X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Oceania

22/12/2016 07:30
Recensione del film Oceania

Oceania ("Moana") è il nuovo film della Walt Disney

Oceania (“Moana”) è il film d’animazione di Ron Clements e John Musker. Prodotto dalla Walt Disney rievoca le possibilità di rinvigorire il brand dell’azienda piuttosto che raccontare una storia interessante.

Lontano è il periodo di “Frozen” (2013) in cui la protagonista Elsa doveva lottare contro una forza interiore cinica che la spingeva a gelare il paesaggio, e per estensione i sentimenti.

Ora invece ci ritroviamo con una giovane con la fattezze di “Pocahontas” (1995) e le ambizioni di Ariel de “La Sirenetta” (1989). Vaiana è una imperatrice che deve portare il benessere nella sua isola altrimenti votata alla distruzione: il padre Tui la dissuade, ma lei di nascosto supera la barriera corallina tanto temuta (non si comprende per quale motivo oggettivo). Così va alla ricerca del malvagio Maui, recuperando il cuore di Te Fiti, cesellato in pietra Pounamu, che poi l’aiuterà a sconfiggere il demone di lava Te Kā.

La direzione è lontana da quella di capolavori come “Big Hero 6” (2014), dove un robot Baymax aiuta il ragazzino Hiro Hamada rimasto senza fratello a riacquistare fiducia in se stesso. Oppure in “Zootropolis” (2016), con la città ideale in cui riportare l’ordine.

In "Oceania” invece ci si basa su tradizioni della Giamaica, tatuaggi, capacità di entrare in un Lalotai, regno dei mostri dove risiede il granchio Tamatoa, ganci da recuperare, ironici polli già visti. Anche dal punto di vista iconografico, le texture delle animazioni paiono più improvvisate, con colori goffi, poco affini allo splendore di “Inside Out” (2015).

Nella narrazione - soprattutto d’animazione - i bambini non sono ormai scevri dagli stimoli nuovi che giungono dal web, dove temi come l’insicurezza, la morte sono visitati. Basti pensare ad un film come “La mia vita da Zucchina” (2016), in cui il bambino di 9 anni Zucchina è vessato dalla madre alcolista, e dopo che lei muore finisce in un orfanotrofio con l’anelito di vita migliore. Oppure “Sing” (2016), in cui l’azione canora echeggia quella cinica dei talent show musicali.

Oppure la complessa narrazione di “Kubo e la spada magica” (2016), con il protagonista Kubo che deve trovare l’armatura indossata dal defunto padre samurai, per svelare il segreto del suo passato. Tutti questi film sono candidati ai Golden Globes 2017, e speriamo abbiano più visibilità di un semplice salto di una ragazzina in bikini su un’isola floreale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Moana - Oceania
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 

John G. Avildsen, Sylvester Stallone ricorda il regista scomparso del film 'Rocky'

John G. Avildsen, regista del film "Rocky" (1976) e "The Karate Kid” (1984) è scomparso all’età di 81 anni. Per il film “Rocky" - interpretato da Sylvester Stallone che era anche sceneggiatore - John G. Avildsen vinse l’Oscar. Lo stesso Stallone in un comunicato ha ribadito di avere avuto fortuna nella sua car...

 

Jesus VR: The Story of Christ, il primo film in realtà virtuale

“Jesus VR - The Story of Christ” è il primo film nella storia del cinema ad essere stato pensato e girato per la realtà virtuale. Il lungometraggio, realizzato dalla AutumnTM VR Inc. e da VRWERX, dura 90 minuti ed è composto da una serie di segmenti che raccontano la vita di Gesù Cristo. Un montaggio speciale...

 

Elizabeth Banks rettifica l'affermazione sui film di Steven Spielberg

Elizabeth Banks si scusa con Steven Spielberg per un’affermazione esternata martedì scorso, durante l’evento Women in Film Crystal - Lucy Awards (leggi l’intervista allo scrittore David I. Kertzer dal cui libro è tratto in nuovo film di Spielberg). L’attrice di Pittsfield aveva detto che il regista non ha "mai...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni