X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Miss Peregrine, La casa dei ragazzi speciali: Recensione del film

08/12/2016 09:00
Miss Peregrine La casa dei ragazzi speciali Recensione del film

Miss Peregrine di Tim Burton con Eva Green, Samuel L. Jackson e Ella Purnell

Con Miss Peregrine Tim Burton esplora il mondo fantastico tratto dal romanzo di Ransom Riggs, conferendo al film una narrazione ordinaria, a tratti tediosa.

La trama di Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali, ha per protagonista Jake (Asa Butterfield), un adolescente con pochi amici che dopo la morte del nonno e per merito di quest’ultimo, scopre il suo vero destino. Jak parte dalle spiagge della Florida e si ritrova in un isola del Galles nell’anno 1943, in un spazio temporale appositamente creato per ragazzi speciali. Con l’aiuto di un’ambigua psicanalista Jake raggiunge la casa dei bambini speciali dove scoprirà, finalmente, la sua peculiarità.

Tim Burton propone una narrazione ordinaria, non affatto speciale come in alcuni precedenti suoi lungometraggi. Esplora il mondo delle creature fantastiche, o per meglio dire speciali, descritto da Ransom Riggs ma lo fa senza troppo incidere, quasi restando sullo sfondo di una neutralità che non permette alla storia di emergere nella sua compiutezza.

La narrazione è consueta e punta su un giovane introverso che scopre d’essere l’eroe che nessuno si aspettava, compreso lui, che non sospettava d’essere un ragazzo speciale tra persone ordinarie. Mentre anche le dinamiche tra i personaggi appaiono piuttosto scontate. Una narrazione che a tratti sembra inaridita dalla forzata suggestività accumulata addosso agli ambienti ed impressa nei personaggi piuttosto che approfondire quest’ultimi nella loro indole per conferire alla trama quella coerenza e invero specialità che ha contraddistinto i precedenti capolavori di Tim Burton, come La sposa cadavere o Frankenweenie senza tornare a ritroso fino ad Edward mani di forbice.

Un film tratto dal romanzo di Ransom Riggs che appassionato di fotografia ha raccolto, nei vari mercati di oggetti d’epoca, le più curiose ed inquietanti foto, costruendoci un racconto fantasy-horror e vendendo centinaia di migliaia di copie solo nelle prime settimane dalla pubblicazione.

Eva Green nei panni di Miss Peregrine, con la sua inseparabile pipa, compie una interpretazione degna ormai della sua bravura così come piacevole è stato vedere Samuel L. Jackson nei panni dell’antagonista alla ricerca di macabre fonti di sussistenza.

Sebbene Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali, possa intrattenere i più piccoli e divertirli così come rilassare gli adulti laddove non ne rimarranno annoiati, potrebbe senz’altro deludere gli appassionati dei film del regista statunitense.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Eva Green

Da non perdere
Ultime news
Recensioni