X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Rogue One: A Star Wars Story

15/12/2016 07:30
Recensione del film Rogue One A Star Wars Story

"Rogue One: A Star Wars Story" è il film spin-off di "Star Wars"

Rogue One: A Star Wars Story è il film di Gareth Edwards distribuito dalla Walt Disney. Nel cast ci sono Felicity Jones, Diego Luna, Ben Mendelsohn, Mads Mikkelsen.

La storia è quella di Jyn Erso, giovane irrequieta che deve riunire i ribelli per combattere l’Impero. Finora ha lavorato da sola, adesso opta per la comunità, realizzando una missione disperata per conto dell’Alleanza Ribelle. Il gruppo - con l’intraprendete Saw Gerrera - deve sottrarre i piani della potente arma di distruzione ideata dall’Impero, la Morte Nera.

L’idea del film nacque con la produttrice Kathleen Kennedy che ansiosa di proporre a George Lucas il prosieguo della saga di “Star Wars” con gli Episodi VII, VIII e IX, senti affermare dal regista che era interessante raccontare anche vicende spin-off  ambientate in un’altro universo, con personaggi slegati dalla storia di Luke Skywalker.

Il regista Gareth Edwards ha già diretto “Godzilla” (2014) e “Monsters” (2010), sugli effetti di un’invasione aliena. Quindi si ritrova con una gestione dell’immaginifico complessa, fatta di sparatorie contro robot ma anche di elementi psicologici, che ormai la saga di “Star Wars” esige dopo “Star Wars: Il risveglio della Forza” (2015).

Sopratutto la presenza di una figura femminile inaugurata con il film del 2015 è la complessità maggiore, ovvero attribuire ad una donna capacità militari in un universo come quello di “Star Wars” maschile. Una scelta inusuale nella cinematografia recente, portata avanti da “Rogue One” e che continuerà nel 2017 con un'altra eroina, “Wonder Woman”. Così la gestione dello spazio femminile è il più arduo in “Rogue One”, per dare credibilità ai desideri di una giovane che anziché voler costruirsi una famiglia imbraccia armi e tenta di unire i colleghi per catturare la morte nera. Jyn Erso è soldato ed ex-criminale, cresciuta da sola dall'età di quindici anni, sconsiderata e ribelle, falsificò documenti imperiali, possedeva beni rubati, sulle fedina penale c’è anche l’aggressione aggravata e la resistenza all’arresto.

Sono caratteri tipicamente maschili. Così agiva Obi-Wan Kenobi in “Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni” (2002) e “Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith” (2005).

Questa presenza rosa all’interno di un mondo bellicoso è l’aspetto più interessante del film, ma al contempo anche l’intreccio e la psicologia difficili da gestire. Se l’idea è avvicinare anche un pubblico femminile alla saga maschile di “Star Wars”, l’obbiettivo è raggiunto. Se invece è creare una nuova genealogia della saga no, perché Jyn alla fine ragiona come un uomo, senza traccia di altro carattere. Il personaggio e il film stesso è come se attendere di essere realizzato, immerso in giochi di spionaggio, combattimenti, albe di lune. Paesaggi tra Islanda, Giordania e le Maldive.

Ricordiamo che il Rogue Squadron è uno squadrone aeronautico apparso per la prima volta in “Una nuova speranza” (1977) con il nome di "Red Squadron”, gruppo di X-wing a cui Luke Skywalker (Mark Hamill) è assegnato dopo essere entrato nell'Alleanza Ribelle. Lo squadrone appare ne “L'Impero colpisce ancora” (1980) come Rogue Squadron: dopo la Battaglia di Hoth lui ne è comandante, pianificando l’attività con un gruppo dei migliori piloti e combattenti in grado di accettare qualsiasi missione per combatte l'Alleanza Ribelle.

E invece in “Rogue One” il concetto di speranza e di ribellione emerge a tratti: doveva essere lo sprone del film ed invece ne è il contorno. Come forse è nell’epoca attuale in cui la comunità di intenti langue. Il medesimo impianto mitopoietico del film è abbassato, in previsione di un target maggiore da soddisfare: maschile e femminile, che replichi i 2,5 miliardi di dollari di incasso di “Star Wars: Il risveglio della Forza”.

A questo lavoro di unione di caratteri hanno infatti lavorato in quattro sceneggiatori, ovvero l’esperto Tony Gilroy che dopo “The Bourne Legacy” (2014) deve affrontare un’eroina differente, Chris Weitz che proviene da “Cenerentola” (2015) sempre della Disney, John Knoll che finora si è occupato solo di effetti speciali per vari film tra cui il disastroso “Tomorrowland - Il mondo di domani” (2015), e infine il più giovane Gary Whitta che la scritto alcuni periodi della serie animata “Star Wars Rebels”. La fusione di esperienze diverse è riuscita a intrecciare una storia che ne dovrebbe richiamare altre e che fatica a definirsi autoconclusiva. Ma che apre nuove strade per il genere di fantascienza, in cui sono le donne a detenere il comando. Infatti in “Star Wars: Episode VIII” (2017) l’orfana Rey continuerà la sua avventura con Finn, Poe e Luke Skywalker.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista a S. Leigh Savidge, lo sceneggiatore candidato all'Oscar racconta il film 'Straight Outta Compton'

La notte degli Oscar svoltasi ieri ha tra le sezioni anche quella riservata ai film con sceneggiatura originale (Best Writing, Original Screenplay), inaugurata nel 1940. Prima di allora esisteva il premio Oscar al miglior soggetto, poi confluito in questo. Mauxa ha intervistato S. Leigh Savidge, che nel 2016 è stato candidato a questo premi...

 

Oscar 2017, immagini delle ultime prove con i candidati

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati agli Oscar 2017 durante le ultime prove della cerimonia, che si stanno svolgendo in queste ore. L’attore Dwayne Johnson è tra i presentatori, insieme a Michael J. Fox, Seth Rogan e al regista della cerimonia Glenn Weis. In altre immagini c’è Samuel Jackson, Mark Rylance, Sc...

 

Oscar 2017: l'Academy esclude dalla nomination un candidato al Miglior Missaggio sonoro

Su indicazione della commissione per la categoria inerente il “Miglior Missaggio sonoro” (Sounf Mixing), l’Academy e il consiglio di amministrazione hanno votato giovedì scorso affinché venisse annullata la nomination per Greg P. Russell, che ha lavorato al film “13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi”...

 

Oscar 2017, immagini dei candidati alla categoria miglior documentario

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidati alla sezione miglior documentario, che posano in attesa della cerimonia degli Oscar 2017. La cerimonia si tiene stasera 26 febbraio 2017, condotta da Jimmy Kimmel. Tra gli italiani vediamo il regista Gianfranco Rosi e la produttrice Donatella Palermo, per il film “Fuocoammare”; Ezra Edel...

 

Oscar 2017, immagini delle prove del cantante John Legend

Nelle immagini che mostriamo c’è il cantante John Legend, mentre presso il Dolby Theatre di Los Angeles effettua le prove in attesa dell’esibizione alla cerimonia degli Oscar 2017, che si tiene il 26 febbraio. Il cantante si esibirà con "City of Stars" e "Audition (The Fools Who Dream)”, dal film “La La Land&r...

 

Oscar 2017, immagini degli ultimi preparativi del red carpet

Nelle immagini che mostriamo ci sono le ultime fasi preparatorie della cerimonia degli Oscar 2017. Le statue degli Oscar sono inserite all’interno del Dolby Theatre, mentre all’esterno si prepara il red carpet. La cerimonia si tiene il 26 febbraio 2017. Il conduttore è Jimmy Kimmel, mentre è stato confermato che tra i pr...

 

Oscar 2017, immagini della cerimonia con i candidati al migliore film straniero

Nelle immagini che mostriamo ci sono i candidato agli Oscar 2017 nella categoria come migliore film straniero. C’è il regista di “Land of Mine - Sotto la sabbia” (“Under sandet”) Martin Zandvliet, per la Danimarca; per la Svezia c’è Hannes Holm che concorre con “En man som heter Ove” (&...

 

Premio César du cinéma: vince 'Elle', ma la rivelazione è il film 'Divines'

I premi César francesi si sono svolti ieri a Parigi presso il Théâtre du Châtelet: sono assegnati dall’Académie des arts et techniques du cinéma. A vincere è stato il film “Elle” di Paul Verhoeven, interpretato da Isabelle Huppert. La trama segue Michèle, una donna a capo di u...

 

Cruella, Emma Stone protagonista del live action su Crudelia De Mon

È di gennaio 2016 la notizia che Emma Stone fosse interessata a interpretare Crudelia De Mon in nell’ennesima trasposizione live action che la Disney stava progettando per uno dei suoi personaggi animati più famosi e amati. Lo scorso dicembre, la testata “Deadline” ha rivelato che Alex Timbers, acclamato regista di B...

 

Diario di una schiappa - Portatemi a casa: prima immagini del film commedia

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “Diario di una schiappa - Portatemi a casa!”, tratto dalla fortuna serie di libri di Jeff Kinney. La trama è quella del viaggio di famiglia che deve partecipare alla festa del novantesimo compleanno di Meemaw. L’idea è stata del figlio Greg, il quale in realt&agrav...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni