X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Passengers

28/12/2016 07:30
Recensione del film Passengers

"Passengers" ha nell'argomento del viaggio e dell'incontro i suoi punti fondamentali, che però ne segnano anche la fragilità. I protagonisti sono Chris Pratt e Jennifer Lawrence

Passengers è il film sci-fi di Morten Tyldum, con un cast composto da Chris Pratt, Jennifer Lawrence, Michael Sheen e Andy García.

La storia di fantascienza di Jim (Pratt) e Aurora (Lawrence) non può essere definita fluida. Le scene tendono a surclassare la trama, scritta nel 2007 dallo sceneggiatore Jon Spaihts e giunta nella blacklist delle più promettenti.

Quando vediamo flirtare i due protagonisti nell’astronave Avalon, sembrano sprovveduti al primo appuntamento, e la suspense non esisterebbe se non ci fosse l’antefatto dell’ibernazione: infatti Jim e Aurora sono stati sottoposti assieme ad altri umani ad un processo di crioconservazione, cosicché dovrebbero svegliarsi dopo 120 anni in un nuovo pianeta. L’obbiettivo dell’ingegnere Jim è contribuire ad iniziare una nuova civiltà nel lontano mondo, mentre quello della scrittrice Aurora è essere la prima persona nella storia a fare un viaggio di andata e ritorno.

Troppo geometrici sono i caratteri dei due personaggi, su cui si regge l’intero film. Come le scenografie di Guy Hendrix Dyas, per essere allettanti. Dyas ha già lavorato a “Inception”, “Steve Jobs” e ”Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo”. È lo spettacolo visivo a rischiarare lo schermo più della relazione tra Jim e Aurora.

Il genere sci-fi infatti dopo ”Mission to Mars” (2000) di Brian De Palma ha subito una evoluzione, segnata dal dubbio se anche in un ambiente futuribile possano essere provati atteggiamenti umani. In quel film la scena del membro dell’equipaggio Woody che fuori dalla navicella manca l'aggancio con un satellite e - pur di evitare che la moglie Terri si metta in pericolo per salvarlo - si toglie il casco della propria tuta e muore è un mirabile esempio di rapporti umani immersi nella galassia. L’amore vince anche fuori da una navicella, tanto che risuonano anche brani de “l’Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto, tanto sono universali i temi da raccontare. In “Avatar” (2009) di James Cameron questo processo trova un apice, con un Jake Sully ex-marine paralizzato che cerca una nuova vita. “Gravity” (2013) segna a sua volta un ritorno a temi umani, tanto che anche nel film di Alfonso Cuarón i protagonisti sono due, con la decisione di una morte per salare la vita altrui, tanto ce il comandante Matt Kowalsky si lascian andare alla deriva nello spazio per evitare la stessa sorte anche alla Dottoressa Ryan Stone. Scene nello spazio degne del migliore cinema d’azione.

In “Passengers” questo meccanismo di conoscenza umana prende avvio, ma poi si perde in problematiche ingegneristiche, come portelloni che si aprono risucchiando la protagonista, acqua che invade la piscina in cui lei fa il bagno. I due si svegliano 90 anni prima del previsto, a causa di un malfunzionamento al sistema delle loro capsule: la ricerca del guasto pare un escamotage troppo labile. E non è supportato da momenti d’azione paragonabili a quelli di “Gravity”.

L’idea iniziale poteva essere stuzzicante, scoprire che i propri obbiettivi per cui si è rinunciato alle comodità della vita sono incrinati, con la possibilità che si frantumino. E in questa situazione cedere all’imprevisto dell’amore, fino a lasciarsene trascinare. Era un assunto originale, che poi la sceneggiatura rende trito.

"Si tratta di personaggi che di fronte a situazioni estreme - ha affermato Morten Tyldum - devono fare scelte estreme”. Lo stesso regista ha forzato la credibilità in “Imitation Game” (2014), che però aveva un intreccio più solido, tra salvezza dei vite nella Seconda Guerra Mondiale e problemi personali del protagonista.

In “Passengers” Interessante è il ricorso a scelte retrò, come la Suite Vienna, su due livelli, con colori caldi. A ciò si unisce l’uso di effetti speciali visivi Erik Nordby, capaci di creare una soggezione che però non accontenta.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Funne - le ragazze che sognavano il mare: intervista alla regista del film Katia Bernardi

Funne - le ragazze che sognavano il mare è il film documentario di Katia Bernardi in questi giorni nelle sale. La storia segue dodici ottantenni che abitano in un paese di montagna delle Dolomiti e che non hanno mai visto il mare. Così in occasione del ventennale di un circolo di pensionati si decide di avviare una raccolta fondi per ...

 

Logan, immagini feroci nel nuovo trailer del film

Un nuovo trailer del film “Logan” è stato pubblicato: su YouTube la clip ha raggiunto 108.675 visualizzazioni in poche ore, su Facebook 248 mila. Nelle immagini vediamo la piccola Laura Kinney / X-23 (Dafne Keen) mentre sgranocchia delle patatine in un supermercato ed è fermata da un commesso: lei con una mossa da judo lo...

 

Recensione del film Qua la zampa!

Qua la zampa! (“A Dog's Purpose”) è il film di Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson e K.J. Apa. Nel 1962 Ethan Montgomery (Bryce Gheisar) e sua madre (Juliet Rylance) salvano un cucciolo di Golden Retriever ferito e abbandonato. Il cucciolo viene adottato, e il diversivo che porta nella casa è quello di ...

 

Carlo Verdone, il nuovo film sarà una tragicommedia sulla convivenza

Carlo Verdone ha annunciato con queste parole il suo prossimo progetto: “Il mio nuovo film sarà corale ed esplorerà le fragilità e le debolezze della convivenza ai nostri tempi”. La dichiarazione risale allo scorso giugno, ed è stata rilasciata dall’attore e regista romano in vista di “Alberto il ...

 

Recensione del film Arrival

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti). Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), f...

 

Raw, nuove immagini del film horror sul cannibalismo

Nuove immagini di “Raw” sono state diffuse, il film horror di Julia Ducournau. Nelle immagini la protagonista Justine (Garance Marillier) entra nella nuova scuola, poi lei viene immessa in un rito in cui deve mangiare carne. In altre scene assaggia con voracità della carne cruda presa dal frigorifero, infine è a letto con...

 

The Founder, 'non si diventa un milionario essendo un boy scout': intervista all'attore del film David de Vries

The Founder è il film di John Lee Hancock, con un cast composto da Michael Keaton, Nick Offerman, John Carroll Lynch, Laura Dern e David de Vries. La trama è quella di Ray Kroc, venditore dell’Illinois che incontra Mac e Dick McDonald. I due avevano avviato un’attività di vendita di hamburger nella California del S...

 

Film più visti della settimana in USA: 'Il diritto di contare' resta primo seguito da 'La La Land'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 gennaio 2017 vede al primo posto “Hidden Figures” (“Il diritto di contare”) della 20th Century Fox: la storia è quella della matematica afroamericana Katherine Johnson che con le colleghe coadiuva la NASA nella corsa allo spazio. L’incasso to...

 

Logan, con Hugh Jackman il terzo film spin-off su Wolverine

Lo spin-off. “Logan” è un film cinecomic diretto da James Mangold (“Quando l’amore brucia l’anima – Walk the Line”, “Quel treno per Yuma”) e interpretato principalmente da Hugh Jackman (“Prisoners”) e Patrick Stewart (presente in alcuni film di “Star Trek” e degli ...

 

Logan, nuove immagini del film cine comic

Il regista James Mangold ha pubblicato sul suo profilo Twitter tre nuove foto del film “Logan”. Si tratta del personaggio di Logan / Wolverine (Hugh Jackman), di Charles Xavier / Professor X (Patrick Stewart) e Laura Kinney / X-23 (la giovane Dafne Keen). Il film è ambientato nel futuro, quando uno stanco Wolverine e il Profess...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni