X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Passengers

28/12/2016 07:30
Recensione del film Passengers

"Passengers" ha nell'argomento del viaggio e dell'incontro i suoi punti fondamentali, che però ne segnano anche la fragilità. I protagonisti sono Chris Pratt e Jennifer Lawrence

Passengers è il film sci-fi di Morten Tyldum, con un cast composto da Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen e Andy García.

La storia di fantascienza di Jim (Pratt) e Aurora (Lawrence) non può essere definita fluida. Le scene tendono a surclassare la trama, scritta nel 2007 dallo sceneggiatore Jon Spaihts e giunta nella blacklist delle più promettenti.

Quando vediamo flirtare i due protagonisti nell’astronave Avalon, sembrano sprovveduti al primo appuntamento, e la suspense non esisterebbe se non ci fosse l’antefatto dell’ibernazione: infatti Jim e Aurora sono stati sottoposti assieme ad altri umani ad un processo di crioconservazione, cosicché dovrebbero svegliarsi dopo 120 anni in un nuovo pianeta. L’obbiettivo dell’ingegnere Jim è contribuire ad iniziare una nuova civiltà nel lontano mondo, mentre quello della scrittrice Aurora è essere la prima persona nella storia a fare un viaggio di andata e ritorno.

Troppo geometrici sono i caratteri dei due personaggi, su cui si regge l’intero film. Come le scenografie di Guy Hendrix Dyas, per essere allettanti. Dyas ha già lavorato a “Inception”, “Steve Jobs” e ”Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo”. È lo spettacolo visivo a rischiarare lo schermo più della relazione tra Jim e Aurora.

Il genere sci-fi infatti dopo ”Mission to Mars” (2000) di Brian De Palma ha subito una evoluzione, segnata dal dubbio se anche in un ambiente futuribile possano essere provati atteggiamenti umani. In quel film la scena del membro dell’equipaggio Woody che fuori dalla navicella manca l'aggancio con un satellite e - pur di evitare che la moglie Terri si metta in pericolo per salvarlo - si toglie il casco della propria tuta e muore è un mirabile esempio di rapporti umani immersi nella galassia. L’amore vince anche fuori da una navicella, tanto che risuonano anche brani de “l’Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto, tanto sono universali i temi da raccontare. In “Avatar” (2009) di James Cameron questo processo trova un apice, con un Jake Sully ex-marine paralizzato che cerca una nuova vita. “Gravity” (2013) segna a sua volta un ritorno a temi umani, tanto che anche nel film di Alfonso Cuarón i protagonisti sono due, con la decisione di una morte per salare la vita altrui, tanto ce il comandante Matt Kowalsky si lascian andare alla deriva nello spazio per evitare la stessa sorte anche alla Dottoressa Ryan Stone. Scene nello spazio degne del migliore cinema d’azione.

In “Passengers” questo meccanismo di conoscenza umana prende avvio, ma poi si perde in problematiche ingegneristiche, come portelloni che si aprono risucchiando la protagonista, acqua che invade la piscina in cui lei fa il bagno. I due si svegliano 90 anni prima del previsto, a causa di un malfunzionamento al sistema delle loro capsule: la ricerca del guasto pare un escamotage troppo labile. E non è supportato da momenti d’azione paragonabili a quelli di “Gravity”.

L’idea iniziale poteva essere stuzzicante, scoprire che i propri obbiettivi per cui si è rinunciato alle comodità della vita sono incrinati, con la possibilità che si frantumino. E in questa situazione cedere all’imprevisto dell’amore, fino a lasciarsene trascinare. Era un assunto originale, che poi la sceneggiatura rende trito.

"Si tratta di personaggi che di fronte a situazioni estreme - ha affermato Morten Tyldum - devono fare scelte estreme”. Lo stesso regista ha forzato la credibilità in “Imitation Game” (2014), che però aveva un intreccio più solido, tra salvezza dei vite nella Seconda Guerra Mondiale e problemi personali del protagonista.

In “Passengers” Interessante è il ricorso a scelte retrò, come la Suite Vienna, su due livelli, con colori caldi. A ciò si unisce l’uso di effetti speciali visivi Erik Nordby, capaci di creare una soggezione che però non accontenta.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Star Wars, i libri che raccontano la saga a 40 anni dall'uscita del film

Guerre stellari (“Star Wars”) uscì il 25 maggio del 1977. In seguito fu intitolato “Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza”. Uno dei volumi più recenti che racconta la saga di George Lucas è “Star Wars: l'epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna” di Giorgio E. S. ...

 

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni