X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Knight of Cups, recensione del film

11/11/2016 07:30
Knight of Cups recensione del film

Terrence Malick è il regista di Knight of Cups, con Christian Bale, Natalie Portman e Cate Blanchett

Knight of Cups è il film di Terrence Malick distribuito da Adler Entertainment. Ha un cast composto da Christian Bale, Natalie Portman, Cate Blanchett, Brian Dennehy, Antonio Banderas.

La voce fuori campo cara a Malick, già presente nei recenti “The Tree of Life” e “Voyage of Time” è un tratto costante anche di "Knight of Cups". Le immagini non riescono a raccontare da sole l’accaduto. A ciò mette fine un estremo terremoto, per cui il protagonista Rick (bale) si alza dal letto e scopre le conseguenze, con persone in strada, acquedotti rotti, elicotteri che sorvolano la città di Los Angeles. Siamo nel primo capito del film, “La Luna” con un titolo mutuato della carta dei tarocchi, simbolo di libertà.

Ne “l’Appeso” vediamo Rick - sceneggiatore disilluso - insieme al fratello Barry (Wes Bentley) e al padre Joseph (Brian Dennehy). “Figlio mio, sei come me. Non riesci a comprendere la tua esistenza”, afferma la voce fuori campo di Joseph, che perse un figlio e la cui morte grava sui pensieri. Rick incontra il secondo fratello, verso cui nutre un rapporto conflittuale: “All’epoca adoravo mio fratello. Ma lo odiavo anche, perché demoliva qualsiasi cosa cercassi di fare”. Come nei tarocchi, l’appeso è stato messo a testa in giù per tradimento, il che rievoca quello di Rick.

Ne “l’Eremita” lo troviamo playboy, sperimentando amori multipli. Rick incontra Helen (Freida Pinto), altre donne e stringe amicizia con Tonio (Antonio Banderas). Se la lanterna è l’oggetto stretto dall’eremita, anche Rick perde la sua strada.

Ne “Il giudizio” una scettica ex-moglie Nancy (Cate Blanchett) rimpiange la fine della sua storia con Rick. “Rimani, ti voglio”, dice lui, in una villa modernista immersa tra alberi, con architetture che cercano una razionalità non più perseguibile. Non mancano scene in riva al mare, su una strada solcata da aerei. Ed un tempo che passa inesorabile.

In altra ambientazione è “La Torre”, completamente urbana, tra grattacieli e ambizione: Rick incontra di nuovo Hell, “cosa vuoi da me? Che ti faccia un incantesimo”, chiede lei. Sembra punire la sua superbia e presunzione.

Ne “La Papessa” Rick incontra Karen (Teresa Palmer), spogliarellista e ballerina di lap-dance. “Vivi in un piccolo mondo fantasia, non è vero?”, chiede lei. Rick la scorrazza sul carrello della spesa. Sono certamente le scene più suggestive, ambientate nella finta Las Vegas, tra monumenti ellenistici e sontuosi. “Giaccio in questa prigione puzzolente”, commenta una voce, tra una fede persa.

In “La Morte” Elizabeth (Natalie Portman) è una donna con cui Rick ha avuto una relazione in passato. Tra i due s’instaura di nuovo un gioco, lei infila le dita del piede nella bocca: “Voglio andare via con te, sposarti”, proferisce lui, distesi in una nuova villa modernista in riva al mare. Elizabeth rivela di essere stata incinta, ma di non sapere se il foglio fosse di Rick o del marito. Poi Rick è in un paesaggio desertico, con aspre montagne intorno. “Noi dobbiamo solo sopportare i problemi che manda Dio. Considerali un dono” dice un prete, invitando al cambiamento.

Infine in “La Libertà” incontra Isabel (Isabel Lucas), una donna semplice che lo aiuta a trovare una via d'uscita.

È la scenografia la fase più importante de film, dove ogni passaggio di location segna anche un momento psicologico. Malick non riesce a tenere immobili i personaggi in un luogo, né a farli agire in maniera razionale. Il cast stellare incuterebbe soggezione a qualsiasi regista: Bale, Blanchett, Portman hanno registrato la loro voce sia in uno studio tradizionale che in posti come furgoni, lati della strada, a sottolineare la casualità della recitazione rispetto al film. Gli attori spesso erano gettati in una scena mentre gli altri attori non sapevano quale sarebbe stato il personaggio, costringendoli ad improvvisare.

Malick non a caso si è ispirato a testi filosofici o religiosi, come “Il pellegrinaggio del cristiano” di John Bunyan. Gli Atti di Tommaso, apocrifo del Nuovo Testamento che descrive la predicazione dell'apostolo di un cristianesimo ascetico durante un viaggio in India, culminato col il suo martirio. E lo stesso titolo del film corrisponde al "Cavaliere di Coppe", messaggero di buone speranze.

Il medesimo vagare è quello dei personaggi di “Knight of Cups”, dalla spiaggia ai grattacieli, dal deserto ai finti monumenti di Las Vegas. Un motivo per vedere il film è quello di guadare, più che ascoltare: Malick vuole confrontarsi con i blockbuster di Hollywood permeati di azione ed effetti speciali, lottando con l’arma dell’immaginazione. Così i paesaggi di Malick bastano ad un pubblico adepto, non a quello commerciale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Knight of Cups
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

I 100 personaggi più potenti di Hollywood secondo la rivista THR

La rivista The Hollywood Reporter ha stilato la classifica annuale delle 100 persone più influenti nel settore cinematografico e televisivo. Per redigerla - come riporta la stessa rivista - ci si è basati sulla capacità finanziaria dei personaggi, sulla possibilità di accedere a ingenti somme di denaro o al numero di se...

 

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni