X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Knight of Cups, recensione del film

11/11/2016 07:30
Knight of Cups recensione del film

Terrence Malick è il regista di Knight of Cups, con Christian Bale, Natalie Portman e Cate Blanchett

Knight of Cups è il film di Terrence Malick distribuito da Adler Entertainment. Ha un cast composto da Christian Bale, Natalie Portman, Cate Blanchett, Brian Dennehy, Antonio Banderas.

La voce fuori campo cara a Malick, già presente nei recenti “The Tree of Life” e “Voyage of Time” è un tratto costante anche di "Knight of Cups". Le immagini non riescono a raccontare da sole l’accaduto. A ciò mette fine un estremo terremoto, per cui il protagonista Rick (bale) si alza dal letto e scopre le conseguenze, con persone in strada, acquedotti rotti, elicotteri che sorvolano la città di Los Angeles. Siamo nel primo capito del film, “La Luna” con un titolo mutuato della carta dei tarocchi, simbolo di libertà.

Ne “l’Appeso” vediamo Rick - sceneggiatore disilluso - insieme al fratello Barry (Wes Bentley) e al padre Joseph (Brian Dennehy). “Figlio mio, sei come me. Non riesci a comprendere la tua esistenza”, afferma la voce fuori campo di Joseph, che perse un figlio e la cui morte grava sui pensieri. Rick incontra il secondo fratello, verso cui nutre un rapporto conflittuale: “All’epoca adoravo mio fratello. Ma lo odiavo anche, perché demoliva qualsiasi cosa cercassi di fare”. Come nei tarocchi, l’appeso è stato messo a testa in giù per tradimento, il che rievoca quello di Rick.

Ne “l’Eremita” lo troviamo playboy, sperimentando amori multipli. Rick incontra Helen (Freida Pinto), altre donne e stringe amicizia con Tonio (Antonio Banderas). Se la lanterna è l’oggetto stretto dall’eremita, anche Rick perde la sua strada.

Ne “Il giudizio” una scettica ex-moglie Nancy (Cate Blanchett) rimpiange la fine della sua storia con Rick. “Rimani, ti voglio”, dice lui, in una villa modernista immersa tra alberi, con architetture che cercano una razionalità non più perseguibile. Non mancano scene in riva al mare, su una strada solcata da aerei. Ed un tempo che passa inesorabile.

In altra ambientazione è “La Torre”, completamente urbana, tra grattacieli e ambizione: Rick incontra di nuovo Hell, “cosa vuoi da me? Che ti faccia un incantesimo”, chiede lei. Sembra punire la sua superbia e presunzione.

Ne “La Papessa” Rick incontra Karen (Teresa Palmer), spogliarellista e ballerina di lap-dance. “Vivi in un piccolo mondo fantasia, non è vero?”, chiede lei. Rick la scorrazza sul carrello della spesa. Sono certamente le scene più suggestive, ambientate nella finta Las Vegas, tra monumenti ellenistici e sontuosi. “Giaccio in questa prigione puzzolente”, commenta una voce, tra una fede persa.

In “La Morte” Elizabeth (Natalie Portman) è una donna con cui Rick ha avuto una relazione in passato. Tra i due s’instaura di nuovo un gioco, lei infila le dita del piede nella bocca: “Voglio andare via con te, sposarti”, proferisce lui, distesi in una nuova villa modernista in riva al mare. Elizabeth rivela di essere stata incinta, ma di non sapere se il foglio fosse di Rick o del marito. Poi Rick è in un paesaggio desertico, con aspre montagne intorno. “Noi dobbiamo solo sopportare i problemi che manda Dio. Considerali un dono” dice un prete, invitando al cambiamento.

Infine in “La Libertà” incontra Isabel (Isabel Lucas), una donna semplice che lo aiuta a trovare una via d'uscita.

È la scenografia la fase più importante de film, dove ogni passaggio di location segna anche un momento psicologico. Malick non riesce a tenere immobili i personaggi in un luogo, né a farli agire in maniera razionale. Il cast stellare incuterebbe soggezione a qualsiasi regista: Bale, Blanchett, Portman hanno registrato la loro voce sia in uno studio tradizionale che in posti come furgoni, lati della strada, a sottolineare la casualità della recitazione rispetto al film. Gli attori spesso erano gettati in una scena mentre gli altri attori non sapevano quale sarebbe stato il personaggio, costringendoli ad improvvisare.

Malick non a caso si è ispirato a testi filosofici o religiosi, come “Il pellegrinaggio del cristiano” di John Bunyan. Gli Atti di Tommaso, apocrifo del Nuovo Testamento che descrive la predicazione dell'apostolo di un cristianesimo ascetico durante un viaggio in India, culminato col il suo martirio. E lo stesso titolo del film corrisponde al "Cavaliere di Coppe", messaggero di buone speranze.

Il medesimo vagare è quello dei personaggi di “Knight of Cups”, dalla spiaggia ai grattacieli, dal deserto ai finti monumenti di Las Vegas. Un motivo per vedere il film è quello di guadare, più che ascoltare: Malick vuole confrontarsi con i blockbuster di Hollywood permeati di azione ed effetti speciali, lottando con l’arma dell’immaginazione. Così i paesaggi di Malick bastano ad un pubblico adepto, non a quello commerciale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Knight of Cups

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni