X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Snowden

22/11/2016 07:30
Recensione del film Snowden

Oliver Stone è il regista di "Snowden" con Joseph Gordon-Levitt e tratto da una storia vera.

Snowden è il film di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, Shailene Woodley, Melissa Leo, Zachary Quinto e Tom Wilkinson.

Racconta la vicenda realmente accaduta di Edward Snowden (nato nel 1981), intepretato da Levitt: da informatico impiegato alla National Security Agency decide di svelare i programmi di sorveglianza elaborati dal governo degli Stati Uniti. Grazie ai giornalisti Glenn Greenwald (Quinto), Ewen MacAskill (Wilkinson), Laura Poitras (Leo) incontrati ad Hong Kong raccoglie una mole di dati da cui emerge che le comunicazioni tramite Google, Yahoo, Skype,, Facebook e altri sistemi digitali sono tracciati, non solo per ciò che concerne i governi stranieri o gruppi terroristici, bensì anche per normali cittadini americani.

Oliver Stone ha chiaro fin dall’inizio l’afflizione del protagonista, filmandolo con le viti conficcate in una tibia su un letto di ospedale, con un primo piano che disegna già una storia. La sua ansia di libertà è poi opposta, perché in un'altra scena guarda una foto dell’incontro tra John Kennedy e Nikita Chruščëv, segno di un discorso della giustizia che fatica ad emergere.

La chat rosa con cui dialoga con la fidanzata Lindsay Mills (Woodley) segna anche una inconciliabilita, tra il lato professionale che fagocita la sua vita, e quest’ultima che trova uno sfogo in un sentimento. La giovane con cui ha una storia, Lindsay segna anche uno stacco nella cinematografia di Stone, segnando la difficoltà - se non impossibili - di far legare la vita professionale con quella privata. E anche una scena di passione devia verso questa paura: infatti mentre Edward è a letto con Lindsay lui fissa la videocamera del portatile temendo che la scena venga registrata.

La sua vita privata clonata è quella di milioni di cittadini, esemplificati nella sequenza in grafica in cui i volti di utenti web, o al telefono si mescolano con le trascrizioni delle loro conversazioni: solo perché alla fine di un processo di registrazione hanno cliccato su “I Agree”, come nel fotogramma finale.

Il film “Snowden” risente di una lunghezza eccessiva, il che si tramuta in una prevalenza dei dialoghi rispetto all’azione, per far comprendere processi e ipotesi. Così anche l’andirivieni con la fidanzata è logoro, perché ingabbiato nei tentativi del protagonista di svolgere il suo lavoro, e di non poter liberarsene. Ed è la stessa gabbia cui si costringe Oliver Stone, non libero di far navigare il suo protagonista, quasi devoto a rispettare i fatti realmente accaduti.

Lo stesso regista ha ammesso questa difficoltà: “durante gli incontri iniziali Snowden era molto cauto. Non era interessato a chiudere un accordo per un film - ha detto . Era il suo avvocato quello interessato alla realizzazione di un film che appoggiasse la sua causa, e pensava che io fossi la persona giusta”.

La storia prende una svolta quando Snowden inserisce una microspia nel cubo di Rubik, usando un semplice escamotage per superare i controlli, fino al successo della sua battaglia.

Snowden risulta così un film troppo concentrato su un personaggio, monotematico, senza slanci narrativi particolari. Questo rischio era già insito nel progetto originale, dovendo raccontare un’esperienza realmente accaduta: ma mentre in “JFK - Un caso ancora aperto” c’era un Presidente assassinato il cui mistero della morte trascina decenni e personaggi illustri, qui siamo nel lato della persona comune che assurge ad imprese superiori. Film come “Erin Brockovich” o “American Sniper" hanno raccontato meglio questo aspetto.

E recentemente Oliver Stone ha sempre virato verso la rappresentazione amplificata della realtà, come ne “Le belve” (2012), “Wall Street - Il denaro non dorme mai” (2010).

Il finale di “Snowden” è identico a quello reale del l’informatico Edward Snowden. Quando capisce di essere un uomo ricercato, vola a Mosca: il governo degli Stati Uniti revoca il suo passaporto e lo costringe a rimanere in Russia. Mills lo raggiunge, ma anche stavolta il prezzo per la giustizia è modificare la propria vita privata.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1