X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Florence

21/12/2016 07:30
Recensione del film Florence

"Florence" è il film di Stephen Frears con Meryl Streep e Hugh Grant, tratto da una storia vera.

Florence (“Florence Foster Jenkins”) è il film commedia di Stephen Frears con Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg e Rebecca Ferguson.

All’inizio vediamo Florence vestita da angelo scendere dall’alto del palcoscenico: solo un’attrice come la Streep poteva possedere la versatilità di mettersi in gioco per qualsiasi boutade.

Florence si rade i capelli, pur di indossare comodamente le parrucche. “Riesci ad immaginare com’e dev’essere tenere quasi 3000 persone nel palmo della mano”, dice al marito St. Clair Bayfield, evidenziando che è più il desiderio di influire sulle persone che mettere in luce le proprie capacità canore.

Florence Foster Jenkins pur non avendo capacità canore si esibisce ad un ristretto numero di persone. “È meglio stare senza pane che senza Mozart”, afferma al pianista Cosmé McMoon, che è interpretato da Simon Helberg (Howard Wolowitz di “Bing Bang Theory”). Da bambina volle studiare canto, il padre la dissuase e grazie all’eredità lasciatale poté prendere di nuovo le ambite lezioni.

Il regista Stephen Frear sa dosare dettagli e scene di azione, che in una vicenda simile - tratta da una storia vera - è necessaria. Non è facile neanche cantare malamente, ma Meryl Streep riesce in questa performance: “Alza il palato molle - consiglia il docente - c’è da lavorarci. Ma non hai mai cantato meglio di così”. Così restituisce la fiducia a Florence.

Esemplare è il modo in cui tutti la assecondano, e con una mimica allusiva Clair Bayfield riesce a restituire questo senso di protezione. Solo con un cast di attori tanto fluido era possibile ciò: il senso di protezione di Bayfield - un istrionico Hugh Grant - è l’altro aspetto del film, che Frears ripropone dopo “Lady Henderson presenta” (2005), “The Queen - La regina” (2006), “Philomena” (2013). 

La prima volta che appare sul vasto palco, il pubblico la asseconda. Una donna camicia a sghignazzare ed è accompagnata fuori. Gli altri nascondono le risate ma alla fine chiedono addirittura il bis.

Al di là delle performance, è il contorno ad essere essenziale: lo status di Florence la porta ad essere accettata. Ed il film diventa anche la storia di come essere una persona influente faccia convergere doti inesistenti. E il riflesso attuale, che virato nella musica mostra come l’uso di un mezzo - ad esempio quello televisivo - crei talenti con poche qualità. E anche le recensioni vengono pilotate, tanto che Clair Bayfield riesce a convincere i giornalisti a giudicare in maniera positiva la performance.

Nulla quindi sarebbe possibile senza il marito, Clair Bayfield che la compiace, crea un mondo dorato per lei, fittizio ma reale. Al nuovo concerto il teatro è colmo di spettatori, tra marinai venuti per guardare i décolleté delle ospiti e avventori: “quegli uomini vengono dalla guerra - dice Clair a Florence spaventata - puoi sanarli, coniglietta”. E anche il pianista Cosmé McMoon - riluttante - accetta grazie ad un codicillo sul testamento di Florence. Anche lui è incredulo: “Ho suonato al Carnegie Hall”, dice. Neanche il titolo del giornale, “Peggior cantante dell’anno” riesce a demordere Clair: lui compra tutte le copie del quotidiano. Una tacita connivenza tra i due che richiama le trame de "Le relazioni pericolose" (1988).

Devozione verso i propri obbiettivi e aiuto di persone vicine: è questo il racconto magistrale che propone Stephen Frears.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Meryl Streep, Hugh Grant, Stephen Frears

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Vice, il nuovo film con Bruce Willis e Ambyr Childers

Vice. Del regista californiano Brian A. Miller tutto si può dire tranne che non sia un buon frequentatore di action movie all'insegna del testosterone. Dopo il debutto nel 2010 con il film "Caught in the Crossfire" con il rapper 50 Cent, prosegue l'anno dopo l'abbinamento muscoli e sparatorie con "House of the Rising Sun" con Dave Bautista (...

 

Dove eravamo rimasti, Jonathan Demme dirige una Meryl Streep decisamente rock

Dove eravamo rimasti (Ricki and The Flash) film diretto da Jonathan Demme (premio Oscar alla regia per Il Silenzio degli Innocenti) e sceneggiato da Diablo Cody (Oscar alla migliore sceneggiatura per Juno). La storia sembra essere ispirata alla suocera della sceneggiatrice, che faceva parte di una band locale in New Jersey. La pellicola è st...

 

Meryl Streep, le ombre di una mamma rock accanto alla figlia Mamie Gummer in Dove eravamo rimasti

Dove eravamo rimasti film. Proiettato in anteprima mondiale al Festival di Locarno, Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash) arriverà nelle sale italiane il 10 settembre. Il ruolo di protagonista spetta a Meryl Streep nei panni di una rocker: voce, chitarra e leader della propria band. Trama. L'innaspettata telefonata dell'ex marito (Kevi...

 

Meryl Streep e Mamie Gummer, madre e figlia protagoniste in Dove eravamo rimasti

Ricki and the Flash, ovvero Dove eravamo rimasti secondo il titolo italiano, inaugura il Festival di Locarno domani, 5 agosto, con la proiezione in anteprima mondiale in Piazza Grande. La protagonista del film è Meryl Streep che, dopo 19 nomination e tre Oscar vinti, accetta la sfida di interpretare l'esuberante cantante leader di una rock b...

 

Meryl Streep rocker da urlo in anteprima mondiale al Festival di Locarno

Meryl Streep rocker doc. Anteprima mondiale per Ricki and the Flash che il 5 agosto in Piazza Grande inaugura il sessantottesimo Festival di Locarno. Protagonista del film è Meryl Streep, diretta dal regista Premio Oscar Jonathan Demme (Il silenzio degli innocenti, 1991) per la sceneggiatura di un altro Premio Oscar, Diablo Cody (Juno, 2008)...

 

Suffragette con Carey Mulligan e Meryl Streep, il film sulle donne che hanno cambiato la storia al London Film Festival

Suffragette inaugurerà il prossimo London Film Festival. È stato scelto, infatti, come film di apertura il 7 ottobre - il festival proseguirà fino al 18 ottobre. Diffuso il trailer, mentre nelle sale il film diretto da Sarah Gavron arriverà il 30 ottobre. Clare Stewart, direttrice del London Film Festival, ha motivato la...

 

Into the Woods, Disney porta il musical cult di Broadway a Hollywood

Into the Woods film diretto da Rob Marshall, scritto da James Lapine, tratto dal musical di Stephen Sondheim e James Lapine che ha debuttato a San Diego nel 1986. Into the Woods trama. In un regno lontano lontano vivono il Fornaio e sua moglie, che da molto tempo cercano di avere un figlio, ma senza riuscirci. Un giorno una terribile strega si pre...

 

Into the Woods anteprima film, Rob Marshall porta il mondo incantato sul grande schermo

Into the Woods. Dopo Cenerentola a firma di Kenneth Branagh, arriva un'altra pellicola di casa Disney: Into the Woods per la regia di Rob Marshall che sul grande schermo ha portato precedenti musical di successo come Chicago (2002) e Nine (2009). Trama. Into the Woods è stato definito come una sorta di medley delle fiabe più amate de...

 

Inferno anteprima film: dalle pagine di Dan Brown al set, il terzo con Tom Hanks diretto da Ron Howard

Inferno anteprima film. Squadra che vince non si cambia: ne sono più che convinti i produttori del film "Inferno", terzo adattamento per il grande schermo di un romanzo scritto da Dan Brown con protagonista lo studioso Robert Langdon. Visto il planetario successo dei precedenti blockbuster "Il codice da Vinci" e "Angeli e demoni" (prima...

 

The Conjuring 2: The Enfield Poltergeist, a breve primi ciak per il sequel de L'evocazione

The Conjuring 2: The Enfield Poltergeist horror di James Wan. Una vacanza fa bene a tutti: ne è certo anche il talentuoso nuovo mago del brivido James Wan, artefice della saga di "Saw" e di uno degli horror di maggior successo commerciale degli ultimi anni (nonchè insolitamente apprezzato dalla critica,) ovvero "L'evocazione- The...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni