui c’è stato l’avvento del video con demand, un film come “The BFG” è uno tra i pochi per cui valga la pena di spendere una banconota.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Steven Spielberg
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Minority Report, la serie tv guarda al futuro con dettagliata immaginazione

Abbiamo guardato in anteprima il primo episodio della serie televisiva intitolata "Minority Report", in onda su Fox dal 13 luglio 2016.  Sviluppata da Max Borenstein, rappresenta un adattamento e sequel dell’omonimo romanzo di Philip K. Dick nonché del celebre film del 2002 diretto da Steven Spielberg. La trama è amb...

 

Lo squalo: l'horror di Steven Spielberg che inaugurò le uscite dei film estivi

Lo squalo ("Jaws") è il film che uscì il 20 giugno 1975, diretto da Steven Spielberg e distribuito dalla Universal Pictures. Il film in Italia uscì il 27 dicembre: nel cast ci sono Roy Scheider, Robert Shaw, Richard Dreyfuss, Lorraine Gary e Murray Hamilton. La trama si snoda durante un beach party ad Amity Island: u...

 

Thank You for Your Service, il film drammatico con Haley Bennett e Miles Teller

Thank You for Your Service è un film drammatico sui traumi post-bellici tratto dal libro omonimo di David Finkel, sceneggiato e diretto da Jason Hall (attore e autore del copione di “American Sniper”) e interpretato da Haley Bennett e Miles Teller (protagonista di “Whiplash”). L’opera è prodotta dalla Dre...

 

Il ponte delle spie, Steven Spielberg dirige Tom Hanks in una storia vera da Guerra Fredda

Il ponte delle spie (Bridge of Spies) film diretto da Steven Spielberg, sceneggiato da Matt Charman e da Joel ed Ethan Coen. Il film è stato presentato al New York Film Festival il 4 ottobre 2015. Trama. Negli anni ’50 l’FBI arresta Rudolf Abel (Mark Rylance), agente sovietico che vive a New York, acuendo il clima di paranoia ...

 

Il gigante gentile - The BFG, il film maestoso e adolescenziale di Steven Spielberg nel primo trailer

Il film “Il gigante gentile" ("The BFG”) diretto da Steven Spielberg ha il primo trailer, pubblicato dalla Walt Disney sul canale ufficiale YouTube. Nelle immagini si scorge già la commistione di tematiche adolescenziali e maestose, tipiche delle narrazioni del regista di Cincinnati. Una bambina - Sophie - la sera legge una favol...

 

Harrison Ford, inossidabile Indiana Jones: parola di Steven Spielberg

Indiana Jones 5. Tra il pubblico, c'è chi auspica "un perfetto Chris Pratt", ma Steven Spielberg ribadisce che nessuno rimpiazzerà Harrison Ford nei panni del leggendario archeologo: “Certamente non è mia intenzione considerare un altro attore per il ruolo”, racconta Spielberg a Screen Daily. Diversamente dagli eroi...

 

Jennifer Lawrence sarà Lynsey Addario nel nuovo film di Steven Spielberg e viene intervistata da Vogue

It's What I Do è il titolo provvisorio del nuovo progetto cinematografico di Steven Spielberg. Il film sarà l'adattamento dell'omonimo romanzo autobiografico scritto dalla fotogfrafa di guerra Lynsey Addario, che molto probabilmente sarà interpretata da Jennifer Lawrence. La Addario ha vinto il premio Pulitzer e ha realizzato d...

 

L'evocazione 2: il film horror di James Wan con Vera Farmiga

L'evocazione 2. Quando nell'estate del 2013 uscì nei cinema americani l'horror "L'evocazione - The Conjuring", nessuno si sarebbe aspettato un successo al botteghino così travolgente: record di incassi nel primo weekend per un film di questo genere e un totale di oltre 300 milioni di dollari quando ne era poi costato appena 20. E...

 

Ritorno al futuro, al cinema il film di Robert Zemeckis prodotto da Steven Spielberg su un amore materno

Ritorno al futuro, il film di Robert Zemeckis interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd del 1985 sarà proiettato di nuovo nei cinema il 21 ottobre 2015. Si tratta della parte 1 e parte 2, quest’ultima distribuita nel 1989. Nel secondo episodio della saga, Doc e Marty sul display della macchina del tempo digitano come data pro...

 

Jennifer Lawrence sul set, da Hunger Games al biopic di Steven Spielberg

Jennifer Lawrence è attesa il 19 novembre in Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte 2, l'ultimo capitolo della saga tratta dai romanzi di Suzanne Collins ,che si preannuncia come il film più spettacolare del franchise. Set. Attualmente, l'attrice Premio Oscar è impegnata sul set di Passengers (2016), sci-fi descritto com...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni