X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Rogue One: A Star Wars Story

15/12/2016 07:30
Recensione del film Rogue One A Star Wars Story

"Rogue One: A Star Wars Story" è il film spin-off di "Star Wars"

Rogue One: A Star Wars Story è il film di Gareth Edwards distribuito dalla Walt Disney. Nel cast ci sono Felicity Jones, Diego Luna, Ben Mendelsohn, Mads Mikkelsen.

La storia è quella di Jyn Erso, giovane irrequieta che deve riunire i ribelli per combattere l’Impero. Finora ha lavorato da sola, adesso opta per la comunità, realizzando una missione disperata per conto dell’Alleanza Ribelle. Il gruppo - con l’intraprendete Saw Gerrera - deve sottrarre i piani della potente arma di distruzione ideata dall’Impero, la Morte Nera.

L’idea del film nacque con la produttrice Kathleen Kennedy che ansiosa di proporre a George Lucas il prosieguo della saga di “Star Wars” con gli Episodi VII, VIII e IX, senti affermare dal regista che era interessante raccontare anche vicende spin-off  ambientate in un’altro universo, con personaggi slegati dalla storia di Luke Skywalker.

Il regista Gareth Edwards ha già diretto “Godzilla” (2014) e “Monsters” (2010), sugli effetti di un’invasione aliena. Quindi si ritrova con una gestione dell’immaginifico complessa, fatta di sparatorie contro robot ma anche di elementi psicologici, che ormai la saga di “Star Wars” esige dopo “Star Wars: Il risveglio della Forza” (2015).

Sopratutto la presenza di una figura femminile inaugurata con il film del 2015 è la complessità maggiore, ovvero attribuire ad una donna capacità militari in un universo come quello di “Star Wars” maschile. Una scelta inusuale nella cinematografia recente, portata avanti da “Rogue One” e che continuerà nel 2017 con un'altra eroina, “Wonder Woman”. Così la gestione dello spazio femminile è il più arduo in “Rogue One”, per dare credibilità ai desideri di una giovane che anziché voler costruirsi una famiglia imbraccia armi e tenta di unire i colleghi per catturare la morte nera. Jyn Erso è soldato ed ex-criminale, cresciuta da sola dall'età di quindici anni, sconsiderata e ribelle, falsificò documenti imperiali, possedeva beni rubati, sulle fedina penale c’è anche l’aggressione aggravata e la resistenza all’arresto.

Sono caratteri tipicamente maschili. Così agiva Obi-Wan Kenobi in “Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni” (2002) e “Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith” (2005).

Questa presenza rosa all’interno di un mondo bellicoso è l’aspetto più interessante del film, ma al contempo anche l’intreccio e la psicologia difficili da gestire. Se l’idea è avvicinare anche un pubblico femminile alla saga maschile di “Star Wars”, l’obbiettivo è raggiunto. Se invece è creare una nuova genealogia della saga no, perché Jyn alla fine ragiona come un uomo, senza traccia di altro carattere. Il personaggio e il film stesso è come se attendere di essere realizzato, immerso in giochi di spionaggio, combattimenti, albe di lune. Paesaggi tra Islanda, Giordania e le Maldive.

Ricordiamo che il Rogue Squadron è uno squadrone aeronautico apparso per la prima volta in “Una nuova speranza” (1977) con il nome di "Red Squadron”, gruppo di X-wing a cui Luke Skywalker (Mark Hamill) è assegnato dopo essere entrato nell'Alleanza Ribelle. Lo squadrone appare ne “L'Impero colpisce ancora” (1980) come Rogue Squadron: dopo la Battaglia di Hoth lui ne è comandante, pianificando l’attività con un gruppo dei migliori piloti e combattenti in grado di accettare qualsiasi missione per combatte l'Alleanza Ribelle.

E invece in “Rogue One” il concetto di speranza e di ribellione emerge a tratti: doveva essere lo sprone del film ed invece ne è il contorno. Come forse è nell’epoca attuale in cui la comunità di intenti langue. Il medesimo impianto mitopoietico del film è abbassato, in previsione di un target maggiore da soddisfare: maschile e femminile, che replichi i 2,5 miliardi di dollari di incasso di “Star Wars: Il risveglio della Forza”.

A questo lavoro di unione di caratteri hanno infatti lavorato in quattro sceneggiatori, ovvero l’esperto Tony Gilroy che dopo “The Bourne Legacy” (2014) deve affrontare un’eroina differente, Chris Weitz che proviene da “Cenerentola” (2015) sempre della Disney, John Knoll che finora si è occupato solo di effetti speciali per vari film tra cui il disastroso “Tomorrowland - Il mondo di domani” (2015), e infine il più giovane Gary Whitta che la scritto alcuni periodi della serie animata “Star Wars Rebels”. La fusione di esperienze diverse è riuscita a intrecciare una storia che ne dovrebbe richiamare altre e che fatica a definirsi autoconclusiva. Ma che apre nuove strade per il genere di fantascienza, in cui sono le donne a detenere il comando. Infatti in “Star Wars: Episode VIII” (2017) l’orfana Rey continuerà la sua avventura con Finn, Poe e Luke Skywalker.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni